Oggi è 23 luglio 2019, 18:06

Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Sezione dedicata alla discussione di certificati e perizie che lasciano perplessi e/o sbagliati e dei quali si vuole approfondire parlandone tra collezionisti.
E' importante leggere il messaggio in testa alla sezione riportante le Regole
Regole del forum
In questa sezione si discute di Certificati Peritali che ci fanno sorgere dei dubbi o che si sospetti siano sbagliati. E' la più delicata delle sezioni del Forum perché si andrà a parlare dell'operato di professionisti del settore che svolgono questa professione e di questo magari debbono vivere. Per tale motivo si raccomanda di mantenere i toni della discussione assolutamente garbati ed evitare facile sarcasmo. Non dimentichiamoci che il RISPETTO deve essere alla base delle discussioni e che anche nel caso si discuta di errori palesi essi sono sempre in agguato nella vita professionale di ognuno di noi. Tutti possiamo sbagliare e lo dimostrano gli errori che sono stati fatti anche da grandi nomi della filatelia presente e passata. Non si dovrà mai mettere alla berlina un perito che ha sbagliato ma si dovrà adottare un clima di "considerazione" perché diamo per scontato che, ove l'errore si verifichi, alla base ci sia sempre la buona fede. Inoltre non bisogna dimenticare che si possono falsificare pure i certificati quindi si raccomanda ulteriore cautela nel caso il Certificato ci sia pervenuto a corredo di un pezzo acquistato. Ci auspichiamo che questo spazio possa anche essere utile ai professionisti affinché possano fare tesoro dei loro eventuali errori, o scoprire eventuali Certificati falsificati, e lasciamo a tutti loro ogni diritto di intervento sia diretto che tramite referenti. Sarebbe inoltre auspicabile che i collezionisti che apriranno i topic mettano sempre prima il pezzo e lasciare che gli iscritti del forum possano esaminarlo e discuterlo e solo successivamente mostrare il certificato. Confido nella sensibilità e serietà di tutti voi. Ogni messaggio offensivo, a esclusiva discrezione dello Staff, verrà rimosso e l'iscritto ammonito. Per qualsiasi segnalazione potete inviare una email a admin@filateliaefrancobolli.it
Rispondi
Avatar utente
Lucas
Messaggi: 19
Iscritto il: 25 maggio 2013, 19:48

Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da Lucas » 24 giugno 2019, 13:44

Non so se se ne é gia parlato, ma una possibile (parziale) soluzione per risolvere l'annoso problema relativo all'autenticitá dei certificati, potrebbe essere quella di applicare i seguenti punti:

1. Inserire nel certificato cartaceo un codice identificativo univoco
Utilizzando un QR code é possibile quindi associare il riferimento univoco ad un indirizzo internet (univoco anch'esso) al sito web del perito. In questo modo, chiunque potrebbe verificare al volo con un semplice smartphone se il certificato é stato effettivamente emesso dallo specifico perito o no.

2. Firmare digitalmente una scansione del certificato
Una scansione PDF del certificato firmato digitalmente potrebbe essere inviato al cliente stesso. In questo modo si sarebbe certi della sua autenticitá.

Questa soluzione sarebbe relativamente facile da implementare e dai costi certamente contenuti.

Certo, si potrebbe andare su soluzioni piú complesse e certamente piú affidabili come la blockchain ma non sono sicuro che al momento sia praticabile (per tutta una serie di motivi che non sto qui ad elencare).

Sapete se qualcuno ci ha giá pensato?

Lucas


Avatar utente
cirneco giuseppe
Messaggi: 5166
Iscritto il: 13 luglio 2007, 17:35
Località: Orbassano (TO)
Contatta:

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da cirneco giuseppe » 24 giugno 2019, 14:05

Quando sui certificati si apponeva la foto dell'oggetto periziato, alcuni periti
(io ne conosco almeno uno) ci scrivevano sotto un codice alfanumerico.
Il codice indicava con le lettere il nome del cliente che aveva richiesto il certificato e con i numeri l'anno ed il numero progressivo del certificato
richiesto da quel cliente.
Adesso che i certificati riportano stampata l'immagine dell'oggetto, in effetti, si potrebbe passare al codice a barre.
..... pino .....Immagine
su ebay http://shop.ebay.it/merchant/gcirnec?_rdc=1

________________________________________________
NEMICO, DICHIARATO E CONVINTO, DEL GRONCHI LILLA

E' saggio sognare ma da stolti illudersi.

cerco e colleziono saggi e prove dagli ASI ad oggi solo Italia
http://www.antichistati.it

Immagine

Avatar utente
Stefano T
Messaggi: 1609
Iscritto il: 21 luglio 2007, 12:44
Località: Trieste

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da Stefano T » 24 giugno 2019, 18:36

Ciao:

Il problema è che il perito non può mettere a disposizione di tutti sul suo sito le immagini dei propri certificati, sia per una questione di privacy che, a volte, per espressa volontà da parte dei propri clienti che generalmente sono gelosi dei loro francobolli. E' un rapporto abbastanza stretto che si basa sulla fiducia quello tra perito e cliente.

Penso inoltre che anche il QR code possa essere copiato su un certificato falso sul quale, magari, è stata riprodotta l'immagine dello stesso tipo di francobollo di quello originale.

Ma dato che ogni perito conserva nel proprio archivio una copia di ogni certificato da lui emesso, e che ai giorni nostri tutti dovrebbero avere un indirizzo di posta elettronica ed uno scanner o uno smartphone con fotocamera, penso che basti inviare le immagini con una buona risoluzione al perito per avere una sua conferma sull'originalità del pezzo.
Ciao: Ciao: Ciao:

Stefano
-------------

S T A F F


Colleziono nuovi ** del Regno d'Italia, Trieste A e B con varietà, Occupazione Jugoslava di Trieste, Istria e Litorale Sloveno e IV di Sardegna

SOSTENITORE

Avatar utente
Lucas
Messaggi: 19
Iscritto il: 25 maggio 2013, 19:48

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da Lucas » 24 giugno 2019, 20:51

Stefano T ha scritto:
24 giugno 2019, 18:36
Il problema è che il perito non può mettere a disposizione di tutti sul suo sito le immagini dei propri certificati, sia per una questione di privacy che, a volte, per espressa volontà da parte dei propri clienti che generalmente sono gelosi dei loro francobolli. E' un rapporto abbastanza stretto che si basa sulla fiducia quello tra perito e cliente.
Perché non puó farlo? Non vedo nessun impedimento tecnico.
Inoltre la privacy sarebbe comunque garantita perché il codice univoco associato al certificato e a cui corrisponderebbe anche l'indirizzo internet (su https) potrebbe essere, ad esempio, uno SHA256. Solo il possessore può visualizzare i dati del certificato. Nessun altro. O forse ti riferisci a qualcos'altro? Tieni a mente comunque che qui il problema da risolvere NON è quello di sapere CHI possiede il certificato ma SE IL CERTIFICATO E' AUTENTICO e quindi è stato emesso dal tal perito. Per avere entrambe le informazioni (e non è questo l'obiettivo) allora sarebbe necessaria la blockchain o simili.
Stefano T ha scritto:
24 giugno 2019, 18:36
Penso inoltre che anche il QR code possa essere copiato su un certificato falso sul quale, magari, è stata riprodotta l'immagine dello stesso tipo di francobollo di quello originale.

Ma dato che ogni perito conserva nel proprio archivio una copia di ogni certificato da lui emesso, e che ai giorni nostri tutti dovrebbero avere un indirizzo di posta elettronica ed uno scanner o uno smartphone con fotocamera, penso che basti inviare le immagini con una buona risoluzione al perito per avere una sua conferma sull'originalità del pezzo.
Infatti per questo sarebbe possibile usare la firma digitale come spiegavo. Il perito firma digitalmente il PDF del certificato con le immagini ad alta risoluzione. Cosi la conferma dell'autenticità "viaggia" insieme con il "prodotto".

A mio avviso, questi accorgimenti, utilizzati insieme ridurrebbero drasticamente il problema dei certificati falsi.

Lucas

guller
Messaggi: 6
Iscritto il: 31 gennaio 2012, 23:10
Località: Napoli

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da guller » 25 giugno 2019, 16:24

In numismatica già esiste ed è un valido riferimento per chi acquista.
La NGC incapsula tutte le monete periziate fornendo anche lo stato di conservazione in uno slab dotato di codice univocamente assegnato.
In un DB si digita il numero di serie che accompagna il certificato ed il loro sito restituisce esattamente l'oggetto in questione senza far riferimento all'attuale possessore.
https://www.ngccoin.com/certlookup/


piersant
Messaggi: 23
Iscritto il: 24 dicembre 2014, 16:02

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da piersant » 27 giugno 2019, 16:57

Tutto quello che scrivete vale per i certificati futuri... girano però molti certificati vecchi: non di raro il certificato ha più di 10 anni. Bisognerebbe dare anche un limite di validità..... in 10 ani un francobollo può cambiare (peggiorare) e non essere più quello di una volta ( proprio come noi collezionisti)
Ciao:

Avatar utente
Lucas
Messaggi: 19
Iscritto il: 25 maggio 2013, 19:48

Re: Una possibile soluzione tecnica per l'autenticitá dei certificati

Messaggio da Lucas » 28 giugno 2019, 8:15

piersant ha scritto:
27 giugno 2019, 16:57
Tutto quello che scrivete vale per i certificati futuri... girano però molti certificati vecchi: non di raro il certificato ha più di 10 anni. Bisognerebbe dare anche un limite di validità..... in 10 ani un francobollo può cambiare (peggiorare) e non essere più quello di una volta ( proprio come noi collezionisti)
Ciao:
Sono d'accordo. Per i vecchi si potrebbe comunque richiedere al perito una copia digitale (non una ricertificazione) dei vecchi certificati magari a fronte di una spesa relativamente modesta.
Comunque, credo sia il perito che debba valutare il danno di immagine ed economico che i certificati falsi gli recano e valutare su quella base se fornire il certificato digitale in maniera gratuita o a fronte di un costo da pagare da parte dell'acquirente.

Lucas


Rispondi

Torna a “Il Certificato del perito ed il Parere del collezionista”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Sostieni il forum: