Oggi è 18 aprile 2019, 20:25

Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 921
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 22 gennaio 2019, 22:23

Ciao a tutti,

vorrei chiedere il vostro parere sulla seguente raccomandata in franchigia da Legnago a Verona, di cui ho reperito l'immagine in rete.

Da qualche parte (non ricordo dove, né se fosse riferito al Lombardo-Veneto o a qualche altro ducato) avevo letto che le franchigie erano sempre totalmente gratuite, anche in caso di raccomandazione, ma questa lettera risulta affrancata per 15 cent. al recto per il diritto di porto fino alla prima distanza e per 30 cent. al verso per il diritto fisso di raccomandazione.

Devo dire che, mentre l'affrancatura per la raccomandazione al verso mi sembra originale, quella al recto invece mi sembra quasi il risultato di un collage, dato che l'annullo non è passante (dovrebbe esserlo, visto che non è contenuto interamente dentro il francobollo) e l'inchiostro sembra diverso da quello dell'annullo al verso. Tuttavia, oltre al fatto che le date dei due annulli coincidono facendo presupporre l'originalità dell'insieme, non credo di avere le competenze per poter fare una valutazione del genere, quindi lascio a voi ogni eventuale considerazione a riguardo.

Ciò che mi interessa davvero è capire quali fossero le effettive tariffe previste in caso di spedizioni raccomandate in franchigia, qualcuno saprebbe spiegarmelo? Ovviamente saranno ben accette anche le immagini di raccomandate in franchigia eventualmente in vostro possesso...

Grazie in anticipo per gli eventuali chiarimenti

Ciao: Ciao:

John
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9108
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 22 gennaio 2019, 23:43

il diritto di raccomandazione andava sempre pagato alla consegna in posta e quindi la raccomandata era comunque affrancata con 30 centesimi anche in caso di franchigia o porto dovuto.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 921
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 22 gennaio 2019, 23:56

fildoc ha scritto:
22 gennaio 2019, 23:43
il diritto di raccomandazione andava sempre pagato alla consegna in posta e quindi la raccomandata era comunque affrancata con 30 centesimi anche in caso di franchigia o porto dovuto.
Capito, grazie per il chiarimento. :cin:

Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2227
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 23 gennaio 2019, 6:44

OK,


però questa non è una lettera "in franchigia". Johnny, da cosa lo hai dedotto?


Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 23 gennaio 2019, 7:31

Ecco una lettera raccomandata del 1851, in franchigia, che non ha alcun segno di tassa nè di francobollo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 921
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 23 gennaio 2019, 8:17

francesco luraschi ha scritto:
23 gennaio 2019, 6:44
OK, però questa non è una lettera "in franchigia". Johnny, da cosa lo hai dedotto?
Pensavo che la scritta "D.Uff." che compare in basso a sinistra sul frontespizio identificasse le spedizioni tra enti amministrativi o comunque godenti del diritto di franchigia...


jampi ha scritto:
23 gennaio 2019, 7:31
Ecco una lettera raccomandata del 1851, in franchigia, che non ha alcun segno di tassa nè di francobollo.
Molto bella! Grazie mille per l'illuminante contributo, quindi è corretto dire che anche in caso di raccomandazione il porto delle franchigie fosse gratuito?



Ciao: Ciao:

John
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9108
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 23 gennaio 2019, 8:38

il regolamento non lo prevedeva!

Francesco però certamente sa dirti di piu'!
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1125
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da gipos » 23 gennaio 2019, 9:40

Il mio piccolo contributo, raccomandata da Verdello in franchigia.
Ciao: Ciao:
gipos
Lettera raccomandata da Verdello.JPG
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1887
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da mestrestamps » 23 gennaio 2019, 13:52

Ciao:

John,

le lettere in franchigia o "d'ufficio" erano un privilegio che era riservato ad autorità imperiali e ad enti di interesse pubblico, oltre a rari casi che esulavano da questo contesto.
In questo caso, chi ha scritto credeva o ha provato a farla passare in franchigia ma all'ufficio postale sono stati di tutt'altro avviso, affrancandola come corrispondenza "normale". Tutto qua.

Ciao: Ciao:
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 921
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 23 gennaio 2019, 21:56

gipos ha scritto:
23 gennaio 2019, 9:40
Il mio piccolo contributo, raccomandata da Verdello in franchigia.
Molto bella e utile, grazie per il contributo!

Ciao: Ciao:

John

mestrestamps ha scritto:
23 gennaio 2019, 13:52
le lettere in franchigia o "d'ufficio" erano un privilegio che era riservato ad autorità imperiali e ad enti di interesse pubblico, oltre a rari casi che esulavano da questo contesto.
In questo caso, chi ha scritto credeva o ha provato a farla passare in franchigia ma all'ufficio postale sono stati di tutt'altro avviso, affrancandola come corrispondenza "normale". Tutto qua.
Ciao Andrea,

grazie per la spiegazione, in effetti così torna tutta l''affrancatura!

Alla luce dei vari esempi mostrati (a cui ne aggiungo un altro comparso oggi in rete.. e a giudicare dal tempismo e dal prezzo base di 140 euro forse l'inserzionista si è fatto influenzare da questo topic :ris: ) direi che a questo punto sia confermata la tariffa gratuita anche per il diritto di raccomandazione.

Ciao: Ciao:

John
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9108
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 23 gennaio 2019, 23:38

a me le raccomandate in franchigia senza 30 cent di diritto pagato in periodo filatelico non mi convincono...
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
johnmilano83
Messaggi: 921
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 8:58
Località: Milano

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da johnmilano83 » 23 gennaio 2019, 23:57

fildoc ha scritto:
23 gennaio 2019, 23:38
a me le raccomandate in franchigia senza 30 cent di diritto pagato in periodo filatelico non mi convincono...
Ci vorrebbe la controprova... non hai per caso in collezione una franchigia con la tassa di raccomandazione assolta al verso con un francobolo da 30 cent.? O anche solo l'immagine. Dovrebbe trattarsi di una franchigia aldilà di ogni ragionevole dubbio, visto che il primo esempio da me postato a quanto pare non lo è...

Comunque il capitolo dedicato alle raccomandate del manuale "Il servizio pratico postale in Austria" sembrerebbe darti ragione almeno in parte, pur non essendo totalmente esaustivo. Infatti si specifica che in caso di raccomandate spedite a membri della famiglia imperiale o ai soldati in servizio attivo nelle fortezze federali germaniche si doveva esigere la sola competenza di raccomandazione, non quella per il porto.

Mi vien da pensare che dato che la raccomandazione non era gratuita per dei destinatari così importanti, a maggior ragione non poteva esserlo per altri destinatari che, pur se generalmente godenti del diritto di franchigia, fossero comunque meno importanti dei membri della famiglia imperiale.

Tutto questo però mi sembra cozzare con i vari esempi di raccomandate in franchigia mostrate nei post precedenti, nessuna delle quali al verso reca il francobollo che doveva assolvere il diritto di raccomandazione.

C'è da dire che la norma non specifica come funzionasse nel caso che fossero stati i mittenti (non i soli destinatari) a godere del diritto di franchigia... che fosse proprio questo il caso in cui anche il diritto di raccomandazione era gratuito?

:dub: :dub: :dub:

Se anche ciò fosse corretto, comunque non sarebbe stato l'unico caso di raccomandazione gratuita, infatti, sempre citando il manuale, se gli editori di opere stampate avessero chiesto la raccomandazione per gli "esemplari d'obbligo" (ne trovate la definizione nella seconda immagine allegata) non gli doveva essere richiesto il pagamento di alcuna tassa.

Allego i relativi stralci del suddetto manuale.

Ciao: Ciao:

John
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nowadays people know the price of everything and the value of nothing."

O. Wilde

---

Colleziono Lombardo-Veneto (periodo filatelico), in particolare:
- bolli, annulli e storia postale di Milano;
- la navigazione postale da Venezia col Lloyd Austriaco.

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1125
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da gipos » 24 gennaio 2019, 10:49

Ciao: Ciao:
Inserisco altro contributo, raccomandata da Verona a Bologna priva di qualsiasi tassa postale, spero che podda esservi utile.
gipos
Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9108
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 24 gennaio 2019, 19:39

ovviamente stiamo parlando di raccomandate in epoca filatelica....
sono stupito dal numero di raccomandate presentate...
sembra che esistesse una prassi in cui si pagava in partenza,
infatti non sono tassate in arrivo.

Certamente da approfondire, studiando i regolamenti.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2227
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 25 gennaio 2019, 8:09

Ringrazio Massimiliano per la fiducia ma di franchigie ne so poco.

Ecco quanto: l'annotazione “d'ufficio”, pur essendo uno dei caratteri distintivi delle lettere "in franchigia", da sola non identifica una spedizione esente da tassa di porto. Nel 1835 una notificazione avvertiva infatti che nella corrispondenza tra enti e tra enti e privati che non godevano dell'esenzione sul porto lettere (quindi tassate) l'annotazione “d'ufficio” indicava la necessità di consegna al destinatario anche in maniera coatta.

Le disposizioni in materia prevedevano pure la chiusura della lettera con suggello dell'ente mittente così come la sua identificazione tramite opportuno bollo sul frontespizio. In entrambi i casi si tratta di richiami alla prassi ancién regime quando tramite la nizza al verso e l'annotazione grafica sul frontespizio si identificava chi spediva. Ci pensarono poi i napoleonici a semplificare la prassi o, meglio, limitare gli abusi introducendo bolli ad umido (inizialmente non per tutti gli esenti che in parte continueranno ad annotare graficamente il mittente).

Ogni ufficio godente la "franchigia" aveva un registro autenticato con lo stesso sigillo da presentare in posta la quale controllava che contrassegno sul registro e sulle spedizioni coincidessero: poi annotava su un proprio registro gli estremi dei vari invii (mittente, tassa, peso, ecc.) per ottenere poi il rimborso delle competenze dai vari dicasteri.

Non sempre i tre caratteri distintivi ("ex off.o", sigillo, contrassegno) sono presenti sulle lettere.

La lettera di Johnny non è in franchigia per i motivi di cui sopra e perché il porto è stato pagato. Immagino che l'annotazione “d'ufficio” indicasse che il contenuto era inerente materia di lavoro e non di carattere personale. SAREBBE UTILE VEDERE IL TESTO per capire il motivo della spedizione registrata. Forse ci potrebbe essere un'altra spiegazione all'annotazione "d'ufficio".

Quelledi Gipos e Jampi sono lettere "in franchigia" o, meglio, spedite in esenzione: infatti la franchigia era un diritto mentre l'esenzione era una concessione che poteva anche essere revocata. Va però detto che i due termini vengono usati promiscuamente anche nei doc coevi. Poi bisogna aggiungere che esistevano diversi gradi di franchigia/esenzione: illimitata, limitata a corrispondenza privata e di ufficio, limitata alla sola corrispondenza d'ufficio (la maggior parte).

In particolare quella di Jampi è una lettera d'avviso registrata di cui non ricordo di averne viste altre: è relativa all'invio di denaro spedito separatamente con le diligenze. A gestire l'ospedale san Giacomo di Castelfranco era una Congregazione di Carità che si occupava della cura dei malati e dei bisognosi e per questo godeva dell'esenzione almeno dal 1824. Sul frontespizio c'è il contrassegno del mittente e pure il sigillo mi sembra identificare l'ospedale. Qui ipotizzo che, vista l'entità del denaro inviato, si sia voluti essere sicuri che il destinatario ricevesse la lettera di avviso onde evitare la giacenza in posta del gruppo.

Per quanto ne so io le franchigie spedite registrate non portano segni di tassa e neppure francobolli mentre le raccomandate spedite da un privato ad un ente godente l'esenzione sono normalmente affrancate.

Il Cassinelli è utile ma si tratta di una sorta di bigino. Per l'approfondimento serve consultare l'infinita bibliografia in fondo ad ogni paragrafo. Non è di facile reperimento.


Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 25 gennaio 2019, 10:05

Oggi non posso per problemi di lavoro, ma domani posterò una scansione di un'altra lettera in franchigia, raccomandata e con bollo accessorio franca, usata in periodo prefilatelico. Non ricordo se l'ente è lo stesso, ma sono sicuro che è in franchigia, cioè non ha segni di tassa.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9108
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da fildoc » 25 gennaio 2019, 17:52

ricordo che l'obbligo di affrancatura con "bollino da 30 centesimi" in partenza per tutti
puo' essere ovviamente considerato solo in periodo filatelico.

Quindi escluderei per ora le raccomandate prefilateliche da questo topic
Al limite facciamo un altro topic e teniamo distinte le due procedure
A) in periodo prefilatelico:
-raccomandata con porto dovuto
-raccomandata con porto pagato
B) in periodo filatelico:
-raccomandata con porto dovuto
-raccomandata con porto pagato
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1125
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da gipos » 25 gennaio 2019, 18:15

Ciao: Massimiliano, le raccomandate postate da me sono quella di Verdello del 1851, mentre quella spedita da Verona per Bologna del 1858, quindi periodo filatelico.
Con cordialità
gipos
Ciao: Ciao:

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2227
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da francesco luraschi » 25 gennaio 2019, 19:07

Ecco un caso di franchigia spedita in raccomandazione che porta tutti i segni caratteristici di tali invii: bollo del mittente "Il comando del deposito di coscrizione militare in Milano" sia sul frontespizio sia a suggellare la lettera (strappato), annotazione "ex off.o" e numero di protocollo.

La lettera è inviata da Milano il 12 aprile 1859: si chiede al commissario distrettuale di Volta Mantovana di rintracciare tale Giovanni Eigner che dovrebbe essere al momento addetto alla direzione della strada ferrata a Peschiera ordinandogli di tornare al proprio battaglione pionieri a Verona.

Nessuna tassa e nessun timbro di arrivo.

Ciao: Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
jampi
Messaggi: 127
Iscritto il: 9 maggio 2013, 16:11
Località: Piombino Dese (PD)

Re: Raccomandate in franchigia... quale tariffa?

Messaggio da jampi » 25 gennaio 2019, 19:08

Agli ordini!
E allora...niente. Con questa tipologia ho solo quella che ho già postato.
Stiamo a vedere cos'altro salta fuori.


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: ecas, straus e 3 ospiti


Sostieni il forum: