Oggi è 20 gennaio 2020, 15:48

lettera 23 settembre 1852

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Rispondi
vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 9:30

ciao a tutti, qualcuno cortesemente potrebbe darmi una mano a decifrare questa lettera? a me pare interessante ma per un non esperto come me è un guazzabuglio (rifiutata?)... :mmm:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 8551
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da Antonello Cerruti » 11 gennaio 2020, 9:49

Interessante raccomandata per città, probabilmente rifiutata dal destinatario.
10 di affrancatura e 15 centesimi al verso per la raccomandazione.
Peccato che la coppia dei 5 centesimi sia stata tagliata così male.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 11:40

Antonello Cerruti ha scritto:
11 gennaio 2020, 9:49
Interessante raccomandata per città, probabilmente rifiutata dal destinatario.
10 di affrancatura e 15 centesimi al verso per la raccomandazione.
Peccato che la coppia dei 5 centesimi sia stata tagliata così male.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti
Grazie Antonello, veramente molto gentile :-) Ciao:

Avatar utente
robymi
Messaggi: 2451
Iscritto il: 13 luglio 2007, 11:51
Località: Milano

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da robymi » 11 gennaio 2020, 12:01

Per niente facili da trovare le raccomandate per città con il francobollo per la raccomandazione integro e ancora meno comuni quelle con due 5 cent. per comporre l'affrancatura.
Nonostante sia un po' sciupata, è una lettera che ha un buon valore anche economico.
Roberto
S T A F F

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9331
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da fildoc » 11 gennaio 2020, 12:09

La busta è in pessime condizioni,
tuttavia si tratta di una non comune raccomandata per citta' con diritto di raccomandazione ridotto a 15 cent.
i dieci centesimi della tariffa entro distretto sono espletati con due 5 centesimi tagliati orribilmente che non sono giallo limone, come invece è scritto a lato con la matita.
La raccomandata fu rifiutata, come appare anche da una scritta cancellata al retro dove è scritto:
"non appartiene al sig Giuseppe Guadagnin dell'Anconetta" seguita dalla firma B(eppe) Guadagnin
Non comuni pure le raccomandate rifiutate!
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2256
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da francesco luraschi » 11 gennaio 2020, 12:31

Certamente per città.

E' possibile vedere la coperta (?) nella sua interezza per capire di più sul motivo del rifiuto?


A prima vista sembrerebbe che non sia stato possibile recapitarla al primo tentativo in quanto Giuseppe Guadagnin non risiedeva all'Anconetta. Ma la firma è del Guadagnin?


E dato che per le lettere raccomandate andava firmata la ricevuta di distribuzione qualcuno l'ha rifiutata.


Le varie cancellature delle annotazioni al verso potrebbero indicare che poi in un secondo tempo la consegna andò a buon fine,


Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 12:48

robymi ha scritto:
11 gennaio 2020, 12:01
Per niente facili da trovare le raccomandate per città con il francobollo per la raccomandazione integro e ancora meno comuni quelle con due 5 cent. per comporre l'affrancatura.
Nonostante sia un po' sciupata, è una lettera che ha un buon valore anche economico.
Roberto

Grazie Roberto!

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 12:49

fildoc ha scritto:
11 gennaio 2020, 12:09
La busta è in pessime condizioni,
tuttavia si tratta di una non comune raccomandata per citta' con diritto di raccomandazione ridotto a 15 cent.
i dieci centesimi della tariffa entro distretto sono espletati con due 5 centesimi tagliati orribilmente che non sono giallo limone, come invece è scritto a lato con la matita.
La raccomandata fu rifiutata, come appare anche da una scritta cancellata al retro dove è scritto:
"non appartiene al sig Giuseppe Guadagnin dell'Anconetta" seguita dalla firma B(eppe) Guadagnin
Non comuni pure le raccomandate rifiutate!
Grazie per l'annotazione!

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 13:05

francesco luraschi ha scritto:
11 gennaio 2020, 12:31
Certamente per città.

E' possibile vedere la coperta (?) nella sua interezza per capire di più sul motivo del rifiuto?


A prima vista sembrerebbe che non sia stato possibile recapitarla al primo tentativo in quanto Giuseppe Guadagnin non risiedeva all'Anconetta. Ma la firma è del Guadagnin?


E dato che per le lettere raccomandate andava firmata la ricevuta di distribuzione qualcuno l'ha rifiutata.


Le varie cancellature delle annotazioni al verso potrebbero indicare che poi in un secondo tempo la consegna andò a buon fine,


Ciao: Francesco

Grazie Francesco, ti allego la parte del "rifiuto" come mi hai chiesto e l'interno (anche se non credo sia dirimente). Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2256
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da francesco luraschi » 11 gennaio 2020, 13:27

Beh,


diciamo che è abbastanza dirimente.

Innanzitutto il Guadagnin è stato individuato, al contrario di quanto pensavo: lo di capisce dalla sua firma sotto il "Rifiutata". Dal testo si intuisce che di mezzo ci sono soldi in sospeso che il Guadagnin deve restituire al Gio Batta ...

Quanto hai tempo e voglia magari pubblica tutto il testo che è interessante, almeno per me. Prima o poi ce la farò a finire l'articolone sulle raccomandate che giace nel cassetto ...


Sappiamo che il Guadagnin ha in precedenza scritto una lettera "insolente", magari accampando dei pretesti per non pagare, e tra di loro deve essere saltato qualcosa nel giro comunicazionale, Probabilmente il Guadagnin non rispondeva alle lettere semplici, poteva dire di non averle ricevute, o comunque non si faceva trovare.

Da qui la decisione di scrivere per raccomandata, ovvero come si dice oggi "spedizione tracciabile". Rifiutare una raccomandata era un gesto forte che sottintendeva ostilità e a volte non era neppure possibile dato che la consegna avveniva in via coercitiva.

Sotto la firma del Guadagnin ce n'è un'altra che immagino sia quella di un postale.


Bel pezzo, comunque anche al netto della qualità modesta.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 14:15

francesco luraschi ha scritto:
11 gennaio 2020, 13:27
Beh,


diciamo che è abbastanza dirimente.

Innanzitutto il Guadagnin è stato individuato, al contrario di quanto pensavo: lo di capisce dalla sua firma sotto il "Rifiutata". Dal testo si intuisce che di mezzo ci sono soldi in sospeso che il Guadagnin deve restituire al Gio Batta ...

Quanto hai tempo e voglia magari pubblica tutto il testo che è interessante, almeno per me. Prima o poi ce la farò a finire l'articolone sulle raccomandate che giace nel cassetto ...


Sappiamo che il Guadagnin ha in precedenza scritto una lettera "insolente", magari accampando dei pretesti per non pagare, e tra di loro deve essere saltato qualcosa nel giro comunicazionale, Probabilmente il Guadagnin non rispondeva alle lettere semplici, poteva dire di non averle ricevute, o comunque non si faceva trovare.

Da qui la decisione di scrivere per raccomandata, ovvero come si dice oggi "spedizione tracciabile". Rifiutare una raccomandata era un gesto forte che sottintendeva ostilità e a volte non era neppure possibile dato che la consegna avveniva in via coercitiva.

Sotto la firma del Guadagnin ce n'è un'altra che immagino sia quella di un postale.


Bel pezzo, comunque anche al netto della qualità modesta.

Ciao: Francesco
Fantastico :clap: invidio veramente questa capacità di risalire a una storia partendo da indizi... :-)
ti mando il testo completo della lettera e grazie ancora.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
filippo_2005
Messaggi: 616
Iscritto il: 13 luglio 2007, 8:45
Località: Russi (RA) 20-04-78
Contatta:

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da filippo_2005 » 11 gennaio 2020, 14:23

Bel pezzo......certamente non comune! Secondo me si può sistemare un pochino (piegarlo come la lettera era in origine.....magari "stirarlo" un pochino).
filippo_2005

colleziono antichi stati e regno su lettera, fino alla floreale compresa.
Mi interessano anche Timbri e Annulli di Russi fino al 1900.


La raccolta che provo ad "amministrare" e a portare avanti (selezionare album poi navigare tra le foto oppure utlizzare "riproduci presentazione", funzione selezionabile cliccando in alto a sx una volta entrati nel dettaglio di una qualsiasi foto):
https://onedrive.live.com/redir?resid=6 ... 976%211063

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2256
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da francesco luraschi » 11 gennaio 2020, 14:49

Come immaginavo questa lettera spedita appositamente registrata è l'anticamera del tribunale, ovvero l'ultimo tentativo di dirimere la controversia. Il rifiuto è l'atto finale.


Bello il testo: il mittente scrive a proposito di una lettera precedente in cui sono state scritte parole "forti" e in questo caso risponde in maniera canzonatoria così riconducibile


" ... una famiglia come la vostra non vorrà avere a che fare a lungo con uno come me" ...


Divertente pure il passaggio finale in cui si spera che la causa in tribunale possa aumentare il disprezzo.


Il Guadagnin non è un personaggio sconosciuto alle cronache locali dell'epoca.


E neppure 300 lire mi sembrano una cifra tale da andare davanti ad un giudice. Probabilmente non si voleva restituire, punto e basta. I motivi sono chiari.


Si notano pure i modi spicci di questa lettera concisa in stile mercantile: "Signore" all'inizio, firma senza convenevoli alla fine.


Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 15:51

filippo_2005 ha scritto:
11 gennaio 2020, 14:23
Bel pezzo......certamente non comune! Secondo me si può sistemare un pochino (piegarlo come la lettera era in origine.....magari "stirarlo" un pochino).
:-) :-) :-)

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 11 gennaio 2020, 15:53

francesco luraschi ha scritto:
11 gennaio 2020, 14:49
Come immaginavo questa lettera spedita appositamente registrata è l'anticamera del tribunale, ovvero l'ultimo tentativo di dirimere la controversia. Il rifiuto è l'atto finale.


Bello il testo: il mittente scrive a proposito di una lettera precedente in cui sono state scritte parole "forti" e in questo caso risponde in maniera canzonatoria così riconducibile


" ... una famiglia come la vostra non vorrà avere a che fare a lungo con uno come me" ...


Divertente pure il passaggio finale in cui si spera che la causa in tribunale possa aumentare il disprezzo.


Il Guadagnin non è un personaggio sconosciuto alle cronache locali dell'epoca.


E neppure 300 lire mi sembrano una cifra tale da andare davanti ad un giudice. Probabilmente non si voleva restituire, punto e basta. I motivi sono chiari.


Si notano pure i modi spicci di questa lettera concisa in stile mercantile: "Signore" all'inizio, firma senza convenevoli alla fine.


Ciao: Francesco
pare un bel furfante, Guadagnin :-) :-) :-)

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9331
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da fildoc » 12 gennaio 2020, 7:22

Si non è B(eppe) Guadagnin ma B(eppe) Giovanovich che firma di fatto l'avvenuto rifiuto
una prima volta come non appartenenza - Poi cancellato
poi come rifiuto e basta
Sembra sì l'ultimo passo prima di una causa legale!
D'altra parte è molto difficile stabilire il valore reale del denaro a così tanto tempo di distanza...
quindi difficile anche capire se valesse la pena fare un'azione legale;
alcune cose oggi costano molto di meno per merito della industrializzazione, mentre altre molto di piu' per l'elevato costo della manodopera.
Solo indicaticamente 300 lire potrebbero essere 1500-2000 euro di oggi.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 12 gennaio 2020, 8:50

fildoc ha scritto:
12 gennaio 2020, 7:22
Si non è B(eppe) Guadagnin ma B(eppe) Giovanovich che firma di fatto l'avvenuto rifiuto
una prima volta come non appartenenza - Poi cancellato
poi come rifiuto e basta
Sembra sì l'ultimo passo prima di una causa legale!
D'altra parte è molto difficile stabilire il valore reale del denaro a così tanto tempo di distanza...
quindi difficile anche capire se valesse la pena fare un'azione legale;
alcune cose oggi costano molto di meno per merito della industrializzazione, mentre altre molto di piu' per l'elevato costo della manodopera.
Solo indicaticamente 300 lire potrebbero essere 1500-2000 euro di oggi.
vicende molto umane... Ciao: Ciao:

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2256
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da francesco luraschi » 12 gennaio 2020, 18:58

Effettivamente 300 lire all'epoca non erano poche. Mi ha tratto in inganno una situazione simile in cui la cifra contestata superava le 100.000 lire e su cui sto ancora scrivendoci sopra.

Mi chiedo che tipo di fornitura ci fosse di mezzo dato che gli Zanga a Venezia commerciavano in genere coloniali, granaglie e cioccolato o confetterie varie.

L'annotazione Rifiutata/Guadagnin/ Visto/... rispetta il §42 del regolamento sulla postalettere del 1839 ancora in vigore nel 1852 inerente le lettere rifiutate.

L'annotazione al verso poi cancellata potrebbe essere stata scritta d'impeto dal portalettere.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

vamas
Messaggi: 49
Iscritto il: 20 dicembre 2019, 11:12

Re: lettera 23 settembre 1852

Messaggio da vamas » 12 gennaio 2020, 21:45

francesco luraschi ha scritto:
12 gennaio 2020, 18:58
Effettivamente 300 lire all'epoca non erano poche. Mi ha tratto in inganno una situazione simile in cui la cifra contestata superava le 100.000 lire e su cui sto ancora scrivendoci sopra.

Mi chiedo che tipo di fornitura ci fosse di mezzo dato che gli Zanga a Venezia commerciavano in genere coloniali, granaglie e cioccolato o confetterie varie.

L'annotazione Rifiutata/Guadagnin/ Visto/... rispetta il §42 del regolamento sulla postalettere del 1839 ancora in vigore nel 1852 inerente le lettere rifiutate.

L'annotazione al verso poi cancellata potrebbe essere stata scritta d'impeto dal portalettere.

Ciao: Francesco
300 lire in cioccolato! :-)) :-)) :-))


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: fildoc, ulisse, vamas e 4 ospiti


Sostieni il forum: