Oggi è 20 agosto 2019, 4:50

Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Avatar utente
arkorr
Messaggi: 466
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da arkorr » 18 aprile 2019, 19:30

Grazie Massimiliano per il contributo e... la risposta che vorrai dare a una domanda: la tua stampa per Ferrara e la mia sono evidentemente "gemelle", spedite a 2 settimane di distanza. Quale potrebbe essere la ragione per cui la tua (precedente) non è tassata e la mia sì?

Ciao: Ciao:

Corrado


Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9299
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da fildoc » 18 aprile 2019, 19:42

in effetti ogni citta' si comporto' indipendentemente nei primi giorni di gennaio
ho anche questa che è carina:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9299
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da fildoc » 18 aprile 2019, 19:56

Probabilmente a Ferrara cambio' i'impiegato....
quello che c'era il 7 si era ammalato...
chissa' ?
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 0:25

Inserisco queste mie lettere tassate sperando possano essere utili alla ricerca , appena trovo le altre le posto.

Saluti, Carlo. Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 0:31

Altre, quella da Modena per Padova Bassano è immagine d'archivio.

Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97


Avatar utente
arkorr
Messaggi: 466
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da arkorr » 19 aprile 2019, 13:04

Grazie Carlo per i contributi particolarmente interessanti!
Dò la mia lettura delle lettere, chiedendo di essere corretto se qualche interpretazione fosse errata.
Quella da Casalmaggiore conferma che le stampe erano franche a destino in entrambe le direzioni anche in periodo di sospensione della Convenzione: la tassa 5 apposta in un primo momento a Mantova è infatti depennata, come spesso depennata è la tassa 2 sulle stampe di percorso inverso.
La stampa Modena-Padova-Bassano doveva invece essere chiusa perché fu affrancata come lettera anche in partenza; Il bollo D (chiaramente proveniente dal P.D.) mi risulta venisse apposto – ma raramente – sulle lettere reindirizzate o rispedite. La tassazione 5 – 5 / 10, che già tiene conto della nuova destinazione, fu apposta a Padova, mentre il 10 in sanguigna penso sia stato aggiunto a Bassano a conferma della tassa.
La lettera da Bozzolo a Mantova oltre ad essere un esempio delle differenti tariffe dovute al peso (2 lotti e ¾, circa 48 gr., quindi 5 porti sardi, ma 3 austriaci) ci pone un interrogativo utile alla nostra ricerca perché la tassa 15 è manoscritta, mentre sulle lettere di porto semplice a Mantova il 5 è a tampone. Chiedo quindi: gli Uffici austriaci dotati di tampone disponevano forse solo di quello/i corrispondenti alla distanza dalla/e località d’ingresso? Tra quelle mostrate da Carlo ci sono per esempio tre lettere con destinazioni non italiane (Hainburg, Pilsen e Spalato) che sarebbe assolutamente logico disponessero solo del tampone 15.
La lettera da Palermo a Spalato (di porto semplice perché la tassa in arrivo è 15kr.) è affrancata con una tariffa particolare dovuta – credo – al percorso, effettuato via di mare fino a Genova e poi via di terra; credo che l’affrancatura di 80 cent. sia costituita da 20 cent. del porto interno sardo + 60 cent. per il percorso coi piroscafi, ma una conferma (o smentita) sarebbe utile perché conosco poco queste tariffe.
La lettera da Milano a Vienna non appartiene invece al periodo esaminato in questo topic: è infatti successiva al ripristino della Convenzione (una delle prime date, visto che è del 19/5/1862) ed è tassata perché affrancata insufficientemente. Venne considerata come non affrancata e tassata per l’intera tariffa prevista per il percorso S2/A3, cioè 26 kreuzer.

Ciao: Ciao:

Corrado

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 13:52

Grazie Corrado, sono contento che sono state utili in qualche modo. Disamina perfetta, la tariffa per Spalato è ancora un po' incerta per me, ce ne sono poche, ma grazie per l'ipotesi.🤗
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 14:50

Altra mia letterina, questa è del 6 ottobre 1859 per Corfù. Vari segni di tassa.

Saluti. Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97

Avatar utente
arkorr
Messaggi: 466
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da arkorr » 19 aprile 2019, 15:18

Carlo,
ho trovato nella collezione “Dalla Sicilia a Genova con i "PIROSCAFI POSTALI FRANCESI" 1848-1865 di Angelo Teruzzi (visibile online: http://www.clubfilateliaoro.it/sites/de ... 8-1865.pdf ) una parziale conferma all’ipotesi che ho formulato sulla lettera per Spalato: in essa l’autore spiega infatti che la nuova tariffa sarda per le lettere dalla Sicilia per Genova trasportate dai Postali Francesi – introdotta il 1° giugno 1861 – era proprio 60 cent.. Quindi, aggiungendo i 20 cent. per il percorso da Genova a Desenzano, abbiamo gli 80 cent. dell’affrancatura.
C’è però un problema: la tua lettera è del maggio 1861, non giugno, e – sempre secondo quanto scritto dal Teruzzi – in quel mese furono mantenute le vecchie tariffe borboniche (che per Genova coi Postali Francesi era 22 grana a foglio, al cambio di 4,25 cent. al grano). Una lettera di un foglio pagava quindi, fino a Genova, 22 x 4,25 = 93,5 cent. (probabilmente arrotondati a 95). Quindi gli 80 cent. sarebbero stati insufficienti già per il solo percorso via mare, cui andava peraltro aggiunto quello via terra fino a Desenzano.
Controllerò sul Gatto-Natoli – che non ho con me adesso – se c’è qualcosa in merito, anche se il libro tratta solo la storia postale siciliana del biennio 1859-60. Chissà, magari scopriamo che il tuo è un caso di precoce applicazione della tariffa sarda!

Ciao: Ciao:

Corrado

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 15:35

Grazie mille Corrado per la tua ricerca.
Mi pare di averne vista una uguale ma con l'80c singolo nelle ultime pagine del libro la Posta tra Due Re.🤔
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1163
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da gipos » 19 aprile 2019, 19:23

Salve a tutti,
inserisco una lettera spedita da Livorno del giugno 1860 per Vienna, in base ad una circolare del Soprintendente delle R.R. Poste Toscane, le lettere fino ad un massimo di gr 10 venivano affrancate per 60 centesimi ed inoltrate per la via di Svizzera erano libere a destino.
Vi mostro una lettera da 1 foglio affrancata per 60 centesimi con francobolli del G.P. ma tassata sia al fronte che al retro con tassa in sanguigna.
Desidererei avere dei ragguagli su tale trattamento, con la consueta cordialità.
gipos
Ciao: Ciao:
LIVORNO VIENNA VIA DI SVIZZERA.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
arkorr
Messaggi: 466
Iscritto il: 15 marzo 2008, 23:32
Località: Genova

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da arkorr » 19 aprile 2019, 23:57

Personalmente non ho le conoscenze necessarie per interpretare la tua lettera, Gipos.
Ipotizzo - con ampio beneficio d'inventario - che l’affrancatura da 60 cent. (che secondo i Toscani avrebbe dovuto rendere la lettera franca, come testimonia il PD di Livorno) a Vienna non sia stata considerata valida: l'Austria considerava illegittimi i Governi Provvisori filo-sabaudi, ed era quindi logico che non riconoscesse validità ai provvedimenti da essi emanati (come la circolare del Soprintendente delle Poste che citi). La lettera venne perciò tassata 15 kreuzer per il percorso interno (anche se quello segnato sul fronte assomiglia più a un 12 che a un 15).
Il 6 in sanguigna al verso (o forse è un 9?) dovrebbe corrispondere ai diritti di transito svizzeri, segnati per meri fini contabili in quanto compresi nei 60 cent. di affrancatura e per questo apposti al verso della lettera (se fossero stati a carico del destinatario sarebbero stati anch'essi segnati sul fronte e poi sommati al porto austriaco).
Ribadisco che si tratta di un'ipotesi che necessita assolutamente di conferme.

Ciao: Ciao:

Corrado

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1373
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da vikingo68 » 19 aprile 2019, 23:59

Potrebbe essere che ad una verifica del peso è risultata di 2° porto?

Ciao: Ciao:
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna https://onedrive.live.com/?authkey=%211 ... EBD8FF2B97

Avatar utente
gipos
Messaggi: 1163
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da gipos » 20 aprile 2019, 11:12

arkorr ha scritto:
19 aprile 2019, 23:57
Personalmente non ho le conoscenze necessarie per interpretare la tua lettera, Gipos.
Ipotizzo - con ampio beneficio d'inventario - che l’affrancatura da 60 cent. (che secondo i Toscani avrebbe dovuto rendere la lettera franca, come testimonia il PD di Livorno) a Vienna non sia stata considerata valida: l'Austria considerava illegittimi i Governi Provvisori filo-sabaudi, ed era quindi logico che non riconoscesse validità ai provvedimenti da essi emanati (come la circolare del Soprintendente delle Poste che citi). La lettera venne perciò tassata 15 kreuzer per il percorso interno (anche se quello segnato sul fronte assomiglia più a un 12 che a un 15).
Il 6 in sanguigna al verso (o forse è un 9?) dovrebbe corrispondere ai diritti di transito svizzeri, segnati per meri fini contabili in quanto compresi nei 60 cent. di affrancatura e per questo apposti al verso della lettera (se fossero stati a carico del destinatario sarebbero stati anch'essi segnati sul fronte e poi sommati al porto austriaco).
Ribadisco che si tratta di un'ipotesi che necessita assolutamente di conferme.

Ciao: Ciao:

Corrado
Grazie Corrado per le tue sempre utili precisazioni, ritengo che la tua interpretazione del pezzo sia molto
veritiera, un grazie anche a Carlo per la sua ipotesi, finalmente ti rileggo su queste pagine, bentornato!
gipos

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5159
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Timbri per le tassazioni in uso dal 1859

Messaggio da Tergesteo » 29 giugno 2019, 16:50

Lettera da Sansepolcro a Verona del 23 marzo 1861, transitata per Firenze il 24, Milano il 25 e giunta aVerona il 26:
img124882.jpg
img124883.jpg
Ciao: Ciao:

Benjamin
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Sostieni il forum: