Oggi è 23 febbraio 2020, 5:04

Carta a mano e carta a macchina nei francobolli del Lombardo Veneto

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5162
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da Tergesteo » 21 ottobre 2013, 15:43

A mio avviso, i vari costolati, batonnés o vergati non soffrono in normali album.

Non credo nemmeno che sia così facile fare sparire il rilievo impresso nella carta, anche volendolo.

In questo topic, la carta vergata, l'avevo mostrata su di un francobollo russo, in un altro, l'ho mostrata sul n°18 del Lombardo Veneto, ma comunque è la stessa:

viewtopic.php?f=29&t=35078

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno


Avatar utente
sergio de villagomez
Messaggi: 1436
Iscritto il: 13 luglio 2007, 6:10
Località: Milano

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da sergio de villagomez » 21 ottobre 2013, 15:45

Se usi a dovere la funzione cerca troverai risposte a molte tue domande.
Comunque, per quanto riguarda le carte vergate/costolate, leggi qua viewtopic.php?f=29&t=16702 .

Ciao: Ciao:
STAFF

Oh! Qui io fisserò il mio sempiterno riposo, e scoterò, da questa carne stanca del mondo, il giogo delle avverse stelle (W. Shakespeare - Giulietta e Romeo)

Avatar utente
15c
Messaggi: 110
Iscritto il: 18 settembre 2010, 18:02
Località: Italia

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da 15c » 21 ottobre 2013, 21:57

Benjamin oltre a un filatelico sei un gran fotografo! Complimenti, belle foto, luce accattivante! Ciao:

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5162
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da Tergesteo » 21 ottobre 2013, 22:03

http://www.lafilatelia.it/forum/viewtopic.php?f=56&t=31077


La brava fotografa è mia moglie! ;-)

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
debaphil
Messaggi: 231
Iscritto il: 11 novembre 2013, 21:15

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da debaphil » 17 aprile 2014, 21:50

Questo è un francobollo che non riesco a classificare con certezza . E' su una lettera del 30/11/1854, la scansione è molto precisa per i colori . La carta è decisamente compatta, giallina (non per ossidazione, mai vista) , molto spessa tipo karton Papier . Il colore è tipo rosso salmone intenso con un tocco di carminio però la stampa, sebbene confusa, è più nitida del 6g . Che ne pensate? Assolutamente non ne ho mai visto un altro simile ed il colore non corrisponde per nulla a quello dei carta a macchina . Viene dall'archivio Piatti di Piacenza, ho avuto il privilegio di visionarne una buona parte prima che venisse disperso ed era l'unico francobollo con queste caratteristiche .
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da fildoc » 17 aprile 2014, 23:32

STAmpa e carta mi fanno pensare ad un carta a macchina......
Però' a monitor e'assai difficile essere precisi.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
debaphil
Messaggi: 231
Iscritto il: 11 novembre 2013, 21:15

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da debaphil » 22 aprile 2014, 0:46

Grazie per la risposta, in effetti mi sono convinto che sia carta a macchina . Semplicemente la tinta non è catalogata . Ciao:

Avatar utente
ecas
Messaggi: 1473
Iscritto il: 4 marzo 2012, 18:56
Località: Casarano (LE)

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da ecas » 18 maggio 2015, 20:53

Ciao: a tutti, riprendo questo topic per chiedere se esiste una carta seta molto sottile come ho visto scritto al verso di questo pezzo. In caso affermativo in cosa consiste?
Grazie, Ezio
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ciao: :quad:

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da fildoc » 18 maggio 2015, 21:35

carta molto sottile, o,o7 millimetri o simile
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
ecas
Messaggi: 1473
Iscritto il: 4 marzo 2012, 18:56
Località: Casarano (LE)

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da ecas » 18 maggio 2015, 21:40

fildoc ha scritto:carta molto sottile, o,o7 millimetri o simile


Ciao: Massimiliano. Si trova in tutti i valori?
Ciao: :quad:

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da fildoc » 18 maggio 2015, 22:52


essa spesso è così sottile che il francobollo presenta un finto decalco
in realta' è l'inchiostro che traspare al retro!

In Germania è considerata un certo plusvalore
in Italia è poco ricercata
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
ecas
Messaggi: 1473
Iscritto il: 4 marzo 2012, 18:56
Località: Casarano (LE)

Re: CARTA A MANO / CARTA A MACCHINA

Messaggio da ecas » 20 maggio 2015, 15:14

fildoc ha scritto:
essa spesso è così sottile che il francobollo presenta un finto decalco
in realta' è l'inchiostro che traspare al retro!

In Germania è considerata un certo plusvalore
in Italia è poco ricercata


Ciao: :abb:

Revised by Lucky Boldrini - September 2017
Ciao: :quad:

Avatar utente
ecas
Messaggi: 1473
Iscritto il: 4 marzo 2012, 18:56
Località: Casarano (LE)

Precisazioni su prima serie carta a macchina.

Messaggio da ecas » 13 giugno 2017, 15:29

Salve a tutti gli esperti. Faccio una domanda banale e anche retorica. Nel mio immaginario la stampa della I serie su carta a macchina, essendo stati ripuliti i clichè, la immagino sempre mitida. Quelli che posto sono esemplari su carta a macchina, ma non sono certo nitidi. Quindi sono tirature tardive con clichè deteriorati/sporchi?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ciao: :quad:

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Precisazioni su prima serie carta a macchina.

Messaggio da fildoc » 13 giugno 2017, 18:01

Come vedi dai clichè la cosa è difatti diversa.
L'avvento della carta a macchina fu casuale per i tipografi austriaci
Essa venne fornita e messa in uso cosi' alla mano come le altre partite di carta
la ripulitura dei cliche' era un trattameento periodico e la mancanza di segni distintivi non ci permette molte distinzioni
anche perchè da un certo momento in poi il rinovo dei clichè venne derivato da un flano di un clichè ben conservato della fornitura precedente
di questo siamo certi per la presenza di piccolissimi difetti che si protrassero su tutte le stampe fino al 1858.
Normale quindi trovare francobolli logori e sporchi visto l'alto numero di esemplari stampati
Come è normale trovare francobolli molto nitidi ogni tanto (segno della presenza di tavole nuove) che generalmente si attribuiscono ad una ipotetica sesta e ultima tavola.
Infine non dobbiamo dimenticare che le tecniche tipografiche migliorarono nel tempo e che la lega da stampa alla fine si avvaleva probabilmente di una composizione piu' dura e resistente
Infatti giocando sulla percentuale di antimonio si puo' ottenere una lega piu' dura all'usura
inoltre vi era la possibilita' di indurire elettroliticamente con dei bagni di ferro
infine inserire piccole dosi di rame o zinco

Sappiamo poco per non dire nulla dei progressi chimici fatti in quegli anni per la creazione dei clichè.
Tuttavia è logico che vi furono miglioramenti infatti
come si puo' notare gli spazi tipografici e i difetti di clichè divennero via via sempre meno comuni.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5162
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Precisazioni su prima serie carta a macchina.

Messaggio da Tergesteo » 13 giugno 2017, 20:34

I francobolli della prima emissione stampati su carta a macchina, in rarissimi casi possono essere definiti come prime tirature.

Si trovano alcuni 15 centesimi, i quali spinsero Huber a ritenere che la sesta tavola dei carta a mano venne adoperata anche per la stampa su carta a macchina.

10 centesimi "ripuliti in tre direzioni", non ne non visto uno, i 30 centesimi sembrano tutti n°8 e dei 45 centesimi, non ne parliamo!

Le stampe qualitativamente migliori sono le prime tirature delle prime tavole oppure gli stereotipi induriti, stampati su carta a mano, cioè la sesta tavola del 15 centesimi, la terza del 30 e del 45.

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Precisazioni su prima serie carta a macchina.

Messaggio da fildoc » 12 ottobre 2017, 19:20

A volte ci si pone dei giusti dubbi sull'effettiva ripulitura dei clichè in tre direzioni
ho da poco questo 10 centesimi che ho comperato proprio per la sua puntinaturaparticolarmente didattica!
Certo si tratta di un 10 cent carta a mano...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5162
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Precisazioni su prima serie carta a macchina.

Messaggio da Tergesteo » 13 ottobre 2017, 18:34

Non dubito del fatto che nelle puliture della tavola eseguite di tanto in tanto dopo un numero importante di stampe, alcuni addetti eseguissero il lavoro con della spazzole seguendo tre direzioni piuttosto che due.

Nello stesso 10 centesimi qui mostrato, nella parte inferiore destra, si riscontra una chiara definizione in tre direzioni, mentre nella parte sinistra, sembra mista tra due e tre.

Quello di cui dubito molto è che mai fossero state create delle tavole contenenti cliché ripuliti in due in un caso ed en tre nell'altro, per tutti quattro i valori stampati su carta a macchina.

La percezione visiva delle tre direzioni è, come molte volte scritto, condizionata dalla nitidezza della stampa connessa all'integrità del cliché.

Ciao: Ciao:

Benjamin

Rev LB Mar 2019
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: