I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Che storie si nascondono dietro quello che può sembrare un semplice francobollo??? E qual'è la vostra conoscenza sui francobolli? Potrete scoprire entrambe le cose in questo forum.....

Moderatore: fabiov

Rispondi
Avatar utente
giampi
Messaggi: 1191
Iscritto il: 23 agosto 2009, 10:15
Località: Capranica (Vt)

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da giampi »

francesco.abbate ha scritto: 26 giugno 2020, 10:54 Ciao:
Buongiorno, l'altro giorno facendo un giro per una libreria vengo attratto da questa copertina. :D
Ho acquistato il libro, che si trova "in coda" fra le mie letture dei prossimi giorni.
Pietrangelo Buttafuoco "Salvini e/o Mussolini", non credo sia stato postato, eventualmente, scusate la ripetizione :-)
Chissà' che a qualcuno non venga in mente di farlo realmente, come chiudilettera. Magari avrebbe un mercato tutto suo analogamente a quelli satirici della seconda guerra mondiale.
Giampiero

Colleziono ASI, Regno, Colonie, Occupazioni, prevalentemente usati, la mia passione e' comprenderne l'autenticità'. Mi interessa poter classificare i colori dei francobolli (es. Pontificio, Sardegna) con metodi più' oggettivi.
Avatar utente
francesco.abbate
Messaggi: 1132
Iscritto il: 19 febbraio 2010, 22:50
Località: termini imerese (PA)
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da francesco.abbate »

giampi ha scritto: 16 luglio 2020, 7:26
francesco.abbate ha scritto: 26 giugno 2020, 10:54 Ciao:
Buongiorno, l'altro giorno facendo un giro per una libreria vengo attratto da questa copertina. :D
Ho acquistato il libro, che si trova "in coda" fra le mie letture dei prossimi giorni.
Pietrangelo Buttafuoco "Salvini e/o Mussolini", non credo sia stato postato, eventualmente, scusate la ripetizione :-)
Chissà' che a qualcuno non venga in mente di farlo realmente, come chiudilettera. Magari avrebbe un mercato tutto suo analogamente a quelli satirici della seconda guerra mondiale.
:-)) :-)) :-))
Ciao: Francesco

Fiero Sostenitore dal 2010
Colleziono Regno e Repubblica Nuova sino al 2011;
Mi sono innamorato della Danimarca :f_love:
Tematiche: Gatti, Scout;

Pagina Facebook del #CFNTermitano https://www.facebook.com/circolofilatel ... ano?ref=hl

Profilo Instagram del #CFNTermitano: https://www.instagram.com/circolofilatelicotermitano/
Avatar utente
remo
Messaggi: 3054
Iscritto il: 21 giugno 2011, 19:00
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da remo »

Sto finendo di leggere "La parola ebreo" di Rosetta Loy ediz. Einaudi 1997.
Scritto molto bene, è la storia della situazione degli ebrei in Italia e in Europa prima e durante la 2°GM. Dalla convivenza pacifica e laboriosa alle leggi razziali e gli invii nei campi di sterminio. La storia è quella di una bambina, figlia di una agiata famiglia romana, che racconta come lei vede gli ebrei attraverso le indicazioni dei genitori e della società dell'epoca e della sua graduale presa di coscienza sul problema delle persecuzioni razziali. Essenziale e illuminante per chi è interessato all'argomento. Piccolo formato, 152 pagine.
In un brano si parla anche di francobolli (pag. 128):
"...Penso a noi e alla nostra casa affacciata sui pini...A mio padre che nel settembre del '43 aveva chiuso l'ufficio per non collaborare con i tedeschi e passava il pomeriggio con indosso una vecchia vestaglia della mamma ad imbiancare di talco fogli e fogli di francobolli. Un modo come un altro per cercare di mettere in salvo parte del patrimonio che l'inflazione bruciava a grandi tappe. Anche noi ragazze, una volta scattato il coprifuoco, eravamo chiamate a collaborare e i fogli dai bordi lievemente ondulati si accumulavano in pile sul tavolo mentre fra nuvole di talco l'immagine del nostro Re, transfuga a Brindisi, si ripeteva all'infinito: verdolina, marrone, amaranto."
E' chiaro che si parla di folgi interi della serie Imperiale. Ma perchè imbiancavano i fogli col talco? Ho pensato per meglio conservarli (sovrapposti) ed evitare che si incollassero l'un l'altro, per un futuro utilizzo. Ci sono altre spiegazioni secondo voi? E che effetto produceva il talco sulla gomma dei francobolli dell'epoca?
remo Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
remo Sostenitore del Forum dal 2011

“Preferisco vivere da ottimista e sbagliarmi, che da pessimista ed avere sempre ragione” (anonimo) da “Il club degli incorreggibili ottimisti” di J. M. Guenassia
Avatar utente
somalafis
Messaggi: 5629
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis »

remo ha scritto: 22 agosto 2020, 17:41 ... Ma perchè imbiancavano i fogli col talco? Ho pensato per meglio conservarli (sovrapposti) ed evitare che si incollassero l'un l'altro, per un futuro utilizzo....
Direi che la tua ipotesi e' assai ragionevole e ce lo conferma il sito ''il postalista'' dove (in un lessico filatelico curato da Giovanni Riggi di Numana) si legge:
''In questo uso molti filatelisti hanno utilizzato il talco, piu' spesso il borotalco, pensando di conservare fogli di francobolli fra loro strettamente impilati senza temere di ritrovali incollati fra loro. I fogli di francobolli cosi' trattati scivolano tra le dita, spesso profumano e mostrano un aspetto cromatico attenuato a causa della polvere finissima che li ricopre. A parte azioni accurate di pulizia che devono esser compiute per eliminare la polvere, il rischio legato all'uso di polveri fini per creare una sottilissima intercapedine tra fogli di carta e' legato al fatto che l'umidita' atmosferica viene da queste attirata e concentrata e quindi l'impiego di talco o borotalco (ancora peggio) e' sconsigliato. Molti fogli si sono comunque salvati da danni rilevanti a causa di questo trattamento solo perche' l'ambiente di conservazione era secco, ma se fosse stato umido o molto umido il talco avrebbe attirato l'accqua ambientale e si sarebbe unito ed impastato alla colla, e avrebbe fatto aderire con maggiore facilita' i fogli contigui. In conclusione l'uso del talco e del borotalco, un tempo consigliato, e' da evitare e da sostituire con dei fogli di carta velina, di carta seta, di pergamino o similari da frapporre fra fogli di francobolli nuovi con gomma integra da conservare a lungo''.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE
Avatar utente
remo
Messaggi: 3054
Iscritto il: 21 giugno 2011, 19:00
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da remo »

Grazie Riccardo della conferma alla mia supposizione corroborata dal testo di Riggi di Numana.
remo Ciao:
remo Sostenitore del Forum dal 2011

“Preferisco vivere da ottimista e sbagliarmi, che da pessimista ed avere sempre ragione” (anonimo) da “Il club degli incorreggibili ottimisti” di J. M. Guenassia
Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3473
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da fabiov »

molto interessante!
Complimenti!
fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 300 articoli ci sono novità, illustrazioni, giochi logici, foto e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 16 anni anni da me sul Forum e sul mio sito! Ciao: Ciao: Ciao:
Avatar utente
Valter Zama
Messaggi: 120
Iscritto il: 22 maggio 2013, 11:22
Località: Lystrup - Danimarca

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da Valter Zama »

Ellery Queen colpisce ancora :ricerca:
Skærmbillede 2021-05-11 kl. 11.45.41.png
Ho appena finito di leggere questo giallo di Ellery Queen
Controllando precedenti post ne ho trovato un altro, di Remo, (27/7/2019) dove Ellery viene ricordato come autore del racconto "Il francobollo nero" cioè il nero da 1 penny.
Questo "Una partita a scacchi con la follia", parla di: e cito: Quando pensa al suo Boscawen è felice, quando invece pensa al Due-penoe, perde le staffe. - ... Che cos'è il suo Boscawen? E il Due -penoe? - Il Boscawen - rispose Tom Archer - è un francobollo emesso nel 1846 a New Hampshire. È azzurro scuro e, a dar retta all'iscrizione, dovrebbe valere cinque centesimi. Invece, basterebbe per pagare i nostri stipendi per almeno un paio d'anni. E sir Robert ne possiede uno. -- ...... - Vi siete fatto prendere in giro! Mi avete portato un mucchio di Seebeck falsi! - Quelli non sono Seebeck, ma Salvadors. Riccardo (e chi se no :clap: ) ci ha mostrato (17/11/2019) l'immagine del Due-penoe. In Wikipedia ho trovato l'immagine del Boscawen
Skærmbillede 2021-05-11 kl. 11.40.41.png
e il nome Seebeck dovrebbe essere un tipografo che stampava francobolli dell'America latina (1890 circa). Riccardo (o qualcun altro) correggimi se sbaglio.
:cin: Valter Zama
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
remo
Messaggi: 3054
Iscritto il: 21 giugno 2011, 19:00
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da remo »

Ciao Valter,
anche a me piacciono molto i racconti di Ellery Queen. Sono ben scritti e il lettore viene portato per mano alla soluzione dell’intrigo. Non mancano riferimenti a vari aspetti storico-scientifico-sociali, compresi appunto quelli filatelici :ricerca: molto ben argomentati.
Ricordo anche con piacere i gialli televisivi di fine anni ‘70, con Jim Hutton nel ruolo di Ellery contornato da altri famosi attori.
remo Ciao:
Ultima modifica di remo il 11 maggio 2021, 20:16, modificato 1 volta in totale.
remo Sostenitore del Forum dal 2011

“Preferisco vivere da ottimista e sbagliarmi, che da pessimista ed avere sempre ragione” (anonimo) da “Il club degli incorreggibili ottimisti” di J. M. Guenassia
Avatar utente
cialo
Messaggi: 389
Iscritto il: 25 maggio 2018, 17:27

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da cialo »

Ed invece il film... "Tommy Tricker - Viaggiatore nel francobollo" lo avete visto?

Certo è un film da ragazzi ma ne conservo un piacevolissimo ricordo.
------------------------------------
Alessio Giorgetti (cialo)
------------------------------------
Rispondi

Torna a “Le storie dietro i francobolli”

SOSTIENI IL FORUM