Oggi è 19 giugno 2019, 8:56

Riflessioni ideologiche-filosofiche

Sezione dedicata alla discussione di certificati e perizie che lasciano perplessi e/o sbagliati e dei quali si vuole approfondire parlandone tra collezionisti.
E' importante leggere il messaggio in testa alla sezione riportante le Regole
Regole del forum
In questa sezione si discute di Certificati Peritali che ci fanno sorgere dei dubbi o che si sospetti siano sbagliati. E' la più delicata delle sezioni del Forum perché si andrà a parlare dell'operato di professionisti del settore che svolgono questa professione e di questo magari debbono vivere. Per tale motivo si raccomanda di mantenere i toni della discussione assolutamente garbati ed evitare facile sarcasmo. Non dimentichiamoci che il RISPETTO deve essere alla base delle discussioni e che anche nel caso si discuta di errori palesi essi sono sempre in agguato nella vita professionale di ognuno di noi. Tutti possiamo sbagliare e lo dimostrano gli errori che sono stati fatti anche da grandi nomi della filatelia presente e passata. Non si dovrà mai mettere alla berlina un perito che ha sbagliato ma si dovrà adottare un clima di "considerazione" perché diamo per scontato che, ove l'errore si verifichi, alla base ci sia sempre la buona fede. Inoltre non bisogna dimenticare che si possono falsificare pure i certificati quindi si raccomanda ulteriore cautela nel caso il Certificato ci sia pervenuto a corredo di un pezzo acquistato. Ci auspichiamo che questo spazio possa anche essere utile ai professionisti affinché possano fare tesoro dei loro eventuali errori, o scoprire eventuali Certificati falsificati, e lasciamo a tutti loro ogni diritto di intervento sia diretto che tramite referenti. Sarebbe inoltre auspicabile che i collezionisti che apriranno i topic mettano sempre prima il pezzo e lasciare che gli iscritti del forum possano esaminarlo e discuterlo e solo successivamente mostrare il certificato. Confido nella sensibilità e serietà di tutti voi. Ogni messaggio offensivo, a esclusiva discrezione dello Staff, verrà rimosso e l'iscritto ammonito. Per qualsiasi segnalazione potete inviare una email a admin@filateliaefrancobolli.it
Rispondi
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9271
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Riflessioni ideologiche-filosofiche

Messaggio da fildoc » 16 dicembre 2018, 8:59

Recentemente ho mostrato piu' volte delle perizie che, secondo la mia personale opinione, non descrivevano o ricostruivano correttamente i pezzi che venivano certificati.
E giustamente mi è stato fatto osservare di essere meno aggressivo nei confronti della categoria peritale....
In pratica un carissimo amico mi ha dato del giacobino!

Premetto che sposo interamente quanto scritto in rosso ed evidenziato pure in rosso sopra a questo topic
comunque vorrei fare alcune riflessioni.

Filatelia e francobolli è per definizione il sito dei collezionisti per i collezionisti.
Quindi uno dei compiti del forum è di aiutare ed educare i collezionisti a muoversi nel difficile mondo della filatelia,
dove i certificati non sono sempre documenti infallibili e non sono neppure garanzie con un valore legale considerevole, in quanto i periti non hanno un albo professionale.
Certamente essi quasi sempre riportano il prezioso parere di un esperto del settore, ma non devono essere presi per oro colato.
Quindi una puntuale disamina delle perizie è parte integrante degli impegni di questo forum.

La filatelia è un magnifico hobby, essa nel tempo è evoluta e cresciuta;
alcuni convicimenti si sono modificati
alcuni metri di giudizio pure si sono modificati;
tuttavia non bisogna essere integralisti,
il conoscere filatelico è un divenire, pertanto gli errori e le incongruenze sono un'occasione per migliorare le teorie e le qualita';
Copernico non avrebbe scoperto il suo sistema se non avesse studiato attentamente Tolomeo,
Newton fa una delle sue più importanti scoperte per conciliare le incongruenze fra le traiettorie ellittiche di Keplero e le parabole di Galileo.
Non possiamo certo paragonare la filatelia alla fisica astronomica, ma possiamo sforzarci, per crescere, di applicare rigorosi principi.

I periti filatelici sono persone che in genere hanno studiato molto
che conoscono a fondo la materia
che faticosamente si sono guadagnati una reputazione,
ma a volte rischiano di avventurarsi in territori poco conosciuti
rischiando di diventare tuttologi poco attendibili.

Vorrei infine far rilevare la pesante responsabilità di chi fa una perizia...
Il perito di fatto quando fa una perizia la scrive, la data e la firma...
e poi come una freccia...
la scocca!
La perizia da quel momento accompagnerà il francobollo per sempre!
Se essa sara' inesatta o ancor peggio sbagliata, oltre a fuorviare i collezionisti sara' una macchia indelebile per il perito.
Quindi i periti, per avere un loro prestigio personale, devono evitare gli errori non solo per non mettere fuori strada i collezionisti,
ma soprattutto per accrescere la loro attendibilità!
Per cui certe giustificazioni:
"ero stanco..."
"ho un sacco di lavoro..."
"...su tanti certificati qualche volta si può sbagliare"
"mi sono fidato di quello che tizio mi ha detto...."
"credevo..."
"...ho visto male"
per me sono giustificazioni deboli.
Concordo che "errare humanum est"
ma anche che
"perseverare autem diabolicum"
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di fildoc il 16 dicembre 2018, 9:20, modificato 1 volta in totale.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9271
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Riflessioni ideologiche-filosofiche

Messaggio da fildoc » 16 dicembre 2018, 9:11

Quindi per concludere
prudenza nel credere ai certificati
prudenza a scriverli
prudenza nel giudicarli
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
francyphil
Messaggi: 2567
Iscritto il: 14 luglio 2007, 17:08
Località: Parma

Re: Riflessioni ideologiche-filosofiche

Messaggio da francyphil » 16 dicembre 2018, 9:19

Sarò ripetitivo e antipatico :D , ma ogni albo professionale riconosciuto include come norma generica

I principi fondamentali cui il XXX (medico, ingegnere, etc) deve costantemente ispirare l'esercizio della professione sono perizia, prudenza e diligenza.

Fintanto che ognuno farà come vuole non ne verremo mai a capo. :dub:
Francesco
--------------------
Colleziono:
Marcofilia Parma e provincia pre 1946 - Annulli meccanici del Regno e Repubblica - Annulli speciali italiani pre 1946 - Annulli Duplex - Annulli alberghieri italiani - Francobolli-Moneta italiani - Erinnofili antitubercolari del Regno - Annulli meccanici Tedeschi pre 1946 - Tematica Rugby ... e raccolgo quello che mi piace :-))

FF since 02 Gen 2005

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2246
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Riflessioni ideologiche-filosofiche

Messaggio da francesco luraschi » 16 dicembre 2018, 10:14

La storia postale, e la filatelia in particolare, risente dell'impronta dilettantesco-collezionistica dell'intero settore sebbene negli ultimi decenni siano stati fatti sforzi da parte di particolari autori per promuoverla a livello accademico. Esistono infatti sia libri sia tesi che affrontano la storia postale non solo dal punto di vista filatelico-marcofilo-tassazione ma come branca della storia delle comunicazioni: quindi spero che in futuro in quest'ottica possa attrarre maggiori studiosi per avvicinarla ad esempio alla numismatica.

Al momento il leit-motiv è capire se un esemplare o originale o falso o se la lettera è correttamente affrancata e tassata: ben pochi si soffermano sulla modalità di piegatura della lettera in forma da viaggio o sulla compilazione dell'indirizzo. Eppure la comunicazione per iscritto sta scomparendo e questo dovrebbe fare riflettere.

Forse perché questi due temi non muovono quattrini? Provate a chiedere la differenza tra lettera, busta e soprascritta. La sanno tutti?

Un settore di dilettanti, anche chi di questo settore trae da vivere. E per questo gli studiosi, quelli veri, stanno alla larga e i non appassionati quando gli dici che raccogli i francobolli aggiungono: "ah, ti piacciono le figurine!".

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
debene
Messaggi: 5003
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: Riflessioni ideologiche-filosofiche

Messaggio da debene » 16 dicembre 2018, 11:37

E' una problematica che abbiamo sviscerato più volte e credo che ormai
ognuno si sia fatta la propria opinione.
La mia sulla questione è questa:

i periti non possono formare un ordine ma voglion esser casta intoccabile
ma essendo "cani sciolti" ognuno si autoreferenzia da solo.
Alla fine è il mercato che farà la differenza!

del resto loro vivono ( la stragrande ) di questo e quindi per ragioni economiche
non si tirano indietro davanti a nessun tipo di perizia, "dal pezzo di carta" del 1400
all'ultima varietà di repubblica.

Quindi Massimiliano come può un simile professionista "tuttologo" rapportarsi con
il giudizio di chi ha invece studiato nel corso del suo iter filatelico una sola emissione di un solo
Stato o a volte un solo francobollo.

Ma come ho ripetuto più volte la colpa non è tanto dei periti ma dei commercianti e dei collezionisti.

I primi ( la stragrande ) non sanno giudicare da soli i pezzi che vendono e quindi si servono dei periti.
Ma come li scelgono: per loro stessa ammissione quelli che fan pagare di meno e poi i risultati
si vedono. Noi diciamo " come spendi mangi ".

I secondi non comprano un pezzo se non ha almeno tre certificati, possibilmente redatti in "ere filateliche"
diversificate nel tempo, facendo come abbiamo detto più volte collezione di certificati piuttosti che di francobolli.

Alcuni di voi hanno dato esempi di come l'intera faccenda si posso perlomeno regolarizzare a tutto vantaggio
degli utenti finali, ma evidentemente c'è una volontà condivisa di lasciare il collezionista a
"barcamenarsi in una jungla".

Ciao:

sergio
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.


Rispondi

Torna a “Il Certificato del perito ed il Parere del collezionista”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti


Sostieni il forum: