Oggi è 26 giugno 2019, 11:57

1926 - Il recapito con mezzi propri

Forum di discussione sulla Storia postale di Paesi ed Aree per cui non esista una sezione specifica.
Rispondi
Avatar utente
BROWN3
Messaggi: 238
Iscritto il: 16 febbraio 2013, 9:08

1926 - Il recapito con mezzi propri

Messaggio da BROWN3 » 9 febbraio 2014, 22:06

Il R. D. del 1° Luglio 1926 stabiliva che nell'interesse dell'industria e del commercio , Banche, Ditte, Istituti ed Entim in genere potevano consegnare con mezzi propri entro il loro comune di residenza, corrispondenze epistolari con loro agenzie e succursali.
Per ciascun oggetto da recapitare era dovuto un "diritto di centesimi dieci rappresentato da un francobollo di eguale valore da annullarsi con un bollo rettangolare o di altra foggia portante il nome dell'utente". Anche i comuni e i loro organi dipendenti dovevano uniformarsi alle suddette disposizioni.
Accludo una busta consegnata con mezzi propri della Banca di Credito Agricolo di Firenze, per città, del 15 DIC 1927 affrancata con 10c. e con il bollo rettangolare della Banca.
Un settore sottovalutato e che potremmo provare ad esplorare.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
BROWN3
Messaggi: 238
Iscritto il: 16 febbraio 2013, 9:08

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da BROWN3 » 9 febbraio 2014, 22:09

Un annullo rotondo dell'"Orfanotrofio del Bigallo di Firenze".
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da minty » 10 febbraio 2014, 2:25

BROWN3 ha scritto:Il R. D. del 1° Luglio 1926 stabiliva che nell'interesse dell'industria e del commercio , Banche, Ditte, Istituti ed Entim in genere potevano consegnare con mezzi propri entro il loro comune di residenza, corrispondenze epistolari con loro agenzie e succursali.
Per ciascun oggetto da recapitare era dovuto un "diritto di centesimi dieci


Scusate, forse mi sfugge qualcosa. Ma tutta la procedura serviva per dare testimonianza e validità legale alla corrispondenza, una "ufficialità" diciamo (come la PEC nelle email)? Perché, diversamente, non capisco perché ricorrere a un procedimento così complesso pagandoci pure una tassa sopra. Intendo dire, visto che si parla di interno dello stesso comune, non si faceva prima a pagare un "garzone", dirgli "Prendi questa/e comunicazione/i e portala/e a tizio/caio/sempronio", senza che Stato e francobolli c'entrassero nulla? ?___?
:-)
Elisa T.

Avatar utente
prefil
Messaggi: 1949
Iscritto il: 13 luglio 2007, 14:39
Località: Peveragno (CN)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da prefil » 10 febbraio 2014, 10:32

minty ha scritto:
BROWN3 ha scritto:Il R. D. del 1° Luglio 1926 stabiliva che nell'interesse dell'industria e del commercio , Banche, Ditte, Istituti ed Entim in genere potevano consegnare con mezzi propri entro il loro comune di residenza, corrispondenze epistolari con loro agenzie e succursali.
Per ciascun oggetto da recapitare era dovuto un "diritto di centesimi dieci


Scusate, forse mi sfugge qualcosa. Ma tutta la procedura serviva per dare testimonianza e validità legale alla corrispondenza, una "ufficialità" diciamo (come la PEC nelle email)? Perché, diversamente, non capisco perché ricorrere a un procedimento così complesso pagandoci pure una tassa sopra. Intendo dire, visto che si parla di interno dello stesso comune, non si faceva prima a pagare un "garzone", dirgli "Prendi questa/e comunicazione/i e portala/e a tizio/caio/sempronio", senza che Stato e francobolli c'entrassero nulla? ?___?


http://www.accademiadiposta.it/it/posta ... ivate.html

Ciao: Ciao:
Luca
Luca L.

Emilio Diena: «prima i libri poi i francobolli e dopo le lettere».

Presidente dell'Associazione Italiana di Storia Postale www.aisp1966.it, Consigliere FSFI con delega a manifestazioni e giurie.

Avatar utente
prefil
Messaggi: 1949
Iscritto il: 13 luglio 2007, 14:39
Località: Peveragno (CN)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da prefil » 10 febbraio 2014, 10:43

Luca L.

Emilio Diena: «prima i libri poi i francobolli e dopo le lettere».

Presidente dell'Associazione Italiana di Storia Postale www.aisp1966.it, Consigliere FSFI con delega a manifestazioni e giurie.


Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da minty » 11 febbraio 2014, 1:25

Grazie, prefil, per i link.
Forse ho capito dov'era il mio equivoco. Io, per "con mezzi propri", mi immaginavo l'Ente X di via Pinco città Sempronia che affidava un plico a un proprio impiegato da consegnare all'agenzia dell'Ente X in via Pallino sempre di città Sempronia. Da lì il mio non capire cosa c'entrassero tasse e marche da bollo. I due articoli, invece, mi pare facciano più riferimento a società private di consegna corrispondenza alternative alle Poste di Stato, come ce ne sono molte ancora oggi; mentre il caso immaginato da me rientra ovviamente nelle esenzioni ("Vale la pena ricordare quando e chi, secondo la normativa postale, poteva senza autorizzazione trasportare la corrispondenza senza incorrere in sanzioni: 1- i privati, i quali fossero latori di lettere occasionalmente e senza fine di lucro [...]")
In questo senso, quindi, capisco benissimo ^^
E' corretta la mia interpretazione?
:-)
Elisa T.

Avatar utente
BROWN3
Messaggi: 238
Iscritto il: 16 febbraio 2013, 9:08

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da BROWN3 » 11 febbraio 2014, 11:02

No. Immaginavi giusto. Erano due i tipi di recapito postale privato.
Il recapito eseguito da Agenzie Espressi o simili che operavano nella città e che offrivano i loro servizi a tutti quelli che lo richiedevano. In questo caso le Agenzie dovevano obbligatoriamkente affrancare le corrispondenze con le Marche speciali per il Recapito Autorizzato (il primo fu il 10 cent. azzurro emesso il 1 Luglio 1928).Queste marche venivano annullate col timbro rettangolare dell'Agenzia. La posta veniva distribuita da fattorini dell'Agenzia.
Viceversa con il recapito con mezzi propri da parte di Banche, Ditte o Enti venne nel 1926 egualmente stabilito il diritto fisso di 10 cent. rappresentato da francobolli e obliterati con bolli privati dell'Ente o chi per esso. In seguito (1928) gli stessi potevano usare anche le speciali marche sopracitate. La corrispondenza sempre ovviamente nel perimetro cittadino era consegnata da commessi incaricati.

Avatar utente
BROWN3
Messaggi: 238
Iscritto il: 16 febbraio 2013, 9:08

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da BROWN3 » 11 febbraio 2014, 11:09

Plico consegnato tramite una AGENZIA PRIVATA con annullo rettangolare "ESPRESSI VELOCI FIRENZE" del 1942. (il mittente in questo caso è un privato)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
BROWN3
Messaggi: 238
Iscritto il: 16 febbraio 2013, 9:08

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da BROWN3 » 11 febbraio 2014, 11:12

Plico consegnato con suoi MEZZI PROPRI (fattorino, commesso) dalla "SOCIETA' REGIE TERME DI MONTECATINI" del 1931. (come da annullo).
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Erik
Messaggi: 1876
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:42
Località: Fabriano
Contatta:

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da Erik » 11 febbraio 2014, 12:33

minty ha scritto:"Vale la pena ricordare quando e chi, secondo la normativa postale, poteva senza autorizzazione trasportare la corrispondenza senza incorrere in sanzioni: 1- i privati, i quali fossero latori di lettere occasionalmente e senza fine di lucro [...]"

BROWN3 ha scritto:Viceversa con il recapito con mezzi propri da parte di Banche, Ditte o Enti venne nel 1926 egualmente stabilito il diritto fisso di 10 cent. rappresentato da francobolli e obliterati con bolli privati dell'Ente o chi per esso. In seguito (1928) gli stessi potevano usare anche le speciali marche sopracitate. La corrispondenza sempre ovviamente nel perimetro cittadino era consegnata da commessi incaricati.

Ciao,
la discriminante stava nell'"occasionalmente" o meno. Se il servizio era svolto regolarmente, non solo tra le varie agenzie cittadine di una stessa società, ma anche tra queste ed i clienti, allora era dovuta la tassa di recapito autorizzato.

Ciao:
S T A F F

Enrico Carsetti
---

Sul (vecchio) Forum dal 6 dicembre 2003

Guarda le mie vendite su ebay
o sulla mia nuova pagina facebook "Collezionando"

"Chi condivide con gli altri le proprie passioni viene trasportato in una vita incantata di felicità interiore che gli egoisti non conosceranno mai." (Richard Bach)

Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da minty » 12 febbraio 2014, 14:00

BROWN3 ha scritto:No. Immaginavi giusto. Erano due i tipi di recapito postale privato.
(...)
con il recapito con mezzi propri da parte di Banche, Ditte o Enti venne nel 1926 egualmente stabilito il diritto fisso di 10 cent. rappresentato da francobolli e obliterati con bolli privati dell'Ente o chi per esso. (...) La corrispondenza sempre ovviamente nel perimetro cittadino era consegnata da commessi incaricati.


Erik ha scritto:la discriminante stava nell'"occasionalmente" o meno. Se il servizio era svolto regolarmente, non solo tra le varie agenzie cittadine di una stessa società, ma anche tra queste ed i clienti, allora era dovuta la tassa di recapito autorizzato.


Uhm... inizio a capire. Grazie a entrambi per le precisazioni.
Quindi, se Enti & co. volevano istituire un servizio fisso di propri commessi che andavano in giro per il comune a consegnare le proprie comunicazioni ad agenzie sorelle e/o clienti, dovevano COMUNQUE pagare una tassa allo stato (come anche le agenzie di recapito; per mancati introiti, immagino, visto che teoricamente lo Stato aveva il monopolio dei servizi postali, come su sali, tabacchi, ecc. Ho capito bene?), anche se il servizio lo coprivano completamente loro. Giusto?
:-)
Elisa T.

Avatar utente
Erik
Messaggi: 1876
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:42
Località: Fabriano
Contatta:

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da Erik » 12 febbraio 2014, 15:11

minty ha scritto:Quindi, se Enti & co. volevano istituire un servizio fisso di propri commessi che andavano in giro per il comune a consegnare le proprie comunicazioni ad agenzie sorelle e/o clienti, dovevano COMUNQUE pagare una tassa allo stato (come anche le agenzie di recapito; per mancati introiti, immagino, visto che teoricamente lo Stato aveva il monopolio dei servizi postali, come su sali, tabacchi, ecc. Ho capito bene?), anche se il servizio lo coprivano completamente loro. Giusto?

Esatto :evvai:

Ciao:
S T A F F

Enrico Carsetti
---

Sul (vecchio) Forum dal 6 dicembre 2003

Guarda le mie vendite su ebay
o sulla mia nuova pagina facebook "Collezionando"

"Chi condivide con gli altri le proprie passioni viene trasportato in una vita incantata di felicità interiore che gli egoisti non conosceranno mai." (Richard Bach)

Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: Il Recapito con Mezzi Propri

Messaggio da minty » 13 febbraio 2014, 13:40

Erik ha scritto:Esatto :evvai:


Capito tutto! Grazie ancora! ^__^

Revised by Lucky Boldrini - August 2016
:-)
Elisa T.

Avatar utente
alligatore
Messaggi: 290
Iscritto il: 26 maggio 2011, 13:13
Località: Lucca

Re: 1926 - Il recapito con mezzi propri

Messaggio da alligatore » 10 febbraio 2019, 19:12

Buonasera,
mi sto scervellando su questa busta per via dell'annullo: a prima vista sembrerebbe un invio con mezzi propri da parte della ditta, ma non tornano né le date, né il fatto che la lettera non sia spedita all'interno del Comune.
Qualcuno è in grado di spiegarmi questo oggetto postale?
Grazie!
Stefano
salmoiraghi.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono Regno usato originale
Trieste A **, Repubblica ed un inizio di IV Sardegna
Targhettofilo

Avatar utente
andy66
Messaggi: 1362
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: 1926 - Il recapito con mezzi propri

Messaggio da andy66 » 10 febbraio 2019, 23:00

alligatore ha scritto:
10 febbraio 2019, 19:12
Buonasera,
mi sto scervellando su questa busta per via dell'annullo: a prima vista sembrerebbe un invio con mezzi propri da parte della ditta, ma non tornano né le date, né il fatto che la lettera non sia spedita all'interno del Comune.
Qualcuno è in grado di spiegarmi questo oggetto postale?
Grazie!
Stefanosalmoiraghi.jpg
Ciao,
purtroppo non riesco a decifrare bene la data. Se fosse 1915 c'è qualcosa che non va in quanto in ogni caso la tariffa è sbagliata. Se fosse 1925 invece potrebbe essere un invio di recapito autorizzato, tra l'altro interessante in quanto con fb perfin. Se fosse stato recapitato direttamente a Pavia sarebbe stato un chiaro abuso, con rischio di pesanti sanzioni per la ditta. Siccome è indirizzato a un ufficio di Genio militare, potrebbe essere che sia stato recapitato all'ufficio di Milano e poi i militari lo avrebbero fatto pervenire a destino.

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato

Avatar utente
alligatore
Messaggi: 290
Iscritto il: 26 maggio 2011, 13:13
Località: Lucca

Re: 1926 - Il recapito con mezzi propri

Messaggio da alligatore » 20 febbraio 2019, 19:36

Grazie dell'osservazione, la data è effettivamente 22 ottobre 1925: mi resta un dubbio, perché a vedere la busta più che un recapito autorizzato mi sembra un recapito con mezzi propri che fu autorizzato in concessione solo dal luglio 1926.

Stefano
Colleziono Regno usato originale
Trieste A **, Repubblica ed un inizio di IV Sardegna
Targhettofilo

Avatar utente
andy66
Messaggi: 1362
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: 1926 - Il recapito con mezzi propri

Messaggio da andy66 » 21 febbraio 2019, 13:44

alligatore ha scritto:
20 febbraio 2019, 19:36
Grazie dell'osservazione, la data è effettivamente 22 ottobre 1925: mi resta un dubbio, perché a vedere la busta più che un recapito autorizzato mi sembra un recapito con mezzi propri che fu autorizzato in concessione solo dal luglio 1926.

Stefano
A giudicare dal timbro apposto, si tratta sicuramente di un recapito con mezzi propri

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato


Rispondi

Torna a “Storia postale in generale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: