Oggi è 29 marzo 2020, 11:23

Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, rossi

Rispondi
Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 26 marzo 2020, 14:41

Spulciando le varie lettere visibili online mi sono soffermato su questo frontespizio di raccomandata affrancata in Kreuzer.

Oltre quanto scrive il Del Bianco e alcune ipotesi pubblicate pure qui e cioè:

- la diffusione fu provocata dai vari corrieri, in particolare quelli della compagnia Franchetti

- si speculava sul cambio lira austriaca/lira italiana (almeno così mi sembrato di capire)

- erano portati in Italia anche da militari o comunque funzionari austriaci per scrivere a casa


negli anni sono state fatte altre ipotesi? :mmm:


Ciao: Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Avatar utente
Aleroma
Messaggi: 142
Iscritto il: 12 luglio 2018, 17:38
Località: Brescia

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Aleroma » 26 marzo 2020, 14:52

Mi sembra affrancata classicamente in centesimi.

Alessandro Ciao:

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 26 marzo 2020, 15:08

Ops! : :OOO:


Eccola!


Ciao: Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5191
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Tergesteo » 26 marzo 2020, 16:37

Secondo me la riprova del motivo principale dell'uso dei francobolli in kreuzer sta nel loro utilizzo prevalentemente a Venezia e Verona, ma ben più raramente a Milano.

I veneziani potevano agevolmente farsi arrivare questi francobolli da Trieste ed i veronesi da Rovereto e Trento.

A Milano il tutto diventava più difficile.

15% d'aggio su un'abbondante corrispondenza giornaliera non era affatto trascurabile per un commerciante.

Poi i vari trucchi degli impiegati del Franchetti sono pure da prendere in considerazione.

Sta di fatto che l'uso dei francobolli austriaci in Lombardo Veneto dal giugno 1850 fino all'espresso divieto del loro impegno fu importante fino al maggio 1851!
img222953.jpg
Ciao: Ciao:

Benjamin
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 26 marzo 2020, 18:41

Benjamin,

grazie! :clap:

Una domanda: dove hai preso il dato del 15% di aggio? Forse da 100/87 che dà 1.15 e cioè che la lira italiana valeva il 15% in più della lira austriaca?



Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco


Avatar utente
ecas
Messaggi: 1539
Iscritto il: 4 marzo 2012, 18:56
Località: Casarano (LE)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da ecas » 26 marzo 2020, 19:06

Su qualche post nel Forum ho letto infatti proprio questo, che venivano accettati dalla posta i francobolli con il colore corrispondente (rosso per 15cent/3kreuzer e così via) ma al cambio tra lira austriaca del L.V. e Kreuzer austriaco, si riusciva a ricavare un surplus comprando i francobollii dell'impero....
Ciao: :quad:

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5191
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Tergesteo » 26 marzo 2020, 20:43

Una domanda: dove hai preso il dato del 15% di aggio? Forse da 100/87 che dà 1.15 e cioè che la lira italiana valeva il 15% in più della lira austriaca?
Esattamente questo!

Una cosa invece non mi spiego, o diciamo che fatico a darci una spiegazione razionale:

I francobolli in Kreuzer emessi dal 1850 al 1851, specie i tagli da 3, 6 e 9 Kreuzer sono comuni usati a Venezia e Verona, ma le emissioni successive sono rare assai!

Mentre i francobolli in centesimi si trovano con molta più facilità fino al 1866.

Per i francobolli sciolti possiamo attribuire le quarte e quinte emissioni al Levante annullato in arrivo (specie a Trieste).

Non a caso le terze emissioni sono molto rare.

Le seconde emissioni, non comuni, ma sicuramente non rare possono essere spiegate con lo smaltimento di esemplari rimasti in possesso di funzionari e militari austriaci respinti dai territori liberati e tornati in licenza dopo la seconda guerra d'indipendenza.

Ma quella che non mi torna è la prima emissione!

Se escludiamo il discorso dei forwarded che riguarda i pezzi da 10 centesimi e poi da 3 soldi (gli Austria su Lombardo Veneto più comuni), per gli altri valori si fa fatica a capire!

In collezione (francobolli sciolti) possiedo quasi tutti i valori dal n°1 al n°22, mentre dei valori in Kreuzer ho i valori comuni del 1850-51 e basta!

Gli annulli in arrivo ed i riutilizzi non servono a spiegare tutto...
img222517.jpg
Ciao: Ciao:

Benjamin
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 26 marzo 2020, 21:15

Benjamin,

per le mie conoscenze attuali i tuoi dubbi non sono i miei, a me sembra tutto chiaro e ti ringrazio di avermi dato probabilmente prova di essere sulla strada giusta.

L'unico passaggio che non mi torna è proprio il discorso del 15% di aggio. Quello è lo spread che c'era tra la lira austriaca divisa in 100/100 circolante nel LV e la lira italiana sempre divisa in 100/100 in circolazione ad esempio nel Regno di Sardegna.

Tra fiorino austriaco sessantesimale e lira austriaca centesimale il cambio era 1:1.

Quindi non c'era vantaggio ad usare francobolli in centesimi piuttosto che in KR.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5191
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Tergesteo » 26 marzo 2020, 22:00

Quindi non c'era vantaggio ad usare francobolli in centesimi piuttosto che in KR.
E certo!

Se nel caso della seconda emissione parliamo di semplice smaltimento di valori altrimenti persi, nel caso della prima emissione (tolti i forwarded da 10 CENT), non riesco a spiegarmi la quantità di francobolli lombardo-veneti usati in Austria!

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 26 marzo 2020, 22:27

francesco luraschi ha scritto:
26 marzo 2020, 21:15
Benjamin,

per le mie conoscenze attuali i tuoi dubbi non sono i miei, a me sembra tutto chiaro e ti ringrazio di avermi dato probabilmente prova di essere sulla strada giusta.

L'unico passaggio che non mi torna è proprio il discorso del 15% di aggio. Quello è lo spread che c'era tra la lira austriaca divisa in 100/100 circolante nel LV e la lira italiana sempre divisa in 100/100 in circolazione ad esempio nel Regno di Sardegna.

Tra fiorino austriaco sessantesimale e lira austriaca centesimale il cambio era 1:1.

Quindi non c'era vantaggio ad usare francobolli in centesimi piuttosto che in KR.

Ciao: Francesco
Cito me stesso perché ho scritto una cosa errata e che riassumo qui: visto che il cambio tra fiorino austriaco e lira austriaca era paritetico e non c'era alcun aggio perché si arrivò ad usare nel Lombardo-Veneto francobolli in Kr piuttosto che in centesimi?

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5191
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Tergesteo » 26 marzo 2020, 22:56

Tutte le fonti a cui ho accesso danno 0,86 lira lombardo veneta indicizzata su quella sardo-italiana per 1 lira austriaca.

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2250
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da francesco luraschi » 27 marzo 2020, 7:16

Sì,

si trova sia 0.86 sia 0.87 ma la sostanza non cambia nel nostro discorso e poi valeva per entrambe le valute. Una persona che volesse comperare 1 lira austriaca in francobolli avrebbe ricevuto due pezzi da 45/100 e uno da 10/100, usando la lira italiana avrebbe ricevuto un 15/100 in più. Però nel LV francobolli in centesimi e in Austria francobolli in Kreuzer.

Per fare emergere l'anomalia dell'uso dei francobolli in Kr nel LV con dati che abbiamo in mano si può solo pensare che qualcuno li abbia portati con sé durante una trasferta e poi usati. Comunque non si spiega lo sbilanciamento tra francobolli in Kr nel LV (poi vietati) e quelli in 100 usati in Austria (mai vietati).

Dimenticavo una teoria: quella che prevede l'invio per errore di una partita di francobolli in Kr nel LV.

Ma sarà così?

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5191
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da Tergesteo » 27 marzo 2020, 21:15

Se le I.R. poste vietarono l'uso dei francobolli austriaci in LV ci doveva essere una ragione precisa!

Questo era il mancato guadagno dovuto al gioco sul cambio.

I veneziani ed i veronesi, in una maniera o nell'altra si procuravano quantitativi importanti di valori, magari facendosi pagare in natura dai loro corrispondenti triestini o trentini o forse con altri mezzi fantasiosi.

Da questo punto di vista, non ci sono altre spiegazioni!

Per tutto la storia postale del Lombardo Veneto troviamo un accanimento caparbio nel cercare di fregare le I.R. poste.

A parte le frodi semplici (riutilizzi in primis), troviamo l'uso dei francobolli austriaci in LV, poi la stampa di falsi veri e propri a Milano e Verona, per finire con l'uso delle marche da bollo.

Il fenomeno dei forwarded fu maggiormente legato al Franchetti, ma permise loro di lucrare non poco.

Solo i napoletani riuscirono a superare i lombardo veneti, ma erano agevolati dalla corrispondenza estera per via di mare dalle tariffe onerose e da vaste complicità negli uffici stessi!

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9178
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Francobolli in Kreuzer nel Lombardo-Veneto

Messaggio da fildoc » 28 marzo 2020, 15:18

La lira italiana valeva di piu' della moneta corrente austriaca!
Questo è il motivo!
La cosa cambio' dopo la seconda guerra d'indipendenza quando per la riforma monetaria, seguita all'inflazione per le spese di guerra, venne tutto egualizzato.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti


Sostieni il forum: