Oggi è 19 giugno 2019, 5:08

Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Forum di discussione su argomenti generici che non siano riconducibili ad un antico Stato in particolare
Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 874
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da johnmilano83 » 5 dicembre 2018, 0:59

fildoc ha scritto:
4 dicembre 2018, 23:35
Secondo me, non torna...
chi timbra il francobollo scrive anche il 6.....
e il francobollo è stato visto e timbrato!

il 25 è solo il cambio di una tassa austriaca!
Più che altro secondo me chi scrive il 6 poi lo cassa e scrive anche il 25, l'inchiostro dei due numeri mi sembra lo stesso. Mi sembra anche logico che sia l'addetto dell'ufficio piacentino a preoccuparsi di fare le conversione da una valuta all'altra e se ciò è corretto questa persona non può essere la stessa che annulla il francobollo a Milano...

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9271
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da fildoc » 5 dicembre 2018, 8:05

ma a Piacenza non tassavano in kreuzer....
bensi' direttamente nella loro valuta...
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9271
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da fildoc » 5 dicembre 2018, 8:05

ma a Piacenza non tassavano in kreuzer....
bensi' direttamente nella loro valuta...
inoltre chi timbra con il timbro Piacenza al retro non puo' non aver visto il francobollo!
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 874
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da johnmilano83 » 5 dicembre 2018, 9:53

fildoc ha scritto:
5 dicembre 2018, 8:05
inoltre chi timbra con il timbro Piacenza al retro non puo' non aver visto il francobollo!
In effetti non hai tutti i torti! L'annullo di arrivo è talmente evanescente che neanche ci avevo fatto caso... Quindi decade anche la teoria del francobollo non visto a Piacenza... non so più cosa pensare... :preo: :desp:

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2246
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da francesco luraschi » 5 dicembre 2018, 11:43

Tutto sommato rimango della mia opinione anche se poi una certezza matematica non l'avremo mai.

Riguardo la doppia tassazione in moneta diversa: non era una regola ma spesso compare, come su questa lettera da Milano a Pesaro tassata per doppio porto. I 15 carantani sono stati tradotti in 12 bajocchi. Il bollo BOLLO INSUFFICIENTE asseverava la tassa a carico del destinatario.


Per ciò che riguarda il timbro in arrivo: l'ufficio di Piacenza era piuttosto grande e quindi strutturato. Qui convergevano i corrieri sia da Milano via Casalpusterlego sia da Codogno e infatti era il punto di scambio della corrispondenza tra i due Stati.

Ciò sottointende una lavorazione delle lettere attraverso mani diverse: chi timbrava in arrivo, o annullava i francobolli in partenza, non era la stessa persona che tassava le lettere. La prima operazione era lasciata agli inservienti, la seconda a personale qualificato.

E'quindi possibile che una volta saltato l'avvertimento milanese della presenza del francobollo al verso tramite la "/" o tramite annotazioni grafiche (vertatur) a Piacenza si sia caduti in errore. Non tanto per il timbro di arrivo quanto per non avere girato la lettera. E'mancata la comunicazione.

Che esistesse un sistema di controlli incrociati nelle direzioni è un dato di fatto: ne ho scritto nel libro di Luca e ho portato diversi esempi riguardanti la sedi di Milano. La colorazione diversa dei timbri-bolli rosso/neri non è casuale ed è valida anche per altre sedi postali erariali (e a volte non).

Ciao: Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 874
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da johnmilano83 » 10 gennaio 2019, 20:40

Un altro caso di francobolli applicati al verso, questa volta senza che il fatto comportasse tassazioni di difficile comprensione, poiché sul frontespizio della lettera venne messa la consueta croce che ne dichiarava franco il porto.

Non riesco a decifrare la scritta sottolineata che si trova sopra la croce, né tanto meno a capire se sia riferita all'affrancatura errata e sia quindi stata messa insieme alla croce o se faccia parte dell'indirizzo. Qualcuno sa cosa voglia dire?

Ciao: Ciao:

John
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1897
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da mestrestamps » 10 gennaio 2019, 22:16

Ciao:

A me sembra di leggere " Vertatur " che se non sbaglio significa ritornata al mittente.

Ciao: Ciao:
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 874
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da johnmilano83 » 10 gennaio 2019, 22:37

mestrestamps ha scritto:
10 gennaio 2019, 22:16
Ciao:

A me sembra di leggere " Vertatur " che se non sbaglio significa ritornata al mittente.

Ciao: Ciao:
Ciao Andrea,

ti ringrazio, in effetti è senza dubbio Vertatur!

Non mi è ben chiaro però il suo effettivo significato, mi sembra che nel forum ci sono alcuni post dove se ne danno interpretazioni diverse, ad esempio sempre in questo topic un paio di post qui sopra Francesco ne spiegava l'uso in questo modo:
francesco luraschi ha scritto:
5 dicembre 2018, 11:43
E'quindi possibile che una volta saltato l'avvertimento milanese della presenza del francobollo al verso tramite la "/" o tramite annotazioni grafiche (vertatur) a Piacenza si sia caduti in errore.
intendendo che questa dicitura era riferita alla presenza dei francobolli al verso anziché al recto (cosa che per altro si adatterebbe benissimo all'ultima lettera mostrata).

Però in altri topic in effetti sembrava essere inteso più come annotazione riferita alle rispedizioni in caso di destinatario non trovato... :mmm: :mmm: :dub: :dub:

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9271
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Francobolli al recto, al verso, e come...obbiadini!

Messaggio da fildoc » 11 gennaio 2019, 22:52

A livello internazionale
Vertatur vuol dire "che sia ritornata"

tuttavia per un italiano che conosce il latino vertere vuol dire volgere o rovesciare
e quindi traducibile in "che sia girata"

per tanto il significato non è univoco!
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Rispondi

Torna a “Antichi Stati Italiani”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: