Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, ari

Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

"A volte ritornano", molti utenti di questo forum potranno dirlo. Per me e' quasi una novità, nel senso che solo da qualche settimana ho cominciato a seguire la particolarità di questo annullo.
Credo che tutto possa essere benissimo riassunto in questa foto che pesco direttamente dal forum:
Immagine

in poche parole un difetto del timbro fa si' che il nome dell'ufficio non risulti molto chiaro a seconda della pressione dell'impatto. Esistono casi in cui addirittura si vedono solo i cerchi.
In questo link se ne parlò molto:
viewtopic.php?f=29&t=35640
E anche il motore del forum lo classifica come "muto" riportando:
Si tratta in realtà dell'annullo C3, che per una cattiva resa planare, a volte non lasciava impressa l'impronta della localita' come appare nella raccomandata, questi pseudomuti sono abbastanza comuni in molti annulli con 3 o 4 cerchi; non devono essere confusi con i veri muti che erano solo geometrici senza scritte, al massimo contenevano la sola lettera iniziale.

E' gia' stato detto tutto? No e forse mai lo sara' fatto. Ma io mi chiedo una cosa, questa anomalia ha un periodo ben definito? E' possibile dedurre il lasso di tempo dell'esercizio di questo difetto (che ha di sicuro un inizio progressivo ma non e' detto che abbia una fine)?

Ho tentato di darmi un risposta usando i pezzi della mia collezione, i vostri del motore e alcuni riportati sul forum. Ben si sa', che se si tratta di un francobollo o di un frammento, l'annata non e' mai banale da risalire. Se e' una lettera e' gia' meglio ma non ne ho trovate molte con il pseudomuto.

La storia ci dice che l'annullo C3 viene usato da Luglio 1851 in poi. In che momento l'annullo possa aver presentato il difetto non e' facile da decifrare, io ho raccolto date che vanno da gennaio a dicembre.
Unico oggetto che ho che testimonia l'annullo funzionante e' del giugno 1854 (quindi una lettera).
Vien da se' che l’annullo abbia funzionato fino a quel mese e che i vari pseudomuti che ho trovato sono da distribuire tra il 1855 e pure 1856 dato l’estratto che riporto sotto (collezione REGIS).
Schermata 2021-01-05 alle 20.32.11.png
Poi buio completo, almeno per me.
Ho dei 5 soldi della II emissione dove l’annullo funziona bene, non di annata certa, forse 1859

Naturalmente bisogna mettere in saccoccia pure il concetto che il timbro non fosse l'unico e che in ufficio ne avessero piu' di uno, verosimilmente puo' essere successo che quando arrivo un nuovo timbro non avessero dismesso totalmente il difettoso e lo avessero utilizzato solo ogni tanto.

Insomma il caso non e' semplice, cosa ne pensate? Abbiamo elementi per determinare l’inizio del deterioramento (secondo me fine 1854) e inizio dell’utilizzo del nuovo timbro (o del timbro riparato).
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9231
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da fildoc »

L'annullo era uno solo!
Gli annulli erano costosi e solo le citta' grandi ne avevano piu' di uno!
Il problema della scomparsa della parte interna era dovuto ad un problema planare e non è legato ad un periodo
ma semplicemente al montaggio del timbro nel cambio data
il fatto che tali pseudomuti siano particolarmente frequenti con C3 e C4 indica appunto che i tanti cerchi tenevano sollevata la parte centrale con nome e data
vedi gargnano, gavardo, casorate, gallarate,Lonigo (tra i piu' comuni), diversa è la mancanza del datario come nel Verona 2CO: qui sì che manca la data!
https://www.lafilatelia.it/wordpress/lo ... tmark/917/
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9231
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da fildoc »

Di annulli di Lonigo ne ho una trentina e la evanescenza è quasi la regola!
scusa la qualita'
ma le immagini le ho tratte dal mio motore personale della collezione
sono a bassa risoluzione altrimenti non ci stanno
i miei francobolli del LV sono 15.000, anzi quasi mille di piu'!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

Grazie Fildoc,

Ho isolato i concetti piu' importanti che determinano il "caso".

Il primo, fondamentale:
fildoc ha scritto: 6 gennaio 2021, 0:35 L'annullo era uno solo!
Gli annulli erano costosi e solo le citta' grandi ne avevano piu' di uno!
e poi...
fildoc ha scritto: 6 gennaio 2021, 0:35 Il problema della scomparsa della parte interna era dovuto ad un problema planare e non è legato ad un periodo ma semplicemente al montaggio del timbro nel cambio data
che da' un aspetto totalmente differente rispetto cio' che mi aspettavo.
Quindi che determinava la visibilità della scritta "Lonigo" non era solamente la pressione dell'impatto ma anche come veniva rimontato il timbro dopo il cambio data, questo significa che potremmo avere un annullo che a seconda del giorno la scritta "Lonigo" appare piu' o meno. Questa eccezione di sicuro altera anche la progressione del difetto dilatando di molto il periodo in cui si e'presentato il problema (per altro e' proprio cosi', come minimo per due anni).
Questo complica ancor piu' il fatto di voler determinare una data indicativa in cui il problema fu messo a posto.

Grazie ancora dell'intervento.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 462
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da Fabio76 »

Ciao Giancarlo adesso ti mostro 2 pezzi di Lonigo della mia collezione di annulli Austriaci su francobolli Italiani, non certo per farti confusione anzi, il primo è anche accompagnato dall'annullo a sbarre 2615 potrebbe essere 1877 o 1878, da notare l'eccezionale nitidezza, quasi una rarità. Il secondo è facilmente databile visto l'introduzione dei servizi soprastampati nel gennaio del 78, quindi si tratta del 4 ottobre 1878, come vedi il C3 di Lonigo austriaco era ancora efficiente!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano,Ponte di Brenta)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Colleziono annulli Austriaci LV su francobolli Italiani periodo 1866-1879
Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2315
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da francesco luraschi »

La differenza si nota anche su impronte apposte presumibilmente in rapida sequenza, forse per rimediare ad una prima impressione venuta male ... ;-)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco
Avatar utente
andy66
Messaggi: 1572
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da andy66 »

Fabio76 ha scritto: 6 gennaio 2021, 10:35 Ciao Giancarlo adesso ti mostro 2 pezzi di Lonigo della mia collezione di annulli Austriaci su francobolli Italiani, non certo per farti confusione anzi, il primo è anche accompagnato dall'annullo a sbarre 2615 potrebbe essere 1877 o 1878, da notare l'eccezionale nitidezza, quasi una rarità. Il secondo è facilmente databile visto l'introduzione dei servizi soprastampati nel gennaio del 78, quindi si tratta del 4 ottobre 1878, come vedi il C3 di Lonigo austriaco era ancora efficiente!
Quello con l'annullo a sbarre ha dei strani segni bianchi di contorno...poi in realtà sembra quasi che sia stato 'ripassato' a china. Cioè, sotto le sbarre nere mi pare di scorgere un altro inchiostro...

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato
Avatar utente
robymi
Messaggi: 2622
Iscritto il: 13 luglio 2007, 11:51
Località: Milano

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da robymi »

A me non sembra molto autentico quello che accompagna l'annullo a sbarre...
Roberto
S T A F F
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2218
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da maupoz »

robymi ha scritto: 6 gennaio 2021, 14:43 A me non sembra molto autentico quello che accompagna l'annullo a sbarre...
Roberto
come osserva anche Andy .... diciamo che è stato un pò (tutto) "rafforzato" .... ( qualcuno voleva forse farlo valere per gli 8 punti del catalogo Vaccari )


questo un Lonigo in arrivo nell'agosto 1870
DLR BUSTE 66 part Lonigo.jpg
DLR BUSTE 66 partic.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

18 agosto 1860, al momento e' quella piu' recente con il pseudomuto?
Qualcuno a ha qualcosa di piu' "giovane"?
240.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

aaargh!!

maupoz mi ha bruciato... nel tempo.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 462
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da Fabio76 »

maupoz ha scritto: 6 gennaio 2021, 17:55
robymi ha scritto: 6 gennaio 2021, 14:43 A me non sembra molto autentico quello che accompagna l'annullo a sbarre...
Roberto
come osserva anche Andy .... diciamo che è stato un pò (tutto) "rafforzato" .... ( qualcuno voleva forse farlo valere per gli 8 punti del catalogo Vaccari )


questo un Lonigo in arrivo nell'agosto 1870

DLR BUSTE 66 part Lonigo.jpg

DLR BUSTE 66 partic.jpg
Penso sia uno scherzo valutare un Lonigo accoppiato con le sbarre sul 20 cent arancio 1877 ben 8 punti, il massimo esperto di LV su Italia lo valuta 4 punti, probabilmente è stato ripassato per renderlo più gradevole alla vista, ma non certo per fargli acquisire valore non avrebbe senso!
Sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano,Ponte di Brenta)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Colleziono annulli Austriaci LV su francobolli Italiani periodo 1866-1879
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9231
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da fildoc »

non riesco a spiegarmi...
il timbro è sempre lo stesso ed è variabile di giorno in giorno...
la parte centrale della data sempre è visibile
la scritta Lonigo solidale con i 4 cerchi a volte tenuta sollevata dai numeri centrali che sporgevano leggermente di piu' non lasciava l'impronta o spesso la lasciava incompleta.
non esiste un periodo, ma un modo di essere variabile dell'annullo!

Ovviamente, come dice Francesco, se l'impiegato si accorgeva che la scritta non si era impressa sul francobollo
dava un secondo colpo piu' energico per far veder anche la scritta!

la planarita' del timbro resto' sempre critica anche nel periodo "italiano" come puoi vedere da questo mio cartoncino
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

Si, per me questo thread e' stato illuminante, mi aspettavo di risalire ad una data indicativa in cui l'annullo avesse ri-cominciato a funzionare bene sistematicamente. Ma di sicuro questo non succede nel periodo "austriaco" dato che mi dimostrate che il difetto si protrae fino al regno... e probabilmente fino alla fine del suo utilizzo che dalle mie fonti e' da fissare a Maggio del 1879.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
andy66
Messaggi: 1572
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da andy66 »

Per come son fatti i timbri di quel tempo, cioè a inserti, il problema sicuramente veniva dalle cifre giorno/mese. Probabilmente l'impressione migliore o peggiore dipendeva da qualche tassello a cifra che non si allineava perfettamente al resto del timbro. Ad esempio mi pare che quando compare la cifra 1 il problema sussista sempre.

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

Buongiorno a tutti,

Mi riaggancio a questo post per chiedervi lumi su questo annullo pseudo muto, puo' essere "un Lonigo"?
239_001.jpg
Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Avatar utente
robymi
Messaggi: 2622
Iscritto il: 13 luglio 2007, 11:51
Località: Milano

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da robymi »

Ciao Giancarlo,
è certamente Lonigo, ma visto che il nome della località si legge bene farei fatica a definirlo pseudomuto.
Roberto
S T A F F
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9231
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da fildoc »

ribadisco quello che penso
il Lonigo non è un muto
e pseudomuto, dal nome stesso, indica che è solo un timbro normale che solo apparentemente appare muto....
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1970
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da mestrestamps »

Ciao:
fildoc ha scritto: 29 gennaio 2021, 15:13 ribadisco quello che penso
il Lonigo non è un muto
e pseudomuto, dal nome stesso, indica che è solo un timbro normale che solo apparentemente appare muto....
:fest: :fest: :fest: :fest: :fest:

Ciao: Ciao:
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps
Avatar utente
giancaos
Messaggi: 170
Iscritto il: 29 maggio 2016, 15:50

Re: Ancora sul pseudomuto di Lonigo

Messaggio da giancaos »

robymi ha scritto: 29 gennaio 2021, 9:12 ma visto che il nome della località si legge bene
Beh, piu' che riuscire a leggerlo io lo deducevo sapendo che un C3 di cui non di legge il nome al 90% e' un Lonigo. Ma non ero sicuro.

Comprendo le osservazioni di fildoc.

Certo che siete proprio una bella compagnia voi... Ciao: Ciao:
Giancarlo Farina
Le mie collezioni:
- Indocina Francese, nuovi.
- Colonie Portoghesi, nuovo e usato.
- 1967 Tutto il mondo, nuovi, fdc.
- Lombardo Veneto (Uffici di Vicenza)
- 1923-1943 Regno, nuovi.
Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

SOSTIENI IL FORUM