Oggi è 25 maggio 2019, 19:32

Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2247
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 9 febbraio 2019, 21:33

Non si tratta di segno di invio franco bensì un segno di richiamo di invio soggetto a particolare cautele, a garanzie.

E' di origine antica, probabilmente dal XVII secolo.

Nel mondo tedesco in forma complessa (la X ripetuta N volte) è poi evoluto nei bolli ad umido definiti "Kaminstempel".

E pure il LV ebbe questa tipologia di bolli: proprio presso la sede di Milano, ed è il # 8.17

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Avatar utente
gipos
Messaggi: 1151
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da gipos » 9 febbraio 2019, 22:36

jampi ha scritto:
9 febbraio 2019, 20:23
quella griglietta in sanguigna nella prima e terza ha un significato?
Mi par di ricordare che nelle prefilateliche è un segno di franco, o sbaglio?
Ad ulteriore conferma ribadisco che la lettera spedita da Verdello riporta la data del 12 agosto 1851, mentre quella spedita da Verona riporta la data del 9 dicembre 1856 indiscutibilmente periodo filatelico.
Con cordialità
gipos
Ciao: Ciao:

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 10 febbraio 2019, 13:54

francesco luraschi ha scritto:
9 febbraio 2019, 21:33
Non si tratta di segno di invio franco bensì un segno di richiamo di invio soggetto a particolare cautele, a garanzie.

E' di origine antica, probabilmente dal XVII secolo.

Nel mondo tedesco in forma complessa (la X ripetuta N volte) è poi evoluto nei bolli ad umido definiti "Kaminstempel".
Grazie della precisazione Francesco.
Mi sembra che tale segno sia stato usato anche dalla Repubblica Serenissima di Venezia, a tampone.
Ma potrei sbagliarmi.
La mia cultura filatelica è molto limitata

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 10 febbraio 2019, 21:31

gipos ha scritto:
9 febbraio 2019, 22:36
jampi ha scritto:
9 febbraio 2019, 20:23
quella griglietta in sanguigna nella prima e terza ha un significato?
Mi par di ricordare che nelle prefilateliche è un segno di franco, o sbaglio?
Ad ulteriore conferma ribadisco che la lettera spedita da Verdello riporta la data del 12 agosto 1851, mentre quella spedita da Verona riporta la data del 9 dicembre 1856 indiscutibilmente periodo filatelico.
Con cordialità
gipos
Ciao: Ciao:
Cosa ne pensi?
Sono difficili da trovare?
Rare?
Qualcuno su ebay crede di si: c'è un pezzo ora in asta ad una bella cifra. Probabilmente il venditore sta leggendo questo thread e ha messo le mani avanti.

Personalmente le ritengo più anomalie, cioè errori dell'ufficio postale accettante, che non ha seguito il regolamento e non ha imposto la tariffa di raccomandazione, ma anche dell'ufficio postale ricevente che non ha tassato la lettera. Sono troppo pochi i casi per poter dire di più.
Mi piacerebbe però vedere una raccomandata in franchigia con il porto di raccomandazione pagato (con francobollo o con tassa); credo di non averne mai vista nessuna.

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2247
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 11 febbraio 2019, 7:28

La raccomandata in vendita su Ebay spedita in esenzione mi sembra piuttosto costosetta. Non sono ad ogni modo comuni.

Comunque non ci siamo con la prassi di invio di questa tipologia di invii: NON era l'UP di impostazione a dovere imporre l'affrancatura per il diritto di registrazione e quindi non ha sbagliato.

L'affrancatura non era necessaria dato che la posta teneva conto di tutti gli invii spediti esenti e poi riceveva i rimborsi dai vari dicasteri. L'ente mittente pagava in maniera differita ma pagava comunque, anche senza apposizione di francobolli.


Semmai c'è da chiedersi come i mittenti esenti giustificassero la spesa extra con i superiori. Dovevano essere spedizioni di particolare importanza entro limiti definiti.


Detto questo aggiungo che pure Jampi non sbaglia quando scrive che la doppia croce di sant'Andrea sottointendeva l'invio franco. In tempi precedenti la gran parte degli invii erano in porto assegnato: la posta riprendeva la pratica mercantile di farsi pagare a servizio ultimato, ovvero a consegna avvenuta. Gli invii franchi in posta erano rari e venivano contrassegnati proprio dalla doppia croce che indicava la spedizione prepagata per cui bisognava avere un occhio di riguardo. Non era da tutti offrire un servizio prepagato e non era da tutti accettarlo.

Sulle raccomandate, come scrivevo, il segno grafico ha un significato diverso e lo si trova anche su spedizioni con porto a carico del destinatario (prima del 1850 si poteva per l'interno pagare il porto a destino ma il diritto di registrazione doveva essere obbligatoriamente pagato prima. In periodo napoleonico invece le possibilità erano diverse).

Il collezionismo ha dato anche un significato errato a questo segno, pensando si trattasse del segno di staffetta. Ma è un errore.

Si è scritto di più sul De Battisti-Savini.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9205
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 11 febbraio 2019, 8:16

Mi piacerebbe però vedere una raccomandata in franchigia con il porto di raccomandazione pagato (con francobollo o con tassa); credo di non averne mai vista nessuna.
due esempi:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1151
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da gipos » 11 febbraio 2019, 10:42

https://www.lafilatelia.it/forum/viewto ... 51#p609749
jampi ha scritto:
10 febbraio 2019, 21:31
gipos ha scritto:
9 febbraio 2019, 22:36
jampi ha scritto:
9 febbraio 2019, 20:23
quella griglietta in sanguigna nella prima e terza ha un significato?
Mi par di ricordare che nelle prefilateliche è un segno di franco, o sbaglio?
Ad ulteriore conferma ribadisco che la lettera spedita da Verdello riporta la data del 12 agosto 1851, mentre quella spedita da Verona riporta la data del 9 dicembre 1856 indiscutibilmente periodo filatelico.
Con cordialità
gipos
Ciao: Ciao:
Cosa ne pensi?
Sono difficili da trovare?
Rare?
Qualcuno su ebay crede di si: c'è un pezzo ora in asta ad una bella cifra. Probabilmente il venditore sta leggendo questo thread e ha messo le mani avanti.

Personalmente le ritengo più anomalie, cioè errori dell'ufficio postale accettante, che non ha seguito il regolamento e non ha imposto la tariffa di raccomandazione, ma anche dell'ufficio postale ricevente che non ha tassato la lettera. Sono troppo pochi i casi per poter dire di più.
Mi piacerebbe però vedere una raccomandata in franchigia con il porto di raccomandazione pagato (con francobollo o con tassa); credo di non averne mai vista nessuna.
Ciao Jampi,
alla tua domanda se sono rare o meno non so risponderti, ti posso solo dire che 2 anni fa ho aperto il topic che ho riportato all'inzio di questo mio intervento, subito dopo che ho acquistato la lettera spedita da Verdello, quindi come vedi sono stato un pioniere in questo caso, ti posso solo dire che nacque un'interessantissima discussione con due dei massimi esponenti di questo settore Francesco, Massimiliano.
Con la consueta cordialità
gipos
Ciao: Ciao:

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2247
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 11 febbraio 2019, 12:14

Attenzione! Stiamo scrivendo di raccomandate in franchigia/esenzione non di quelle con porto pagato in contanti ...


Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 11 febbraio 2019, 14:23

Grazie a tutti dei chiarimenti

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9205
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 12 febbraio 2019, 8:24

Probabilmente per colpa mia non riesco dare ordine a questo topic...
continuiamo a saltare da un argomento all'altro...
l'unica, come dice Francesco, è di parlare esclusivamente di raccomandate in franchigia.
Secondo i regolamenti in epoca di francobolli, dovrebbero esistere come quelle citate dal Cassinelli per la famiglia imperiale....
ovvero comunque con il diritto di raccomandazione pagato!
Potrebbero esistere in franchigia totale (anche del diritto di raccomandazione) quelle per enti che godevano appunto della franchigia (ma non delle raccomandate visto che si dovevano pagare anche quelle mandate a Cecco Beppe!!!)
ma potrebbero essere state procedure effettuate per errore...
Facendo un censimento di quelle conosciute, forse si capira' qualcosa di questa prassi inusuale.
Pertanto vi chiedo di segnalarmi (come fatto per alcune) le date delle raccomandate di cui abbiamo immagini in questo topic.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 12 febbraio 2019, 11:34

3 Dicembre 1851 quella partita da Castelfranco con un gruppo contenente denaro, diretta a Vicenza dove arrivò il giorno dopo.

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 18 febbraio 2019, 14:18

Qualche novità? Siamo rimasti a cinque lettere note?

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9205
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 18 febbraio 2019, 14:29

Piano!
5....
di cui solo 3 con data certa in epoca filatelica!
salvo aggiornamenti…
Verdello 12 agosto 1851
Verona 9 dicembre 1856
3 Dicembre 1851 quella partita da Castelfranco con un gruppo contenente denaro, diretta a Vicenza
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2247
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 3 marzo 2019, 21:55

Eccone un'altra. E' del 1854 e quindi è del periodo filatelico. Purtroppo si tratta solo di una coperta e quindi il motivo della comunicazione rimarrà ignoto per sempre.

Ciao: Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 4 marzo 2019, 0:12

Bella :clap: :clap: :clap:

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 844
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 24 marzo 2019, 19:39

Grazie ad Andrea (mestrestamps), che in un altro topic ci segnala la bellissima collezione di Massimo Marin sulla provincia di Treviso esposta a Milanofil, scaricabile in pdf al seguente link: http://expo.fsfi.it/milano2019/exhibits ... dXb2U2.pdf e dalla quale ho estratto l'immagine allegata, finalmente in questo topic può essere mostrata una raccomandata in franchigia utile a testimoniare l'effettiva applicazione della norma per cui anche le franchigie, in caso di raccomandazione, dovevano essere affrancate per 30 cent. al verso.

Resta da capire come mai nella maggior parte dei casi le lettere di questo tipo risultino del tutto prive di francobolli... :mmm: :mmm: :mmm: :dub: :dub: :dub:

Ciao: Ciao:

John
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2247
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 24 marzo 2019, 20:49

Lettera molto interessante e particolare, anche perché le raccomandate per l'interno dovevano essere pagate con francobolli e non in contanti e soprattutto totalmente a carico del mittente.

Quindi questa per esclusione è della tipologia di invio che cercavamo: certo che non porta alcun segno che caratterizza gli invii esenti (protocollo, contrassegno mittente, ecc...).

A prima vista non ha l'aspetto di un invio esente anche se sembra esserlo ...

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 24 marzo 2019, 20:52

Ed è diretta a Castelfranco.
Mi vien da pensare che qualche impiegato disonesto abbia intascato i 30 cent necessari a raccomandare la lettera, ma se li è intascato piuttosto che affrancarsi la lettera.
Una truffa, insomma.

Avatar utente
arkorr
Messaggi: 465
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da arkorr » 26 marzo 2019, 14:02

Questa lettera, tratta da un'asta Filasta, è analoga a quella di Treviso: ha in più il numero di registrazione, ma è anch'essa inviata ad un soggetto pubblico, non reca nè identificativi del mittente nè l'indicazione "d'ufficio" e - soprattutto - ha lo stesso oggetto (il "Prestito dello Stato", come da indicazioni manoscritte sul fronte di entrambe). Può essere che ciò bastasse a giustificare la franchigia?

Venezia C1 su 30cent - Filasta.jpg
Ciao: Ciao:

Corrado
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
arkorr
Messaggi: 465
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da arkorr » 26 marzo 2019, 14:03

Guardando meglio, anche la lettera da Treviso ha il numero di registrazione (o almeno potrebbe esserlo il "260" manoscritto accanto al bollo RACCOMANDATA).

Ciao: Ciao:

Corrado


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AhrefsBot 5.2 e 3 ospiti


Sostieni il forum: