Oggi è 10 dicembre 2018, 9:19

Lettera da Recoaro? Tassata?

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Rispondi
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 8:39

Che ne dite?
le parti che non vedete sono totalmente bianche...
non facile da interpretare...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 8:41

questo il testo...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 8:48

La lettera è certamente interessante in quanto testimonia che l'ufficio postale di Recoaro era chiuso...
il timbro a cerchio non sembra quello di Verona
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 8:48

dettaglio elaborato del timbro con i massimi contrasti...
ovviamente l'azzurro/violetto è una elaborazione delle curve di contrasto portate al massimo.
tuttavia non si vede molto
una sola lettera certa: una o
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 8:56

il francobollo è coevo del periodo : un numero 9
l'appunto al retro non torna con le altre date che sono 7-1-55 nel testo e 10-1-? al retro dell'arrivo a Brescia
anche i segni a penna sembrano coevi
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 9:05

timbro e francobollo a 1200 dpi...
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2211
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da francesco luraschi » 6 dicembre 2018, 10:25

Secondo me l'annullo non è Verona bensì Valdagno e la lettera non è tassata.

Tariffa al verso e X sul frontespizio fanno parte del lessico postale.


Poi attendo altri commenti.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 6 dicembre 2018, 15:48

Mi trovi assolutamente d'accordo!
Tra l'altro il timbro di Valdagno è una riprova non banale della chiusura dell'ufficio di Recoato durante l'inverno....
Io la ho comperata per quello!

Mi restano enigmatici i "cosegnati a Lorenzini il 29 novembre 1854"...

Poi mostrerò una ricostruzione assai diversa!

Altre interpretazioni?
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
lucasa
Messaggi: 540
Iscritto il: 18 aprile 2011, 22:23

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da lucasa » 7 dicembre 2018, 9:14

Ciao: Ciao:

E' tutto ragionevole. Come dice Francesco il 6 al verso non è una tassa ma se non sbaglio vuol dire con la croce che la lettera è stata affrancata e sono stati pagati 6 kreuzer . Rimane da spiegare il perché di tali segni con la presenza del francobollo ....



Ciao: Ciao: Ciao:

Luca

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 8 dicembre 2018, 23:34

Se qualcuno scriveva da Recoaro durante l'inverno prima del 1865 a chi consegnava la posta?
Probabilmente al pedone!
Come si sarebbe potuto comportare?

Dopo aver scritto la lettera, dava al pedone i denari per la spedizione,
segnava con una croce il fronte, per indicare che la lettera era franca a destino
e segnava i soldi dati al pedone per l'affrancatura al retro (non davanti altrimenti li avrebbe dovuti pagare il destinatario....)

Ecco quindi la ragione dei principali segni sulla lettera.

Poi l'annullo di Valdagno mal impresso indusse qualcuno a Brescia a potenziare l'annullo con dei tratti di penna!


Quanto alla scritta: 29 nov 1854
consegnati a Lorenzini
accanto al 6

potrebbe significare che il mittente ancora il Novembre precedente aveva dato dei soldi a tal Lorenzini (il cognome del pedone?)
per spedire la sua posta all'ufficio di Valdagno.

Gradirei i vostri pareri...
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1821
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da mestrestamps » 9 dicembre 2018, 7:39

Ciao:
fildoc ha scritto: Se qualcuno scriveva da Recoaro durante l'inverno prima del 1865 a chi consegnava la posta?
Probabilmente al pedone!
Come si sarebbe potuto comportare?
E chi scriveva a Recoaro a chi consegnava la posta per portarla là sopra?

Ti faccio vedere questa lettera, che non è mia e della quale (purtroppo) dispongo solo di questa immagine
genova_recoaro.jpg
Praticamente fa il percorso inverso.
Parte da Genova il 17 novembre 1861 ed è indirizzata al farmacista di Recoaro.
Naturalmente in quel periodo l'ufficio è chiuso, pertanto viene presa in carico dall'ufficio postale di Valdagno (fidati, è proprio così anche se non ho la possibilità di mostrarti il verso) e inoltrata a destino attraverso:

l'impiegato dell'ufficio postale?
messo comunale?

La lettera che hai acquistato mi piace molto perchè apre uno scenario che mi fa straordinariamente pensare che ci troviamo di fronte ad una non conclamata collettoria senza timbro, lasciatemi passare il termine, un po' come quella che nel 1864 esisteva a Salzano dove il pedone serviva gli uffici di Mirano e Noale.
Speriamo di trovare qualche altra notizia, magari dopo il bel articolo che hai scritto sul VM riguardante le collettorie del LV questa lettera sia lo spunto per rileggerti... ;-)

Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2211
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da francesco luraschi » 9 dicembre 2018, 12:12

Andrea,

a Recoaro nel periodo di bassa stagione era attivo un pedone che la collegava con Valdagno. In periodo di alta stagione invece le corrispondenze erano assicurate da una messaggeria postale.

L'ufficio postale era in piazza e dal 1862 vi era pure un collegamento telegrafico.

Il fatto che tanti piccoli paesi, pur disponendo di francobolli e di locali adibiti alla raccolta di lettere tramite apposita cassetta, non abbiano avuto in dotazione bolli ha fatto trascurare l'argomento delle collettorie asburgiche in ambito collezionistico, nonostante le autorità in passato ne avessero già caldeggiato l'apertura per motivi di risparmio rispetto ad un UP vero e proprio.

Eppure alcuni segni al verso delle lettere (a volte male interpretati) lasciano intravedere questa presenza che nel caso della lettera in questione è palese, anche per la X che annullava l'esigibilità del porto da parte del destinatario.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8926
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da fildoc » 9 dicembre 2018, 13:28

ed ecco un altro certificato che da' una interpretazione assai diversa....
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2211
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Lettera da Recoaro? Tassata?

Messaggio da francesco luraschi » 9 dicembre 2018, 13:50

interpretazione assai diversa ... e sbagliata.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Sostieni il forum: