1850 - Il rifacimento dei cliché del Cent. 45 e Kr. 9 tipo 1

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno Lombardo-Veneto.

Moderatori: fildoc, ari

Rispondi
Avatar utente
ari
Amministratore
Messaggi: 1366
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

1850 - Il rifacimento dei cliché del Cent. 45 e Kr. 9 tipo 1

Messaggio da ari »

Nella mia biblioteca filatelica ho trovato all'interno di una rivista Americana un articolo del November 1955 dell'Ing. Mueller sul 45 centes e 9 kreuzer Type I.
Nel lungo articolo, e che ho letto molto velocemente, l'autore tratta alcuni argomenti che reputo interessanti.

In primo luogo il Mueller non crede che la preparazione dei cliche' di entrambi i valori sia stata fatta due settimane prima del 1o Giugno 1850 come affermato dal De Frank.
Il Mueller scrive invece che la preparazione sia cominciata gia' dal 26 Marzo 1850 e reputa il decreto del 16 Maggio 1850 come emesso "in ritardo".
Del resto i valori del 9kreuzer e del 45centes si trovano usati gia' dal primo Giugno e visto che per raggiungere le piu' remote parti dell'Impero occorreva anche una settimana e visto che gli uffici avevano a disposizione i francobolli gia' da una settimana e' praticamente impossibile che i cliche' fossero stati preparata solo due settimane prima.
Inoltre fa una considerazione che da, forse, una risposta ad un quesito che avevo esposto agli esperti della prima emissione: come mai si e' preferito sostituire manualmente le cifre del 6kreuzer e del 30centes con il 9 ed il 45 invece di preparare dei nuovi cliche' ?
il Mueller scrive che si e' preferito usare questo metodo tedioso e piu' lungo poiche' le ore di manodopera costavano meno rispetto alla creazione di nuovi cliche' del 9kreuzer e 45centes.
Inoltre scrive che si usarono i cliche' del 6kreuzer e del 30centes poiche' ne erano stati prodotti in maggior numero rispetto agli altri.
Sebbene, mi viene da dire, se la ragione era rendere l'operazione meno costosa non sarebbe stato meglio modificare i cliche' da 12kreuzer e 60centes ?

Sempre l'autore poi parla dei blocchetti su cui poggiavano i cliche' e cita il Katscher, che mori' a cavallo tra gli anni 20 e 30, secondo il quale questi erano fissati su di un blocchetto di legno che conteneva 8 cliche' in orizzontale.
Nel volume del De Magistris che ho ceduto a fildoc qualche anno fa ci dovrebbero essere delle foto.
Inoltre mi pare di aver sentito da qualche membro del forum che i cliche' sul blocchetto fossero 4, potrei ricordare male.
Il Mueller non sa bene come il Katscher sia arrivato alla conclusione che fossero montati su dei blocchetti di legno anche perche', e qui viene il bello, lo stesso Mueller afferma che in una sua recente visita al Museo Postale di Vienna aveva visto i cliche' delle ultime tirature, Elettrotipi, montati su supporti di metallo.
Il Katscher parla che la cifra 6, per inserire poi la cifra 9, fosse stata trapanata, e sul De Magistris c'e' una bella foto che spiega tutto, mentre il buco per fare spazio alla cifra 45 fosse rettangolare.
Parla poi degli spazi tipografici pero' non ho letto bene quella parte.

Infine parla poi di "wandering figure" types.
Questa parte non l'ho studiata pero' mi pare parli di come la posizione della cifra di alcuni cliche' col tempo sia cambiata.
A tale proposito illustra un cliche', con un bel difetto di cliche', nel quale la cifra 45 passa da 0.7mm a 0.4.
Ho notato che sul Vaccari 2008-2009 e' proprio il francobollo illustrato come 10d.
Il Mueller parla di come ci abbia messo 20anni prima di riuscire a dare dimostrazione di questa teoria.
All'epoca non c'era internet e qui, per concludere, mi vengono in mente i due punti rossi illustrati da ziopino e con pablita64 poi che ne ha poi mostrato di simili.

Quello che ho riportato potrebbe contenere inesattezze che sono tutte mie.
Visto che sono passati quasi 54 anni, avete qualcosa da aggiungere e/o correggere ?

:leggo: :-)

p.s.
giandri, l'articolo e' in Inglese :fii: :fiu:
a.k.a. rossi

:holmes: ANNULLI DEL LOMBARDO VENETO :holmes:
https://www.lafilatelia.it/wordpress/lombardoveneto/

Avatar utente
giandri
Messaggi: 1082
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:43
Località: Venezia
Contatta:

Re: 45 centesimi Type I

Messaggio da giandri »

siska ha scritto:.....In primo luogo il Mueller non crede che la preparazione dei cliche' di entrambi i valori sia stata fatta due settimane prima del 1o Giugno 1850 come affermato dal De Frank.
Il Mueller scrive invece che la preparazione sia cominciata gia' dal 26 Marzo 1850 e reputa il decreto del 16 Maggio 1850 come emesso "in ritardo"....
Velocemente anche io (sto per uscire, poi magari ci ritorneremo).
Credo sia pacifico che la preparazione dei 45 centes. e 9 kreuzer fu fatta prima (magari una volta non avevano a disposizione tutta la documentazione, o non era ancora stata studiata).
C'era tutto il tempo.
Il 26 marzo 1850 l'amministrazione postale restituì all'Imperiale Regia Stamperia una serie di saggi (che le era stata sottoposta) con la propria approvazione, ordinando di stampare 9.000.000 di pezzi di un francobollo da 9 kreuzer e 1.500.000 di pezzi di uno da 45 centesimi al posto dei valori da 12 kreuzer e 60 centesimi. Sui francobolli di saggio che erano stati restituiti il «12» fu trasformato a penna in «9» ed il «60» in «45».
Ma eventualmente torneremo in un altro momento su questo argomento.
Devo scappare.
Ciao:
Andrea Bizio Gradenigo
Iscritto dal 7 luglio 2004
http://www.giandri.altervista.org/
La filatelia è divertimento, studio, approfondimento e cultura, non è un libretto di banca.
Colleziona per il piacere che ti dà il collezionare.

Avatar utente
giandri
Messaggi: 1082
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:43
Località: Venezia
Contatta:

Re: 45 centesimi Type I

Messaggio da giandri »

siska ha scritto:....Inoltre scrive che si usarono i cliche' del 6kreuzer e del 30centes poiche' ne erano stati prodotti in maggior numero rispetto agli altri.
Sebbene, mi viene da dire, se la ragione era rendere l'operazione meno costosa non sarebbe stato meglio modificare i cliche' da 12kreuzer e 60centes ?....
Forse, ma solo forse, poteva esserci, almeno per il valore in kreuzer, un motivo tecnico: modificare il 12 in 9 significava sostituire due cifre con una, cosa che non sarebbe avvenuta sostituendo il 6 con il 9. (Per la serie subalterna di Lombardo Veneto, comunque non si poneva il problema: sempre due cifre erano, da sostituire con altre due)
Ciao:
Andrea Bizio Gradenigo
Iscritto dal 7 luglio 2004
http://www.giandri.altervista.org/
La filatelia è divertimento, studio, approfondimento e cultura, non è un libretto di banca.
Colleziona per il piacere che ti dà il collezionare.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 9176
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: 45 centesimi Type I

Messaggio da fildoc »

Ce lo leggiamo insieme? :-) Possibile che ci siano cose non scritte nel suo volume del !961? :mmm:

Revised by Lucky Boldrini - March 2010
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Rispondi

Torna a “Regno Lombardo-Veneto”

SOSTIENI IL FORUM