Oggi è 26 giugno 2019, 22:16

L'annullo a punti "2656"

Forum di discussione generale sugli annulli usati negli uffici postali italiani e non...
Rispondi
Avatar utente
cipolla
Messaggi: 1046
Iscritto il: 26 luglio 2007, 10:52
Località: Roma

L'annullo a punti "2656"

Messaggio da cipolla » 8 marzo 2019, 19:00

Posto la lettera a seguire da Genova a Montpellier. Resto in attesa di conforto su come ho predisposto la didascalia relativa.

Da Genova a Montpellier, 21 maggio 1864, 2° porto per la Francia fino a destino. Impostato su piroscofo per Nizza, all’arrivo i francobolli vennero annullati con bollo a punti e piccole cifre 2656, a fianco venne apposto bollo rosso "Genes Bat.à Vapeur" 21 maggio 1864, utilizzato su battelli compagnia Danovaro, dal ‘63 al ‘72. Si tratta dell'unico bollo di entrata in Francia recante oltre alla dicitura "Bat.à Vapeur" il nome di un porto straniero di partenza e non di quello francese di arrivo. Il documento proseguì poi il suo percorso fino a destinazione, dove arriva il 23 maggio 1864. 2 valori 40 cent.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Cordiali saluti

Bruno Sommella
email: bru.somme@gmail.com/bruno.sommella@libero.it
cell.3391246777

Colleziono ASI storia postale Pontificio e IV Sardegna, ASI francobolli Toscana, L.V., P.N. e IV Sardegna, Regno storia postale fino al 1900, RSI Luogoteneza e Repubblica storia postale 1943-1950.

Pagina ebay http://www.ebay.it/sch/cipolla97/m.html ... 7675.l2562

Sostenitore dal 2013 al 2019

Socio C.I.F.O.


Avatar utente
Laurent
Messaggi: 1263
Iscritto il: 20 dicembre 2011, 18:09
Località: FRANCIA

Re: L'annullo a punti "2656"

Messaggio da Laurent » 9 marzo 2019, 11:54

Ciao,

Da Genova a Montpellier, 21 maggio 1864, 2° porto per la Francia fino a destino. Impostato su piroscofo per Nizza, all’arrivo i francobolli vennero annullati con bollo a punti e piccole cifre 2656, a fianco venne apposto bollo rosso "Genes Bat.à Vapeur" 21 maggio 1864, utilizzato su battelli compagnia Danovaro, dal ‘63 al ‘72. Si tratta dell'unico bollo di entrata in Francia recante oltre alla dicitura "Bat.à Vapeur" il nome di un porto straniero di partenza e non di quello francese di arrivo. Il documento proseguì poi il suo percorso fino a destinazione, dove arriva il 23 maggio 1864. 2 valori 40 cent.

In fatti questo bollo era apposto, insieme al losanga di puntini ed il "PD", a terra dall'ufficio francese di sbarco. Un capitano di bastimento di commercio non disponeva di timbri postali. Soli gli agenti postali (cioè addetti dello Stato) imbarcati sui vapori delle Messaggerie Imperiali nel Mediterraneo potevano smistare e annullare la corrispondenza a bordo (con timbro al nome del piroscafo o, dal 1866, col numerale della linea : d'Italia, del Levante, ecc.)

Questo te l'ho già scritto 3 mesi fa quando hai mostrato il pezzo su un altro sito : puoi fregarTene, ma persistere a proporre una didascalia errata svaluta questo pezzo postale interessante.

Ciao:

Aggiungerò anche che tutti i timbri francesi BAT.A.VAP. (nave a vapore) apposti nei porti di arrivo recano il nome del porto di partenza. Ad esempio una lettera affidata in fretta ad Algeri su una nave per Marsiglia aveva il suo francobolli annullato a Marsiglia col BAT.A.VAP / data / ALGER. Stesso caso per una lettera affidata nel altro senso : ad Algeri si annullava col BAT.A.VAP / data / Marseille

Avatar utente
cipolla
Messaggi: 1046
Iscritto il: 26 luglio 2007, 10:52
Località: Roma

Re: L'annullo a punti "2656"

Messaggio da cipolla » 9 marzo 2019, 15:00

Laurent ha scritto:
9 marzo 2019, 11:54
Ciao,

Da Genova a Montpellier, 21 maggio 1864, 2° porto per la Francia fino a destino. Impostato su piroscofo per Nizza, all’arrivo i francobolli vennero annullati con bollo a punti e piccole cifre 2656, a fianco venne apposto bollo rosso "Genes Bat.à Vapeur" 21 maggio 1864, utilizzato su battelli compagnia Danovaro, dal ‘63 al ‘72. Si tratta dell'unico bollo di entrata in Francia recante oltre alla dicitura "Bat.à Vapeur" il nome di un porto straniero di partenza e non di quello francese di arrivo. Il documento proseguì poi il suo percorso fino a destinazione, dove arriva il 23 maggio 1864. 2 valori 40 cent.

In fatti questo bollo era apposto, insieme al losanga di puntini ed il "PD", a terra dall'ufficio francese di sbarco. Un capitano di bastimento di commercio non disponeva di timbri postali. Soli gli agenti postali (cioè addetti dello Stato) imbarcati sui vapori delle Messaggerie Imperiali nel Mediterraneo potevano smistare e annullare la corrispondenza a bordo (con timbro al nome del piroscafo o, dal 1866, col numerale della linea : d'Italia, del Levante, ecc.)

Questo te l'ho già scritto 3 mesi fa quando hai mostrato il pezzo su un altro sito : puoi fregarTene, ma persistere a proporre una didascalia errata svaluta questo pezzo postale interessante.

Ciao:

Aggiungerò anche che tutti i timbri francesi BAT.A.VAP. (nave a vapore) apposti nei porti di arrivo recano il nome del porto di partenza. Ad esempio una lettera affidata in fretta ad Algeri su una nave per Marsiglia aveva il suo francobolli annullato a Marsiglia col BAT.A.VAP / data / ALGER. Stesso caso per una lettera affidata nel altro senso : ad Algeri si annullava col BAT.A.VAP / data / Marseille
La lettera l'avevo postato sempre su F&F dove avevi dato le Tue risposte. Non voglio fregarmene, dato che sto tentando di predisporre didascalie adeguate per tutta la collezione di storia postale.

Posto quindi la didascalia riveduta e corretta, in attesa di eventuali note ulteriori. Grz per le indicazioni e la collaborazione

Da Genova a Montpellier, 21 maggio 1864, 2° porto per la Francia fino a destino. Impostato su piroscofo per Nizza, all’arrivo i francobolli vennero annullati con bollo a punti e piccole cifre 2656 e "PD", a fianco venne apposto bollo rosso "Genes Bat.à Vapeur" 21 maggio 1864, utilizzato su battelli compagnia Danovaro, dal ‘63 al ‘72. Si tratta dell'unico bollo recante oltre alla dicitura "Bat.à Vapeur",nave a vapore , il nome del porto straniero di partenza e non, nel nostro caso, di quello francese di arrivo. Il documento proseguì poi il suo percorso fino a destinazione, dove arriva il 23 maggio 1864. 2 valori 40 cent.
Cordiali saluti

Bruno Sommella
email: bru.somme@gmail.com/bruno.sommella@libero.it
cell.3391246777

Colleziono ASI storia postale Pontificio e IV Sardegna, ASI francobolli Toscana, L.V., P.N. e IV Sardegna, Regno storia postale fino al 1900, RSI Luogoteneza e Repubblica storia postale 1943-1950.

Pagina ebay http://www.ebay.it/sch/cipolla97/m.html ... 7675.l2562

Sostenitore dal 2013 al 2019

Socio C.I.F.O.


Rispondi

Torna a “Annullamenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: