Oggi è 16 dicembre 2017, 13:46

Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Granducato e del Governo provvisorio di Toscana
Rispondi
Avatar utente
maremonti
Messaggi: 463
Iscritto il: 8 luglio 2011, 18:53

Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da maremonti » 20 aprile 2017, 0:03

Ciao a tutti, premetto che non sono ferrato sulle tariffe della Toscana.
Posto una lettera viaggiata da Firenze a Napoli, chiedendo alcune delucidazioni.
Come si può notare, sul fronte è stato apposto a penna "Via di Livorno col Castore", mentre sul retro vi è il timbro "Per lo Stato Pontificio".
Quale è stato il tragitto di questa lettera ?
Da Firenze a Livorno quindi a Civitavecchia col Castore e da qui via terra fino a Napoli ?
Non conveniva farla viaggiare dal porto di Livorno fino a Napoli porto?
Sulla lettera si nota un segno di tassa (10?); dove è stato apposto e perché?
A quale porto corrispondeva l'affrancatura di 4 crazie?
Il Castore era un postale o un piroscafo mercantile?
Mi scuso per le troppe domande.
Ringrazio tutti per le risposte.
Ciao: Ciao:
Michele
Toscana cr.4.jpg
Retro.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Giorgio Di Raimo
Messaggi: 3171
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 20 aprile 2017, 0:20

maremonti ha scritto:
20 aprile 2017, 0:03
Ciao a tutti, premetto che non sono ferrato sulle tariffe della Toscana.
Posto una lettera viaggiata da Firenze a Napoli, chiedendo alcune delucidazioni.
Come si può notare, sul fronte è stato apposto a penna "Via di Livorno col Castore", mentre sul retro vi è il timbro "Per lo Stato Pontificio".
Quale è stato il tragitto di questa lettera ?
Da Firenze a Livorno quindi a Civitavecchia col Castore e da qui via terra fino a Napoli ?
Non conveniva farla viaggiare dal porto di Livorno fino a Napoli porto?
Sulla lettera si nota un segno di tassa (10?); dove è stato apposto e perché?
A quale porto corrispondeva l'affrancatura di 4 crazie?
Il Castore era un postale o un piroscafo mercantile?
Mi scuso per le troppe domande.
Ringrazio tutti per le risposte.
Ciao: Ciao:
Michele
Toscana cr.4.jpgRetro.jpg


puoi vedere se all'interno ,nel testo, si vede dove è stata scritta?
grazie
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
I miei francobolli su Tuscanphila
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza

Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1484
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da vikingo68 » 20 aprile 2017, 1:49

La tariffa da 4 crazie per il primo porto era valida fino al 30.06.1857 mediante trasporto con i battelli di commercio, con i postali francesi invece veniva 3 crazie, la tassazione dovrebbe essere borbonica quindi 10 grana.

Saluti, Carlo. Ciao: Ciao:
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna http://sdrv.ms/YJhIYN Toscana http://1drv.ms/1RPWJzJ Regno http://sdrv.ms/16fWaII Boccasile http://1drv.ms/1ZzMKzX Su skype: vikingo_68.

Avatar utente
maremonti
Messaggi: 463
Iscritto il: 8 luglio 2011, 18:53

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da maremonti » 20 aprile 2017, 13:57

Grazie a Carlo per la risposta. :clap: :clap:

Per Giorgio : la lettera è stata scritta proprio a Firenze il 16 settembre 1853.

Un cordiale saluto a tutti e due.

Ciao: Ciao:

Giorgio Di Raimo
Messaggi: 3171
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 20 aprile 2017, 17:19

ok :pea:
una precisazione: nel 1853 non esisteva "una tariffa da 4 crazie" ma bensi le lettere venivano affrancate secondo gli scaglioni di peso in denari ( 1,14grammi) per il Regno delle due Sicilie via di Terra sino al confine col Pontificio e per la Via di Mare sino al porto di sbarco....4 crazie infatti poteva essere 3 tariffe diverse di cui due combacianti secondo lo scaglione di peso e più precisamente

Tariffa Via di Mare sino al porto di sbarco con Postale Francese nel secondo scaglione di peso tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Terra attraverso il Pontificio ( questa lettera) nel secondo scaglione di pesa tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Mare coi bastimenti di commercio o pir. mercantili nel primo porto di peso tra 0 e 6 denari...4 crazie

credo che il Castore fosse francese per cui affrancarono oltre i 6 denari entro gli 8 denari per la via di mare da Livorno, ma poi la lettera fu instradata via terra come da Transito per lo Stato Pontificio" al retro , sempre tra 6 e 8 denari...credo fosse oltre i 6 denari perchè all'arrivo fu tassata per 10 grana , cioè per 2 fogli ( i napoletani tassavano non col peso ma con il numero di fogli intesi come 4 facciate, un foglio A4 attuale piegato a metà)...i 10 grana pagavano i diritti pontifici e quelli napoletani

da notare che al retro mi pare ci sia il cerchio rosso con giglio al centro napoletano applicato in arrivo su missive da tassarsi ma piuttosto insolito ( se è lui, si vede ,male, e ciò propende per lui che è sempre male impresso)
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
I miei francobolli su Tuscanphila
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza


Avatar utente
vikingo68
Messaggi: 1484
Iscritto il: 29 luglio 2007, 22:51
Località: LAZIO

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da vikingo68 » 20 aprile 2017, 17:35

Grazie per la precisazione Giorgio, io le tariffe (ho precisato per il primo porto) che avevo citato le ho tratte dal Vaccari.

Saluti, Carlo. Ciao: Ciao:
Colleziono:Tariffe Sardegna-Napoli-Toscana-Pontificio e quello che posso;Cartoline Gino Boccasile!
Su OneDrive immagini di parte delle mie collezioni: Sardegna http://sdrv.ms/YJhIYN Toscana http://1drv.ms/1RPWJzJ Regno http://sdrv.ms/16fWaII Boccasile http://1drv.ms/1ZzMKzX Su skype: vikingo_68.

Giorgio Di Raimo
Messaggi: 3171
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 20 aprile 2017, 17:39

vikingo68 ha scritto:
20 aprile 2017, 17:35
Grazie per la precisazione Giorgio, io le tariffe (ho precisato per il primo porto) che avevo citato le ho tratte dal Vaccari.

Saluti, Carlo. Ciao: Ciao:
infatti CARLO :abb: ho scritto perchè è primo porto per mercantile, secondo per francese o via di terra ;-)
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
I miei francobolli su Tuscanphila
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza

Avatar utente
maremonti
Messaggi: 463
Iscritto il: 8 luglio 2011, 18:53

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da maremonti » 20 aprile 2017, 18:07

Giorgio Di Raimo ha scritto:
20 aprile 2017, 17:19
ok :pea:
una precisazione: nel 1853 non esisteva "una tariffa da 4 crazie" ma bensi le lettere venivano affrancate secondo gli scaglioni di peso in denari ( 1,14grammi) per il Regno delle due Sicilie via di Terra sino al confine col Pontificio e per la Via di Mare sino al porto di sbarco....4 crazie infatti poteva essere 3 tariffe diverse di cui due combacianti secondo lo scaglione di peso e più precisamente

Tariffa Via di Mare sino al porto di sbarco con Postale Francese nel secondo scaglione di peso tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Terra attraverso il Pontificio ( questa lettera) nel secondo scaglione di pesa tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Mare coi bastimenti di commercio o pir. mercantili nel primo porto di peso tra 0 e 6 denari...4 crazie

credo che il Castore fosse francese per cui affrancarono oltre i 6 denari entro gli 8 denari per la via di mare da Livorno, ma poi la lettera fu instradata via terra come da Transito per lo Stato Pontificio" al retro , sempre tra 6 e 8 denari...credo fosse oltre i 6 denari perchè all'arrivo fu tassata per 10 grana , cioè per 2 fogli ( i napoletani tassavano non col peso ma con il numero di fogli intesi come 4 facciate, un foglio A4 attuale piegato a metà)...i 10 grana pagavano i diritti pontifici e quelli napoletani

da notare che al retro mi pare ci sia il cerchio rosso con giglio al centro napoletano applicato in arrivo su missive da tassarsi ma piuttosto insolito ( se è lui, si vede ,male, e ciò propende per lui che è sempre male impresso)
Grazie per la spiegazione Giorgio.
La lettera di carta velina è composta da 2 fogli (4 facciate) e pesa 2,8 grammi. Corrisponde la tariffa ?
Per quanto riguarda il cerchio rosso napoletano, anche se illeggibile, mi sembra proprio quanto dici.
Ciao
Ciao: Ciao:

Giorgio Di Raimo
Messaggi: 3171
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 20 aprile 2017, 18:12

maremonti ha scritto:
20 aprile 2017, 18:07
Giorgio Di Raimo ha scritto:
20 aprile 2017, 17:19
ok :pea:
una precisazione: nel 1853 non esisteva "una tariffa da 4 crazie" ma bensi le lettere venivano affrancate secondo gli scaglioni di peso in denari ( 1,14grammi) per il Regno delle due Sicilie via di Terra sino al confine col Pontificio e per la Via di Mare sino al porto di sbarco....4 crazie infatti poteva essere 3 tariffe diverse di cui due combacianti secondo lo scaglione di peso e più precisamente

Tariffa Via di Mare sino al porto di sbarco con Postale Francese nel secondo scaglione di peso tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Terra attraverso il Pontificio ( questa lettera) nel secondo scaglione di pesa tra 6 e 8 denari...4 crazie
Tariffa per la Via di Mare coi bastimenti di commercio o pir. mercantili nel primo porto di peso tra 0 e 6 denari...4 crazie

credo che il Castore fosse francese per cui affrancarono oltre i 6 denari entro gli 8 denari per la via di mare da Livorno, ma poi la lettera fu instradata via terra come da Transito per lo Stato Pontificio" al retro , sempre tra 6 e 8 denari...credo fosse oltre i 6 denari perchè all'arrivo fu tassata per 10 grana , cioè per 2 fogli ( i napoletani tassavano non col peso ma con il numero di fogli intesi come 4 facciate, un foglio A4 attuale piegato a metà)...i 10 grana pagavano i diritti pontifici e quelli napoletani

da notare che al retro mi pare ci sia il cerchio rosso con giglio al centro napoletano applicato in arrivo su missive da tassarsi ma piuttosto insolito ( se è lui, si vede ,male, e ciò propende per lui che è sempre male impresso)
Grazie per la spiegazione Giorgio.
La lettera di carta velina è composta da 2 fogli (4 facciate) e pesa 2,8 grammi. Corrisponde la tariffa ?
Per quanto riguarda il cerchio rosso napoletano, anche se illeggibile, mi sembra proprio quanto dici.
Ciao
Ciao: Ciao:
Se la lettera ha 4 facciate è di un foglio e probabilmente c'era allegato un secondo foglio ma la somma dei due è inferiore a 7,5 grammi per cui sarebbe sopraffrancata di 1 crazia.....ora rimane di capire se Castore fosse francese o mercantile...credo a questo punto fosse mercantile e quindi giustamente impostata con 4 crazie sotto 6 denari o 7,5 grammi
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
I miei francobolli su Tuscanphila
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza

Avatar utente
maremonti
Messaggi: 463
Iscritto il: 8 luglio 2011, 18:53

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da maremonti » 20 aprile 2017, 18:51

Molto probabile che il Castore fosse un mercantile e non un postale francese, ho cercato un po' sulla rete ma non trovato notizie del bastimento; d'altronde il nome è italiano.
Ciao: Ciao:

Avatar utente
Erik
Messaggi: 1962
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:42
Località: Fabriano

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Erik » 20 aprile 2017, 19:34

Ciao,
il Castore faceva parte della flotta della compagnia Rubattino.

Ciao:
S T A F F

Enrico Carsetti
---

Sul (vecchio) Forum dal 6 dicembre 2003

Visita il mio negozio su Delcampe


"Chi condivide con gli altri le proprie passioni viene trasportato in una vita incantata di felicità interiore che gli egoisti non conosceranno mai." (Richard Bach)

Avatar utente
maremonti
Messaggi: 463
Iscritto il: 8 luglio 2011, 18:53

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da maremonti » 20 aprile 2017, 20:01

Grazie Erik :clap: :clap:

Ciao

Ciao: Ciao:

Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 5391
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Tergesteo » 20 aprile 2017, 20:07

Una sola precisazione: la tassa napoletana da 10 grana corrispondeva a lettere provenienti da stati esteri, non convenzionati, da un foglio.

Ciao: Ciao:

Benjamin
Colleziono: Lombardo Veneto (tutto, sia filatelia che annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale delle antiche province di Lucca e Siena, colori della quarta emissione di Sardegna, Napoli e comunque a livello filatelico tutti gli antichi stati italiani.
Paesi Baltici (Lettonia,Lituania ed Estonia),
Classici di Francia, Inghilterra e Russia,
Israele, annulli su francobolli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi.


"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno


Giorgio Di Raimo
Messaggi: 3171
Iscritto il: 31 agosto 2007, 17:20
Contatta:

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Giorgio Di Raimo » 21 aprile 2017, 0:21

la tassa 10 grana è per 1 foglio se la lettera arriva a Napoli dal mare coi bastimenti napoletani ( se erano francesi era 13 grana)...ma essendo questa viaggiata inequivocabilmente per terra ( transito stato pontificio su 2 righe al retro nero) la tassa di 10 grana è per due fogli ( allo stesso modo , in senso di marcia inverso, le lettere via terra da napoli alla toscana pagavano sino al confine toscano 5 grana 1 foglio, 7 grana 1,5 fogli, 10 grana 2 fogli)...dunque...il castore abbiamo appurato essere mercantile...la lettera era di 2 fogli presubilmente di meno di 3 grammi cadauno,totale sotto i 7,5grammi cioè 6 denari...dunque all'origine affrancata sotto 6 denari per 4 crazie via di mare coi bastimenti di commercio o mercantili...la lettera non parti per via di mare, ma andò via di terra , e qui sotto i 6 denari sarebbero bastati 3...sovraffrancata 1 crazia ( ne esistono moltissimi esempi di questo tipo tra Firenze e Napoli)....due fogli, per via di mare sarebbe stata tassata coi mercantili 2 fogli x 20 grana, invece essendo arrivata dal mare ne pagò 10, quindi alla fine il mittente sprecò 1 crazia , ma il destinatario ne salvò 10 di grana :-)) ...una curiosità: perchè mai uno avrebbe dovuto spedere 1 crazia in più per andare coi bastimenti di commercio?? semplice...semplicissimo....perchè all'arrivo il capitano che si era intascato 1 crazia a lettera le dava allo sbarco, invece che all'ufficio postale di Napoli ,al destinatario stesso ( esistono diversi casi) non essendoci convenzione e quindi conteggio di niente e sopratutto se il destinatario, come in questo caso, era uomo importante ... fregando decine di grana alla volta all'amministrazione borbonica e magari intascando un altra "mancetta" :-)) Ciao:
Specializzato in tutti gli Antichi Stati Italiani, Filatelia e Storia Postale
I miei francobolli su Tuscanphila
Socio ASPOT
Stimo, Valuto e/o Acquisto Collezioni degli Antichi Stati Italiani
Per le mie Collezioni Private acquisto esemplari ASI di eccezionale bellezza

Massimo Bernocchi
Messaggi: 1384
Iscritto il: 18 luglio 2007, 19:46
Località: Prato

Re: Lettera da Firenze a Napoli via di Livorno per lo Stato Pontificio.

Messaggio da Massimo Bernocchi » 21 aprile 2017, 11:01

Giorgio Di Raimo ha scritto:
21 aprile 2017, 0:21
la tassa 10 grana è per 1 foglio se la lettera arriva a Napoli dal mare coi bastimenti napoletani ( se erano francesi era 13 grana)...ma essendo questa viaggiata inequivocabilmente per terra ( transito stato pontificio su 2 righe al retro nero) la tassa di 10 grana è per due fogli ( allo stesso modo , in senso di marcia inverso, le lettere via terra da napoli alla toscana pagavano sino al confine toscano 5 grana 1 foglio, 7 grana 1,5 fogli, 10 grana 2 fogli)...dunque...il castore abbiamo appurato essere mercantile...la lettera era di 2 fogli presubilmente di meno di 3 grammi cadauno,totale sotto i 7,5grammi cioè 6 denari...dunque all'origine affrancata sotto 6 denari per 4 crazie via di mare coi bastimenti di commercio o mercantili...la lettera non parti per via di mare, ma andò via di terra , e qui sotto i 6 denari sarebbero bastati 3...sovraffrancata 1 crazia ( ne esistono moltissimi esempi di questo tipo tra Firenze e Napoli)....due fogli, per via di mare sarebbe stata tassata coi mercantili 2 fogli x 20 grana, invece essendo arrivata dal mare ne pagò 10, quindi alla fine il mittente sprecò 1 crazia , ma il destinatario ne salvò 10 di grana :-)) ...una curiosità: perchè mai uno avrebbe dovuto spedere 1 crazia in più per andare coi bastimenti di commercio?? semplice...semplicissimo....perchè all'arrivo il capitano che si era intascato 1 crazia a lettera le dava allo sbarco, invece che all'ufficio postale di Napoli ,al destinatario stesso ( esistono diversi casi) non essendoci convenzione e quindi conteggio di niente e sopratutto se il destinatario, come in questo caso, era uomo importante ... fregando decine di grana alla volta all'amministrazione borbonica e magari intascando un altra "mancetta" :-)) Ciao:
La descrizione è perfetta 5 grana a foglio, la lettera era sicuramente di 2 fogli, tutto perfettamente nella norma
Ciao: Ciao:
Gioielli filatelici di Toscana
ASI "the pursuit of perfection"


Rispondi

Torna a “Granducato di Toscana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Guido Morolli, Mazzy1975, sergio de villagomez e 1 ospite


Sostieni il forum: