Oggi è 26 febbraio 2020, 16:38

Quattro passi di un collezionista impenitente tra G.N.R., esperienze, motivazioni e dintorni...

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale della Repubblica Sociale Italiana
Rispondi
Avatar utente
maurizio49
Messaggi: 262
Iscritto il: 13 luglio 2007, 12:43
Località: Roma

Quattro passi di un collezionista impenitente tra G.N.R., esperienze, motivazioni e dintorni...

Messaggio da maurizio49 » 29 ottobre 2016, 19:01

All'incirca 5 anni fa, da pensionato e nonno felice :fest: :fest:
,senza più impegni di lavoro, trovai naturale imbarcarmi in una nuova avventura filatelica.
Da tempo avevo pressoché ultimato la Repubblica usata (peccato di gioventù :OOO: ) ed in età già matura il Regno sempre usato sciolto, su frammento e/o busta.
Superato poi quel periodo di stanca che , prima o poi, ogni collezionista affronta, c'erano davvero tutte le premesse, per dedicarmi a nuove aree di interesse.

Per un po osservai la IV di Sardegna ma la trovai, da subito, controversa e per certi versi astrusa,
causa l'accanimento sulle sfumature estreme dei colori; neanche percepibili dall'occhio umano (almeno il mio), che poco dopo rinunciai.
Non me ne vogliano gli studiosi di questa interessante materia che pure non ho smesso di seguire con interesse nelle loro appassionate discussioni e nei cataloghi d'asta.

Ancora prima, avevo seguito con interesse anche il Lombardo-Vento; mi piacevano alcuni degli aspetti trattati. Mi colpì, favorevolmente, la preparazione di coloro che
intervenivano sul forum di discussione; in particolare un certo Giandri ed il suo modo di porsi all'interlocutore di turno,
con pacatezza e senza far pesare la sua "scienza" che pure c'era, e poi di Fildoc (che ancora seguo nei suoi interventi),
insomma un salotto tranquillo dove spendere bene qualcuna delle ore libere della giornata.
Ci mancò davvero poco!, poi mi frenò la vastità della materia, le troppe implicazioni con i colori, con gli annulli che risvegliarono
la mia conclamata allergia alla storia postale (almeno come oggi codificata)
e così feci un passetto indietro senza immaginare che sarei caduto successivamente, dalla padella alla brace!!!!!

Sfumato il Lombardo-Veneto, rispolverai una vecchia idea che si era affacciata già all'epoca del Regno, quella di approfondire la conoscenza del periodo della Rsi,
sicuramente di difficile approccio e con scarsa letteratura disponibile, specialmente guardando ai G.N.R.
Avrei incontrato difficoltà; molto da studiare, da spulciare :leggo: , ma in fondo non è poi la molla, anche se non l'unica, che ci spinge a collezionare e meglio a progredire?.
Il tempo in fondo, non mi mancava ( i soldini ..pochi purtroppo..come ad altri) e mi intrigava un periodo che conoscevo da
appassionato di storia contemporanea ma di cui mi mancava totalmente la visione filatelica.
Non mi ha spinto alcuna operazione nostalgia; parliamo di un periodo storico a me anagraficamente estraneo; si è trattato di uno slancio, motivato soltanto
dal gusto per lo studio e la ricerca di francobolli soprastampati in un periodo drammaticamente straordinario del nostro Paese.
L'ho intuii come il naturale completamento della mia esperienza filatelica.
E così, senza quasi rendermene conto, mi ritrovai immerso, senza più speranze, in un mondo criptico, labirintico tra montagne di falsi-falsi, di veri postumi,
di originali "ma non troppo", "si però" di ristampe , di specchietti per allodole e collezionisti sprovveduti, di pareri contrastanti
di diatribe accese etc etc....insomma tutto sommato un bell'ambientino tranquillo! :ko: :ko:

E le certezze?, i punti fermi? ........... pochi davvero!!!!! ed in parte, pure opinabili!!.
Ok, viste le premesse, devo anche ammettere, che non è stata tutta farina del mio sacco.
Nel bel mezzo di questo campo minato specie nei momenti difficili, di quasi sconforto,
sono stato spesso "tratto d'impaccio" ed affiancato da veri esperti del settore; alcuni di loro,divenuti poi negli anni, carissimi amici :abb:
e senza i quali non avrei avuto chance di riuscita e soprattutto la costanza nel proseguire indenne.

Il percorso, ad oggi, è ancora fortunatamente in salita e tortuoso (c'è sempre qualcosa da cogliere e da imparare) e non mi riferisco soltanto al francobollo in quanto tale,
ma alle storie, agli aneddoti, ai ricordi di chi c'era, ai "segreti" che si celano dietro e non ancora risolti e che rendono quasi unico ed affascinante il settore.
La complessità della materia mi ha obbligato a darmi un metodo e delle priorità altrimenti avrei rischiato di perdermi. :ricerca:
Ho iniziato ( e mai finito) con lo studio dei G.N.R. di Brescia, trascurando un po i Verona ,per la poca chiarezza che circonda questi ultimi.
Mi sono limitato ad imparare soltanto a come non confonderli con i loro ben più "blasonati" cugini bresciani, in attesa di studi specifici su stampe,
ristampe e tirature, promessi da tempo ma non ancora pubblicati.

Così, tornando ai Bs, di pari passo ai riferimenti storico-filatelici, ho approfondito lo studio dei "Tipi" di soprastampa;
quindi il complesso delle tirature, il perchè della loro realizzazione; per planare infine sulle varietà di composizione, all'interno delle singole tirature.
Ardua resta la distinzione tra tirature, in certi casi impossibile, ma io insisto e poi mi diverto; chissà che prima o poi trovi il sospirato passe-partout!.

(n.d.r. Sorani afferma che non esiste modo e non le certifica, altri dicono di si!!) Personalmente, con grande umiltà ritengo sia possibile,
anche se non sempre e non per tutti i valori; ma questa è un altra storia.

Mi diverto molto ad osservare i pezzi che mi capitano tra le mani o anche solo a monitor nel tentativo di classificarli, attribuirgli una tiratura credibile, spulciare falsoni.
Sempre forte la soddisfazione di scovare falsi "raffinati" , confrontandomi con amici che coltivano la mia stessa passione da più tempo e non mi fanno mai mancare il loro supporto.

Non nego, che lo studio di questo particolare periodo storico mi sta ancora dando stimoli ed emozioni che non ho mai provato in passato,
con Repubblica e Regno, pure gradevoli ed a loro modo interessanti.

Il costo per alimentare il giocattolo? : più o meno lo stesso a cui si va incontro in altri settori importanti, credo; molto dipenda dal grado di raffinatezza e di rarità che si vuol dare
alla raccolta, anzi qualche volta (non sempre) si riesce a spuntare la rarità, a prezzi decisamente più bassi che in altri settori.
Ciò è dovuto al ridotto numero di collezionisti rispetto, ad esempio, agli ASI. Faceva giustamente notare Gampers ,
qualche giorno fa su questo forum che - a rarità - anche un 3 Lire di Toscana impallidirebbe di fronte a non pochi pezzi di G.N.R.

Per ovvi motivi, sono rimasto un po indietro con i provvisori (fascetti) anche se mi riprometto un giorno di questi di iniziarne lo studio in maniera più incisiva e determinata,
Non ho intenzione però di cadere negli eccessi della IV di Sardegna, vista la mia limitata percezione a cogliere tutte le sfumature di colore.
Comunque il ritardo accumulato non mi preoccupa perchè so di poter contare su amici e su di uno in particolare (john), in grado di illuminarmi a dovere!.

Ed eccomi al punto delle note dolenti, cruccio e gioia di ogni collezionista : parlare del proprio rapporto con i tanto bistrattati certificati peritali.
Come dimenticare le posizioni espresse da tanti forumisti, assertori convinti (anche per molti aspetti a ragione) del principio in base al quale,
il ricorrere ossessivamente al certificato, comportasse il rischio di trasformarci da collezionisti di francobolli in collezionisti di expertise;
senza peraltro che questa pratica ci ponesse al riparo dai raggiri di venditori disonesti e/o da periti distratti.

Postulato ineccepibile, aggiungerei di mio che la superficialità e la svogliatezza con le quali si affrontano certi filoni collezionistici "complessi" ,
compreso il mercato che vi ruota intorno , ci rende, spesso, vittime naturali e predestinate dei mascalzoni.
Mi torna in mente la serie "simil-gnr" e certificato segnalati da Topollastro e provo ad immaginare la faccia di un ipotetico compratore.

Eppure, in apparente contraddizione, le mie raccolte, eccetto Repubblica, sono ahimè!!, letteralmente sommerse da certificati, di ogni tipo.
Ne ho di storici e meno storici , a volte doppi non voluti ,firmati da periti blasonati e meno, spesso già in dote ai francoboli acquisiti.
Chiedo perciò benevolenza a coloro che sono contrari a priori ai collezionisti di certificati, personalmente non mi sento assolutamente tale,
eppure ne conto complessivamente ben 108, così ripartiti:

Repubblica n° 4;
Regno n° 24;
Rsi n° 72;
Colonie e falsi Repubblica N° 8.


Molti altri pezzi privi di certificato, presentano comunque la sigla di un perito e così credo di avere ben pochi francobolli "vergini" al verso!.

E questo è giusto?, è sbagliato ? : a parere mio, dipende più semplicemente dal tipo di collezione che si imposta, dalle circostanze contingenti
ed infine dall'approccio che ognuno riserva al suo modo di collezionare.

Nella mie esperienze giovanili, è nato prima l'innamoramento per i "coriandolini di carta" viaggiati e solo col trascorrere degli anni, si è fatto spazio il desiderio di approfondire.
Ad esempio la mia prima serie importante ovvero i ginnici usati l'acquistai da Bolaffi nel 1977 certificata " Dott. Giulio Bolaffi". Allora non ne giravano molte,
figuriamoci senza parere di autenticità. Pensate che in quel mese lo stesso Bolaffi aveva in vendita, tra Torino, Milano e Roma, una sola serie ed era su cartolina della manifestazione;
la stessa che mi fece trovare nel negozio di via Condotti a Roma, proveniente da Torino e che poi fini nel mio album!.
Certamente non l'avrei mai acquistata senza certificato, cosa che non avrei mai fatto in futuro per un Gronchi rosa od un cavallino ruota ( a rischio panino!).

Sottolineato questo, sulla mia Repubblica usata, non credo ci sia molto da aggiungere; i pezzi invendibili senza certificato ,si contano con le dita di una mano;
ma soprattutto dove le occasioni di studio sono state praticamente zero, per uno come me ,"impermeabile" alla storia postale e men che meno alle specializzazioni.

Impatto diverso, l'ho avuto con il Regno usato e soprattutto in seguito con la Rsi nuova e usata che sia.
Allargando l'orizzonte alle serie chiave del Regno (ignorando le serie "perigliose" lungometraggio commemorative) , allora il discorso cambia diametralmente.

Prendiamo ad esempio, per semplicità, solo alcune di esse come: il congresso filatelico; cinquantenario Manzoni;
crociera Italina America Latina;l'1,75 dent.rara; Zeppelin.

Per queste serie la presenza del certificato non nasce quasi mai dalla richiesta del collezionista ma è fornito dal venditore a corredo del pezzo;
potrebbe anche accadere che per serie assai controverse il collezionista preferisca comunque appoggiarsi al giudizio del suo perito di fiducia prima di un acquisto;
richiedendo un supplemento di expertise e questo accade a volte nelle aste; ed ecco qui un caso di duplicazione dei pareri.

Quando iniziai a collezionare il Regno, internet ed aste online non esistevano, non esisteva neanche questo prezioso forum, materiale di confronto neanche a parlarne,
di "gatti e nà volpe" in giro però, sempre in quantità industriale.
Il settore tirava,tanti collezionisti e commercianti;convegni gremiti; i pezzi genuini introvabili ed allora quando si presentava una occasione di acquisto
l'unica garanzia la si riponeva nel parere degli allora periti di "fama". Fortuna qualche volta d'accordo nel merito.
In questi casi, io il certificato non l'ho stracciato ma riposto in una cartellina.
Oggi usufruendo dei pareri autorevoli che circolano online e facendo tesoro anche dei miei certificati storici, a volte riesco
anche a pescare pareri recenti "discutibili", francobolli dubbiosi etc.

Per quanto riguarda la Rsi, G.N.R. in particolar modo, valgono in parte le considerazioni già fatte per il Regno alle quali aggiungerei
che essendo i miei studi iniziati, in epoca più recente e con le connotazioni sopra descritte, posso contare su strumenti ed opportunità
prima impensabili e che mi pongono in forte vantaggio rispetto al passato.

Posso dire che i tentativi di affrancarmi dai certificati, matura quotidianamente di pari passo ai miei progressi in materia.
Pur non stracciando le certificazioni di cui sono entrato in possesso, le distinguo tra quelle importanti e datate rispetto a quelle più recenti ma soprattutto
riesco spesso ad esprimere giudizi autonomi sui pezzi che circolano e sulle certificazioni che ne vogliono attestare la originalità. Quando ho dubbi, trovo poi
sempre udienza tra gli amici di cui sopra.
Ci sarebbe molto da aggiungere sulle certificazioni "importanti e datate" sul perché le abbia chiamate così
e soprattutto sull'importanza che assumono quando trattiamo di G.N.R.; magari prima o poi capiterà l'occasione.

Ed eccomi giunto al termine del mia chiacchierata.
Scusatemi se mi sono dilungato, ma ci tenevo, dopo tanti anni di iscrizione al forum, a condividere parte delle mie esperienze,
anche se disordinatamente ed a rischio di annoiarvi.
Ciao: :abb:
Maurizio
Colleziono Repubblica e Regno usati : francobolli, frammenti,buste (annulli originali).
Colleziono e studio GNR nuovi ed usati (annulli originali) e fascetti
Mi interessa la storia postale del periodo 1943-1946 ma con un legame indissolubile al francobollo


Avatar utente
debene
Messaggi: 4644
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da debene » 29 ottobre 2016, 19:30

Carissimo Maurizio,
grazie per aver condiviso con noi il tuo percorso filatelico.

La specializzazione a volte è frutto del caso ma quale che sia l‘importanza è portarla avanti con lo studio e senza la spasmodica voglia della rincorsa al pezzo.

Mi confortano molto le tue considerazioni sui certificati peritali.
La filatelia ti avrà sicuramente arricchito culturalmente e avrà sicuramente riempito il tempo libero della tua condizione di pensionato.

Vorrei tanto che la tua esperienza possa servire di esempio ai giovani filatelisti.

Un abbraccio

Sergio
Sergio De Benedictis
STAFF
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.

Giorgio Di Raimo
Messaggi: 2244
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 29 ottobre 2016, 20:01

Ciao: Maurizio
grazie di aver condiviso questi tuoi pensieri "preziosi" sempre per i nuovi Ciao:
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza
https://www.delcampe.net/it/collezionis ... USCANPHILA

Avatar utente
ulisse
Messaggi: 906
Iscritto il: 14 giugno 2010, 15:08

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da ulisse » 29 ottobre 2016, 20:26

Ciao: Ciao:

Ciao Maurizio.

Ho letto con grande interesse quanto da te esternato sulle collezioni intraprese.

Anche se collezioniamo campi molto diversi condivido e ti capisco e nei dubbi e nelle soddisfazioni.

È stato un piacere. :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

:cof: :cof:
----------------------------------------------------------

Marino

Sostenitore dal 2010

Colleziono "Numeri 1" dal 1840 al 1860
Colleziono anche prime emissioni di ASI e Cavallini di Sardegna 1819-1820

Avatar utente
cirneco giuseppe
Messaggi: 5083
Iscritto il: 13 luglio 2007, 17:35
Località: Orbassano (TO)
Contatta:

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da cirneco giuseppe » 31 ottobre 2016, 17:48

caro Maurizio...
Eppure, in apparente contraddizione, le mie raccolte, eccetto Repubblica, sono ahimè!!, letteralmente sommerse da certificati, di ogni tipo.
Ne ho di storici e meno storici , a volte doppi non voluti ,firmati da periti blasonati e meno, spesso già in dote ai francoboli acquisiti.
Chiedo perciò benevolenza a coloro che sono contrari a priori ai collezionisti di certificati, personalmente non mi sento assolutamente tale,
eppure ne conto complessivamente ben 108,


pensa che i miei saggi sono accompagnati da una montagna di certificati, molto più dei tuoi 108 :leggo: .
Certificati che oggi getterei nel camino (se l'avessi :-) )
eppure, essendo un settore di nicchia e sconosciuto a tanti (lo era anche per me)
un certificato era quasi d'obbligo.
Adesso, rileggendoli, sorrido e penso alla ""ignoranza"" di questo o quel perito ed alle "cose" che ha scritto.
Ma, si sa, col tempo si acquisisce una padronanza che, appunto, ti fa sorridere.
..... pino .....Immagine
su ebay http://shop.ebay.it/merchant/gcirnec?_rdc=1

________________________________________________
NEMICO, DICHIARATO E CONVINTO, DEL GRONCHI LILLA

E' saggio sognare ma da stolti illudersi.

cerco e colleziono saggi e prove dagli ASI ad oggi solo Italia
http://www.antichistati.it

Immagine


Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2141
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da maupoz » 31 ottobre 2016, 18:58

Ciao: Ciao:

io ho "aggirato" la questione

da qualche anno faccio la raccolta dei certificati che ho raccolto in un bel album mentre, a parte, in una ex scatola di scarpe (o in una scatola di ex scarpe ) tengo i relativi francobolli sul retro dei quali ho scritto il riferimento al certificato

mi è sembrata la soluzione più logica

in tema di specializzazione sto dividendo i numerosi certificati in tre grandi categorie

buoni - dubbi - inattendibili

nei certificati dubbi ho messo la (sotto)categoria "testa o croce"
... del tipo ... tiratura di Londra o di Torino :mmm: :mmm: ...testa o croce!! :cin: :cin:


nei certificati inattendibili ho messo le (sotto)categorie
a) sbagliati perchè proprio "non c'azzecca niente"
b) sbagliati per via "delle conoscenze di allora"

non per denigrare le certificazioni , dovrebbero essere l'eccezione ma il più delle volte (visto quante ne circolano!) sono solo fatte per aumentare un pò il valore di quanto è venduto

... e come si dice dalle mie parti .....un bel nigutìn d'or, anche se faa su in de la carta d'argent, l'è semper un nigutin

"nigutin" è "niente", quindi: "un niente d'oro avvolto in carta argentata rimane sempre un niente"

però per chi lo ricevere è di molto effetto .... finchè non si rende conto di cosa ha ricevuto


Ciao: Ciao:
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
eugenioterzo
Messaggi: 1641
Iscritto il: 24 aprile 2011, 14:35

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da eugenioterzo » 31 ottobre 2016, 20:11

Caro Maurizio, apprezzo il tuo coraggio, affrontare un settore come questo non è per niente facile, io questo coraggio non lo trovo.
Questo settore che avrebbe tutti i requisiti per un buon collezionismo e riservare grandi soddisfazioni purtroppo è stato manipolato sin dall'inizio quando furono stampati.
Se poi aggiungiamo i falsari, i periti fasulli ed anche qualche commerciante poco serio, c'è da trovarsi in un mare di delusioni.
Anche sulle varie tirature, ancora oggi non sappiamo con certezza quanti pezzi ci sono in giro.
Ti ammiro ed un poco ti invidio, per avere quella forza che io vorrei avere.
Eugenio Ciao: Ciao:

Avatar utente
maurizio49
Messaggi: 262
Iscritto il: 13 luglio 2007, 12:43
Località: Roma

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da maurizio49 » 2 novembre 2016, 9:48

Ringrazio molto gli amici che hanno voluto condividere le mie riflessioni.
Mi sembra anche di cogliere che l'urticante problematica dei certificati ci trova sostanzialmente d'accordo :-) e questo non è poco.

Vorrei dire ad Eugenio che trovo la sua posizione sul settore rsi decisamente estrema. Certo occorre cautela ma non più di quanto ne servirebbe per altri periodi.
Non vorrei, con le mie parole, aver ingenerato il dubbio che mi stia muovendo in un mare di falsi e di imbrogli.
Se guardo ad esempio ai g.n.r. di Brescia, al netto dei falsi che pure esistono come altrove, in questo caso parlerei magari di zone ancore coperte da un velo di mistero ( vedi la questione dell'1,75 poi risolta dei fantomatici 2 fogli!!) piuttosto che di cose prefabbricate. Le diverse tirature furono eseguite per esaurire gli ulteriori fogli ancora disponibili; se ne conoscono le quantità e le composizioni. Se guardi agli errori di composizione, non sono create ad hoc per i collezionisti ma hanno una loro giustificazione legata alle scelte di stampa, alla usura dei caratteri ed alla necessità di eseguire i lavori nel più breve tempo possibile. Resto nel vago per i Verona dove ci sarebbe da fare maggiore chiarezza specialmente sulle ristampe che sembrano essersi protratte ben oltre il 25 aprile 45 ma anche qui spero che qualche studioso fornirà materiale fresco, ripartendo magari dal lavoro impostato a suo tempo da Sirotti. Sui provvisori, non è poi così complicato muoversi :mmm: almeno mi sembra. Personalmente per non sbagliare, rifiuto a priori tutte le "stravaganti" varietà dei fasci doppi, tripli ,capovolti creati ad uso dei collezionisti quando non addirittura richiesti da quest'ultimi. Se guardo ai fascetti di Firenze per esempio mi tengo distante dai 50 lire ma colleziono i valori soprastampati nelle varie tonalità di colore e così via.

Ciao: :-))
Maurizio
Colleziono Repubblica e Regno usati : francobolli, frammenti,buste (annulli originali).
Colleziono e studio GNR nuovi ed usati (annulli originali) e fascetti
Mi interessa la storia postale del periodo 1943-1946 ma con un legame indissolubile al francobollo

Avatar utente
eugenioterzo
Messaggi: 1641
Iscritto il: 24 aprile 2011, 14:35

Re: QUATTRO PASSI DI UN COLLEZIONISTA IMPENITENTE TRA G.N.R., ESPERIENZE, MOTIVAZIONI E DINTORNI

Messaggio da eugenioterzo » 2 novembre 2016, 17:41

Sei stato gentile a rispondermi, seguirò con attenzione i tui vari articoli su queso difficile ma interessante settore.
Eugenio

Revised by Lucky Boldrini - October 2018


Rispondi

Torna a “Repubblica Sociale Italiana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: