usi tardivi di FDC

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale della Russia e degli Stati facenti parte della ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche

Moderatore: sandro_z

Rispondi
Avatar utente
SF2L
Messaggi: 199
Iscritto il: 16 luglio 2007, 15:17

usi tardivi di FDC

Messaggio da SF2L »

Sto mettendo ordine nella mia collezione di Lituania e dalla scatola sono saltate fuori alcune lettere con un particolare a cui in passato non avevo dato peso.

Un mio corrispondente che mi inviava i francobolli di nuova emissione utilizzava per la spedizione delle buste FDC o con annulli speciali, con affrancatura integrativa....... molti anni dopo l'emissione.

vediamo alcuni esempi
frontebustasport.JPG
frontebusta jp2.JPG
frontebusta indipday.JPG
In pratica un colllezionista o un commerciante va in posta, si fa annullare una lettera con annullo speciale o primo giorno, e se non la vende la utilizza anche a distanza di anni per recuperare il valore dell'affrancatura

Non avevo mai visto prima una cosa del genere. Succede solo in Lituania oppure potrebbe succedere anche da noi? Cosa dicono i regolamenti postalli?

Stefano
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Thenewguy
Messaggi: 321
Iscritto il: 3 dicembre 2015, 0:17
Località: Cincinnati, OH, USA

Re: usi tardivi di FDC

Messaggio da Thenewguy »

Interessante

Io direi le FDC furono usate come supporto, con francobolli aggiuntivi che pagano la tariffa completa. Probabilmente perchè, come la maggioranza delle FDC moderne, non hanno valore e sono invendibili. Tanto vale usarle come supporto decorativo invece di cestinarle, oppure lavare le buste per francobolli usati (che saranno di infimo valore in ogni caso).
Regolamenti postali dicono che le FDC sono sono valide per posta al giorno d'emissione. Non è possibile "integrare" la tariffa dopo il giorno di uso.
Occorre sapere le tariffe postali valide al tempo.

Ciao:
Avatar utente
SF2L
Messaggi: 199
Iscritto il: 16 luglio 2007, 15:17

Re: usi tardivi di FDC

Messaggio da SF2L »

hai ragione non ci avevo pensato.
cerco di procurarmi le tariffe postali.
c'e' la complicazione che talvolta (anzi quasi sempre) sono presenti francobolli emessi in due se non tre diverse valute. E se fra il rublo e il Talonas (la moneta temporanea in vigore per circa un anno tra il 1992 e il 1993) mi sembra ci fosse un rapporto 1:1, questo non era piu' vero per il Litas che subentro' dal 1993 in poi. E meno male che non tiriamo in ballo anche l'euro.....
Renix
Messaggi: 51
Iscritto il: 22 agosto 2013, 15:47
Località: Lugano, Svizzera

Re: usi tardivi di FDC

Messaggio da Renix »

Ciao Ciao:
in periodo sovietico, ma anche dopo, le buste primo giorno o di manifestazioni (con timbri commemorativi) si comperavano al normale sportello postale. Sebbene già timbrate potevano essere spedite così com'erano, oppure integrando la tariffa quando cambiava (per esempio il porto aereo o raccomandate, o per aumenti tariffari), creando buste con due timbri, uno del primo giorno o della manifestazione e l'altro del giorno dell'utilizzo. Ho in collezione (che non ho qui in questo momento per fare una scansione) una busta speditami dalla Siberia da un amico una quindicina d'anni fa di questo genere (una busta di una manifestazione se ricordo bene, integrata poi solo per il porto aereo internazionale). Presumo che il pensiero fosse che la busta, non essendo mai viaggiata poiché comperata così com'era alla posta, valeva comunque come tariffa assolta per un invio effettivo. Quasi come un intero postale... già timbrato. Non so se si usi ancora oggi AD 2020...
Penso che questa abitudine sia rimasta, almeno nei primi tempi, anche nelle singole repubbliche dopo l'indipendenza. Almeno uno dei tuoi tre esempi sembrerebbe dimostrarlo, quella con i due francobolli del 1991: nel 2002 la tariffa internazionale aerea (prioritaria=aerea) era di Lt. 1,70, e l'affrancatura corrisponde calcolando anche i 2 francobolli del 1991 (mentre 1 solo Lt. non corrisponde a niente). Per la seconda: Lt. 5,80 non è una tariffa "primaria" (la raccomandata verrebbe Lt. 3,70), quindi forse un porto multiplo, ma non conosco le tariffe degli scaglioni oltre i 20 grammi. Anche togliendo gli 80 ct comunque non gioca con la tariffa di 3,70. Per la terza pure non so: non collezionando Lituania non conosco il corrispondente valore dei facciali "A" e "B". Nel 1995 la tariffa era di 2 Lt., solo i francobolli aggiunti fanno Lt. 2,10. Forse in questo caso non calcolati gli "A" e "B", quindi sovraffrancata di 10 ct, ma forse un porto multiplo invece calcolandoli?

Renato
PS: sei riuscito a procurarti il tariffario? Nel caso vedi: http://www.sijtzereurich.com/
Renix
Messaggi: 51
Iscritto il: 22 agosto 2013, 15:47
Località: Lugano, Svizzera

Re: usi tardivi di FDC

Messaggio da Renix »

...ho dimenticato: il Litas ha sostituito il Talonas al rapporto di 1:100 (cento). Presumo perciò che i due francobolli 20 e 50 (copechi), corrispondenti dunque a Lt. 0,002 e 0,005, li abbiano invece fatti pagare allo sportello come fossero 20 e 50 centesimi di Litas (e non di Rublo)...
Ci vorrebbe un collezionista di Lituania per sapere come era regolata la questione con i vecchi francobolli.
Rispondi

Torna a “Russia ed area ex sovietica”

SOSTIENI IL FORUM