Oggi è 10 dicembre 2018, 3:02

DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Rispondi
Avatar utente
gipos
Messaggi: 1030
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da gipos » 5 dicembre 2018, 21:25

MANCHESTER BERGAMO 1852.jpg
Salve a tutti, ho comprato questa letterina che da Manchester per Bergamo dell'aprile 1852, la lettera venne pagata in contanti per cui vi chiedo cortesemente di volermi spiegare le varie tassazioni.
In attesa di un vostro cortese intervento.
gipos
Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 756
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da johnmilano83 » 5 dicembre 2018, 21:43

Ciao,

bella incoming mail, complimenti!

Però sei sicuro che sia prepagata (sempre che tu intendessi questo dicendo "pagata in contanti")? A me sembra che ci siano delle tasse a carico del destinatario (per essere prepagata il porto presumibilmente avrebbe dovuto essere assolto coi francobolli), in particolare:
- per il percorso in Francia la tariffa era di 22 kreuzer ogni mezzo lotto viennese;
- per il tragitto interno in territorio LV la tariffa era quella standard di 15 cent. per ogni lotto entro la prima distanza, equivalenti a 3 kreuzer.
Infatti sulla lettera è segnato un 22+3, per un totale di 25 kreuzer che secondo me sono a carico del destinatario.

Ovviamente in tutto questo sono solo un neofita di storia postale, quindi potrei dire una sacco di st.... upidaggini. :)
Mi cimento anche per provare a imparare qualcosa... quindi attendiamo pareri più autorevoli.

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco;
- annulli di tutto il Lombardo-Veneto su lettera.

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1030
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da gipos » 5 dicembre 2018, 21:48

Prima di tutto grazie per il tuo intervento, poi ti dico che molto probabilmente in questo caso chi ha potuto dire stupidaggini sono senz'altro io, perche volevo dire che la lettera fu spedita con tassa a carico.
Grazie ancora, aspettiamo qualche altro intervento.
gipos
Ciao:

Avatar utente
rossi
Messaggi: 1353
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da rossi » 5 dicembre 2018, 22:30

Ciao:

Ha ragione John, la lettera non e' stata prepagata.
Avresti trovato scritte in matita rosso e forse qualche timbro PAID.

Il timbro rosso sul retro fu messo a Londra.

La parte scritta dove c'e' la parola Signor a mio avviso significa 1/x
Ovvero un scellino e x pence anche se non riesco a capire quanti pence.

Non ho con me i libri pero' se avessi voluto spedire una lettera prepagata via Francia la tariffa sarebbe stata 1/5 o 1/4.

Ti allego cosa scrive il Post Office Edinburgh directory compilato nel Maggio 1851 ( e' valida la parte sotto Austria ) con scritto 1/5 e poi nel Maggio 1852 con scritto 1/4.
La lettera e' Aprile 1852 e quindi sembra che tra il periodo 1851 - 1852 la tariffa sia cambiata da 1/5 a 1/4.

ps
Era possibile prepagare in contanti.

Ciao: Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1030
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da gipos » 5 dicembre 2018, 22:34

rossi ha scritto:
5 dicembre 2018, 22:30
rossi
Grazie per il prezioso contributo della tabella, molto esaustiva :abb: :abb:
gipos
Ciao:


Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 756
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da johnmilano83 » 5 dicembre 2018, 22:54

rossi ha scritto:
5 dicembre 2018, 22:30

La parte scritta dove c'e' la parola Signor a mio avviso significa 1/x
Ovvero un scellino e x pence anche se non riesco a capire quanti pence.
Se ti riferisci al segno di tassa vicino alla parola "signor" non è 1/x, ma, come detto prima, un semplice 22 e corrisponde perfettamente alla tariffa in kreuzer (sottomultiplo sessagesimale del gulden, valuta austriaca, del resto essendo a carico del destinatario non avrebbe avuto senso esprimerla in valuta britannica) per il porto sardo/francese di lettere da UK a LV (o viceversa) di peso entro mezzo lotto viennese (equivalente a 8,75 grammi). Questa tariffa è rimasta in vigore fino al 31 dicembre 1854 (fonte "La Posta di Milano 1849-1859" del nostro amico Luca Savini e di Luca De Battisti).

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco;
- annulli di tutto il Lombardo-Veneto su lettera.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: DA MANCHESTER A BERGAMO 1852

Messaggio da fildoc » 7 dicembre 2018, 14:54

:clap:
giusta interpretazione
l'unica cosa che posso aggiungere è che,
essendo la tassazione posta sul recto,
certamente essa doveva essere pagata e fu pagata dal destinatario!
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: