Oggi è 21 gennaio 2019, 22:48

Una bambina "viaggiata" per posta

Che storie si nascondono dietro quello che può sembrare un semplice francobollo??? E qual'è la vostra conoscenza sui francobolli? Potrete scoprire entrambe le cose in questo forum.....

Moderatore: fabiov

Rispondi
Avatar utente
Lucky Boldrini
Messaggi: 2114
Iscritto il: 2 agosto 2007, 14:27
Località: Livorno

Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da Lucky Boldrini » 29 maggio 2008, 15:59

May Peirstorff, che nel 1914 aveva 5 anni, fu spedita come "pacco postale" a casa della nonna a Lewiston, Idaho USA. La tariffa sino a 50 libbre era di 53 cents.
Fu l'unico caso conosciuto di "pacco umano", perché dopo questo avvenimento fu precisato il divieto nel regolamento postale.

Il 3 marzo del 1997 la rivista Linn's Stamp News pubblicò un articolo che trovate riprodotto nelle due immagini qui sotto:
Linn's Stamp News - Parte 1.jpg

Linn's Stamp News - Parte 2.jpg


Anni fa fabiov pubblicò l'articolo sul nostro vecchio Forum, e Paolo Celani si occupò della traduzione dall'inglese.

Buona lettura! :leggo:


**********************************************************************

Molti collezionisti hanno sentito parlare della storia della casa spedita per posta, mattone per mattone, in un angolo sperduto dell’Alaska per il fatto che i costi postali erano molto meno del costo per una spedizione con mezzi convenzionali.

L’ultimo numero dell’Oregon Country Postal History Society, va oltre quella storia con un resoconto verificato di una bambina – letteralmente - spedita a casa della nonna più di 83 anni fa.
La storia, di Michael O. Tunnell, appare nell’Idaho Yesterdays della scorsa estate, pubblicato da Idaho State Historical Society, dal quale, in parte, è stato riadattato e ripubblicato. Tunnell ha fatto un serio sforzo nel ricercare “la storia di una coppia dell’Idaho che non poteva permettersi di mandare la giovane figlia a visitare la nonna. Come risolsero il problema? Per posta!”

I pacchi postali erano una novità nel 1914, ma anche allora il regolamento proibiva la spedizione di esseri viventi con eccezione di api regina e cuccioli.

Il limite delle spedizioni era di 50 libbre, e la piccola May Pierstorff pare ne pesasse 48.

Venne classificata come cucciola e con 53 cents di affrancatura – molto meno del prezzo del biglietto ferroviario – venne caricata sulla carrozza postale la mattina presto e consegnata alla nonna la sera stessa.

May Pierstorff.jpg


May Pierstorff è mostrata nella foto all’età di 5 anni, più o meno al tempo in cui fu spedita stando al giornale. La ricerca di Tunnell verificò i fatti fondamentali della storia della spedizione di May Pierstorff, che avvenne il 12/02/1914 da Grangeville nell'Idaho, a Lewiston, che è situata nell’Idaho del nord vicino alla frontiera con l’Oregon. Sfortunatamente, Tunnell iniziò la sua ricerca con dieci anni di ritardo per poter sentire l’attore principale: infatti May Pierstorff passò fra i più nel 1987.

Comunque scoprì un resoconto dattiloscritto di due pagine scritto da Leonard Mochel, un impiegato postale/ferroviario che accompagnò May nel viaggio. Come annotato da Tunnell, Mochel infonde vitalità ai personaggi di questo piccolo dramma storico, e di conseguenza all’intera storia.

Sembra che l’articolo lasciatoci da Mochel, che era anche cugino di May, non faccia menzione di ristrettezze economiche come motivo della scelta dei parenti di May di spedirla per posta.

Mochel, invece, suggerisce che la madre di May sapesse che non vi sarebbero stati rischi e che la bimba non si sarebbe spaventata in compagnia del cugino che lavorava sulla carrozza del treno.

Il viaggio però si dimostrò più duro di quanto la madre avesse immaginato. Mochel dice che la bambina divenne eccitata e sofferente per il viaggio. Andò alla porta per un po’ di aria e fu allora che il Capotreno, Harry Morris, la trovò e protestò di avere un passeggero senza biglietto.

Secondo Tunnell, però, quando Mochel spiegò la situazione e mostrò a Morris l’affrancatura, questi rise e disse che ora aveva visto di tutto e che questa sarebbe stata un’autentica notizia per i giornali.

Morris aveva ragione. Coloriti articoli dell’insolito viaggio di May da Grangeville a Lewiston apparvero in diversi giornali locali.

Come conseguenza, poco dopo Mochel fu rimproverato dai suoi superiori per demeriti e per violazione delle regole di divieto di passeggeri sulle carrozze postali.

La questione venne risolta quando i Pierstorff accettarono di pagare metà del biglietto di May…. Il Dipartimento delle Poste chiarì infine che non era consentito spedire bambini.

Sembra che il viaggio di May Pierstorff sia stato il primo ed ultimo del genere.

**********************************************************************

Ciao:

Luca

P.S.
Dal vecchio Forum di F&F.
Contributi di fabiov e Paolo Celani.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
S T A F F

Luca Boldrini (ex Luckystr1ke) - Livorno

Immagine
Immagine Collezione base della Repubblica Italiana, nuova, servizi inclusi, varietà escluse


Avatar utente
pietro mariani
Messaggi: 2000
Iscritto il: 13 luglio 2007, 21:31
Località: Provincia di Monza e Brianza
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da pietro mariani » 1 giugno 2008, 9:59

:wow: :wow: :wow: :wow: :wow:

Ciao: Pietro
Seguo queste tematiche:
GAS-PETROLIO / ALIMENTAZIONE / ERRORI / STORIA DELL'ILLUMINAZIONE


Ma anche:
A.M.- SOS-MULTIAFFR.-FILATELIA IN GEN. E ANCHE MONETE...

Iscritto al Forum dal 12/11/04 (vecchio forum)
Sostenitore da sempre


SOCIO SOSIG n°12 , AICAM , CIFT


Immagine
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Avatar utente
mesca
Messaggi: 203
Iscritto il: 17 settembre 2007, 9:49
Località: Corato (BA)
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da mesca » 1 giugno 2008, 10:55

Incredibile! :what:

Ciao:
Pierluigi.

Colleziono RTS.
Il mio blog: http://rtscovers.blogspot.com

Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3393
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da fabiov » 6 giugno 2008, 22:25

devo dire che il lavoro di controllo e ripescaggio di Lucky è encomiabile!
Io che conosco bene il sito del Cifr ricordo quasi tutto, ma ogni tanto Lucky mi sorprende con vecchie notizie CURIOSE che sono estremamente interessanti e che sono apparse sul vecchio forum, ma che io ho riportato nella sezione del Cifr, sulle curiosità, soprattuto per quei lettori che sono nuovi.
Ricordo a tutti questi lettori di dare un'occhiata alla sezione "LE STORIE CHE VENGONO DAL PASSATO", con ritagli di giornali degli anni 1930 con notizie filateliche molto curiose.
Guardate nel sommario del Cifr, http://www.cifr.it andando in fondo dove ci sono le news dal passato, e partendo dalla pagina 1 http://www.fabiovstamps.com/forumnews01.html .
ciao fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 230 articoli ci sono novità, illustrazioni, foto e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!

thiswas
Messaggi: 910
Iscritto il: 22 agosto 2007, 19:58
Località: Napoli

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da thiswas » 6 giugno 2008, 23:56

La storia della bimba-pacco è tutt'ora molto in voga negli USA.
Il Museo Nazionale della Posta a Washington D.C. dedica alla storia una pagina web
http://www.postalmuseum.si.edu/exhibits ... arcel.html
e in vendita su Amazon c'è uno speciale libro-valigia sulla bimba-pacco
http://www.michaelotunnell.com/mailing_may.html
Ciao: Ciao:
------------------------
S T A F F

Immagine
Ciao Italo.

Callan las cuerdas. La música sabía lo que yo siento. (Mute le corde. La musica sapeva quello che sento). J.L.Borges

Socio SOSIG n°11 - - - Colleziono Repubblica Nuova (fino al 2008) e nuovi a tema sport emessi dai paesi europei


Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3393
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da fabiov » 7 giugno 2008, 7:12

il libro-valigia può contenere un nanetto contorsionista?
Adesso che in USA non vengono più accettati i bambini per posta, li si potrebbe spedire in valigia... oppure il sistema potrebbe essere usato per immigrazione clandestina...
secondo me in Messico ci hanno già pensato.
o no?? :-)) :-))
ciao fabiov

Revised by Lucky Boldrini - May 2009
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 230 articoli ci sono novità, illustrazioni, foto e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!

Avatar utente
ale
Messaggi: 92
Iscritto il: 12 gennaio 2013, 20:22
Località: Milano

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da ale » 6 febbraio 2013, 20:59

Questo topic è troppo interessante :what:
Ciao: ale
Colleziono Vaticano nuovi e Stati Uniti usati. Mi sto avvicinando allo Stato Pontificio.

Piccolo sostenitore 2013

La mia email: ale9.inter@gmail.com

Avatar utente
robseren
Messaggi: 287
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:35
Località: Pisa

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da robseren » 6 febbraio 2013, 23:05

:shock: :shock: :shock: Questa mi mancava.
Ciao: Ciao:
Roberto
Le mie collezioni:
Italia regno e repubblica sino al 2000.
Trieste A
Svezia
un po di tutto e riprendo il Vaticano da Papa Francesco

Avatar utente
Laurent
Messaggi: 1219
Iscritto il: 20 dicembre 2011, 18:09
Località: FRANCIA

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da Laurent » 7 febbraio 2013, 14:26

Un storia stupefacente che non conoscevo !


Laurent Ciao:

Avatar utente
ale
Messaggi: 92
Iscritto il: 12 gennaio 2013, 20:22
Località: Milano

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da ale » 16 marzo 2013, 21:17

Lucky, mi piacerebbe riportare il tuo articolo, magari modificandolo un po' su un altro sito. Nulla in contrario, vero?
Ciao: ale
Colleziono Vaticano nuovi e Stati Uniti usati. Mi sto avvicinando allo Stato Pontificio.

Piccolo sostenitore 2013

La mia email: ale9.inter@gmail.com

Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3393
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da fabiov » 16 marzo 2013, 22:16

cita il forum e dove è stato pubblicato il pezzo.
Bye fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 230 articoli ci sono novità, illustrazioni, foto e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!

Avatar utente
Lucky Boldrini
Messaggi: 2114
Iscritto il: 2 agosto 2007, 14:27
Località: Livorno

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da Lucky Boldrini » 16 marzo 2013, 23:42

ale ha scritto:Lucky, mi piacerebbe riportare il tuo articolo, magari modificandolo un po' su un altro sito. Nulla in contrario, vero?
Ciao: ale


Figurati, e poi anch'io come ho scritto nella noticina in fondo al mio intervento, avevo riportato dal nostro precedente Forum un precedente scritto di fabiov e la traduzione di paolo celani.

Come dice Fabio, indica magari il link del nostro Forum, così ci fai pubblicità. :-)

Ciao:

Luca
S T A F F

Luca Boldrini (ex Luckystr1ke) - Livorno

Immagine
Immagine Collezione base della Repubblica Italiana, nuova, servizi inclusi, varietà escluse

Avatar utente
ale
Messaggi: 92
Iscritto il: 12 gennaio 2013, 20:22
Località: Milano

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da ale » 17 marzo 2013, 9:30

indica magari il link del nostro Forum, così ci fai pubblicità. :-)

Ottimo :evvai:
Ciao: ale
Colleziono Vaticano nuovi e Stati Uniti usati. Mi sto avvicinando allo Stato Pontificio.

Piccolo sostenitore 2013

La mia email: ale9.inter@gmail.com

Avatar utente
Leadman
Messaggi: 188
Iscritto il: 23 febbraio 2012, 23:18

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da Leadman » 17 marzo 2013, 16:34

Notizia davvero incredibile.

Non l'avevo mai sentita! :O_O:

Giorgio

Avatar utente
rossi
Messaggi: 1350
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da rossi » 17 marzo 2013, 17:02

Ciao: Ciao:

:oo: :oo:

p.s.
Devo cercare ma mi ricordo di aver visto un libro con un signore con in fronte un francobollo.
Ho dei ricordi molto sbiaditi, vediamo se lo trovo ! :sec: :sec:

Avatar utente
filigranastravolta
Messaggi: 8
Iscritto il: 2 luglio 2013, 21:36
Località: Nordweb

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da filigranastravolta » 3 luglio 2013, 21:05

Ragazzi, questa storia è favolosa..!

Ciao:
simona massucco

Cartografa sono e cartografa rimango. Non si dimenticano le proprie origini. Per questo sono in cerca di tutti gli affrancabolli che raffigurano mappe, planisferi, mappamondi e chi più ne ha più ne metta.

Rubrica Frankie Filatelico su http://www.ilpostalista.it
Sito personale http://www.filatelialimoni.it per collezionisti acerbi

all'attacco!!!!!!!!!!!!

Avatar utente
rossi
Messaggi: 1350
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da rossi » 17 novembre 2013, 14:24

siska ha scritto:Ciao: Ciao:

:oo: :oo:

p.s.
Devo cercare ma mi ricordo di aver visto un libro con un signore con in fronte un francobollo.
Ho dei ricordi molto sbiaditi, vediamo se lo trovo ! :sec: :sec:

Eccolo :!:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
debene
Messaggi: 5186
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: Una bambina "viaggiata" per posta

Messaggio da debene » 17 novembre 2013, 15:03

Ciao: Andrea.
Se posso aggiungere :

il nome di questo signore era W. Reginald Bray che nel 1898 decise di "testare" i limiti della Royal Mail ed incominciò a spedire qualsiasi cosa tra cui per ben tre volte se stesso.

Ciao:

sergio

Revised by Lucky Boldrini - November 2015
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.


Rispondi

Torna a “Le storie dietro i francobolli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: