Oggi è 19 dicembre 2018, 4:31

I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Che storie si nascondono dietro quello che può sembrare un semplice francobollo??? E qual'è la vostra conoscenza sui francobolli? Potrete scoprire entrambe le cose in questo forum.....

Moderatore: fabiov

Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3387
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumett

Messaggio da fabiov » 14 dicembre 2013, 13:41

Ciao,
Ma di quando è quel romanzo?
È di qualche anno fa?
Dovrei averlo letto, ma non ricordo i particolari filatelici!
Ciao fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 130 articoli ci sono novità, illustrazioni e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!


Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumett

Messaggio da somalafis » 14 dicembre 2013, 17:41

Il romanzo e' appena uscito. Io l'ho comprato qualche giorno fa...
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
remo
Messaggi: 3588
Iscritto il: 21 giugno 2011, 19:00
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumett

Messaggio da remo » 1 febbraio 2014, 14:26

Forse anche Grisham colleziona francobolli?
Ho appena finito di leggere un altro libro di Grisham: "I Confratelli".
E' un po' vecchiotto, del 2001 in Italia, ma io l'ho letto solo da poco.
Già nella copertina è presente un'immagine di una lettera affrancata che sbuca da una casella di posta. Il "plot" della storia si basa su un sistema estortivo, molto particolare e ben congegnato, messo a punto dai "Confratelli" che si avvale di lettere inviate a caselle postali in giro per gli U.S.A.
Non aggiungo altri dettagli per non rovinare l'eventuale lettura altrui. Segnalo solo che gli estortori, ma anche i loro avversari, fanno molto affidamento sul servizio postale americano, sulla sua regolarità e puntualità.
Di sicuro la stessa trama non sarebbe potuta essere ambientata in Italia. Indovinate perchè? :-))
E' un bel "legal-thriller", che, come gli altri dello stesso autore, dà una visione della realtà americana schietta e sagace, con un ritmo avvincente anche se con un messaggio finale non troppo educativo ma di sicuro possibile e reale.
remo Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
remo Sostenitore del Forum dal 2011

“...E verrà il giorno in cui saremo in grado di ricordare una tal quantità di cose che potremo costruire la più grande scavatrice meccanica della storia e scavare così la più grande fossa di tutti i tempi nella quale sotterrare la guerra...” Fahrenheit 451 di Ray Bradbury

Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumett

Messaggio da minty » 1 febbraio 2014, 19:19

remo ha scritto:Segnalo solo che gli estortori, ma anche i loro avversari, fanno molto affidamento sul servizio postale americano, sulla sua regolarità e puntualità.
Di sicuro la stessa trama non sarebbe potuta essere ambientata in Italia. Indovinate perchè? :-))


La stessa cosa cui pensavo sempre io quando leggevo i gialli giapponesi, in cui i piani criminali degli omicidi spesso si basano sulla puntualità al secondo dei treni nipponici... :ris:
:-)
Elisa T.

Avatar utente
minty
Messaggi: 109
Iscritto il: 21 giugno 2013, 13:27
Località: Forlì (FC)

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumett

Messaggio da minty » 28 febbraio 2015, 0:52

somalafis ha scritto:L'editrice Sellerio ha cominciato la pubblicazione della serie dei libri dell'autore canadese Alan Bradley con il volume dal titolo cusioso di ''Aringhe rosse senza mostarda''; fa parte di un ciclo di sei romanzi che hanno a protagonista una ragazzina inglese undicenne e sono ambientati nella Gran bretagna degli anni successivi alla seconda guerra mondiale.
Il padre della ragazzina e' un classico gentiluomo ex ufficiale, vedovo e squattrinato, alle prese con tre giovanissime figlie. Ed e' soprattutto un filatelista...


Riesumo il topic e quoto questo post di somalafis perché proprio ieri ho finito il primo libro di questa serie (pubblicato da Mondadori, e non da Sellerio, che ha acquisito i diritti dei romanzi su Flavia solo a partire dal terzo, mi pare), ovvero "Flavia de Luce e il delitto nel campo dei cetrioli" (collana Strade blu).
Me lo sono fatto regalare pochi mesi fa, intrigata dal fatto che la protagonista sia una bambina di 11 anni e dalla trama gialla. Ma non avevo davvero idea che tutto il mistero al centro del libro vertesse proprio sul padre di Flavia e sui francobolli! :oo:
In questo, che, come dicevo, è il primo romanzo della serie, un uomo viene ucciso nella residenza dei de Luce, un uomo che viene dal passato del colonnello (il padre della protagonista). I due sono stati coinvolti, ai tempi del collegio, nella morte di un insegnante e nella sparizione di un francobollo rarissimo, una varietà del penny black che non dovrebbe esistere. E ora, dopo 30 anni, il morto nel campo di cetrioli pare sia stato ucciso proprio per un intrigo legato a quel francobollo...
Non vado oltre, non voglio rovinarvi la sorpresa. Vi dico solo che di francobolli e di filatelia si parla in lungo e in largo per tutto il libro, seminando qua e là anche diverse nozioni e curiosità in proposito, che a me sono parse accurate (anche se credo che i francobolli rari di cui si parla siano un'invenzione dell'autore :D ).

Il libro è piacevole, un bel giallo all'inglese d'atmosfera piuttosto classica. Nonostante l'età della protagonista NON è un libro per bambini (anzi!).
L'unica cosa che può dare molto fastidio è la caratterizzazione di Flavia, la giovanissima detective: è davvero troppo 'adulta' e acculturata per la sua età, e fa cose assai incredibili per tutto il libro. Occorre ricorrere parecchio alla sospensione dell'incredulità per accettare questa cosa, ed essere preparati a trovarla pure un po' antipatica (come tutti i personaggi che sanno fare tutto e conoscono tutto :P). Nonostante questo, appunto, ho trovato la lettura appassionante e gradevole, e la trama tutta calata nel mondo filatelico mi ha coinvolta molto!

Lo consiglio a tutti i 'francobollari' appassionati anche di lettura e di gialli. Quelli più impressionabili, però, stiano attenti: c'è il rischio di farsi venire un colpo per ciò che succede a certi pezzi pregiati nel corso della storia! :losco:
Ah, se siete appassionati di chimica, leggetelo ugualmente: la 'nostra' undicenne ha dedicato la giovane vita allo studio di questa scienza, e anche riferimenti e spiegotti a questo proposito non mancano! :D
:-)
Elisa T.


Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3387
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da fabiov » 21 marzo 2015, 18:22

sembra tutto molto interessante... anche per un ingegnere chimico come me!
ciao fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 130 articoli ci sono novità, illustrazioni e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis » 28 maggio 2015, 12:53

Questa volta il francobollo campeggia in copertina, ma non ho comprato il libro per questo:
IMG_20150528_0001.jpg
L'ho comprato perche' apprezzo l'autore: questo agile volume e' stato pubblicato la prima volta nel 2008 ma recentemente e' stato ristampato. E' un romanzo ma e' ispirato alla figura di Jose' Raul Capablanca, scacchista cubano e campione del mondo dal 1921 al 1927, e alla sua ricerca di una rivincita sul russo Aljechin. Sulla copertina figura un esemplare di una serie cubana dedicata a Capablanca nel 1988 per il centenario della nascita. Qui sotto ecco i francobolli della serie (che esiste anche in foglietti):
capablanca cop.JPG
L'immagine del pacchetto affrancato e' giustificata da un passaggio del libro che il testo colloca nel 1941:
''Spesso si chiedeva quale foto avrebbero scelto per i francobolli commemorativi. L'istituto poligrafico della sua isola ne avrebbe stampata un'intera serie e cosi' la sua faccia sarebbe andata in giro per il mondo viaggiando comodamente attavrerso la corrispondenza minuta degli emigranti, incollata su cartoline, biglietti, inviti, buste e bustine, pacchi legati con lo spago, dispacci, circolari. La cosa lo divertiva ma gli causava anche un lieve malessere. Avrebbero estratto dal mucchio una foto in cui sorrideva, con il suo bel sorriso aperto che tanto piaceva alle donne che venivano a guardarlo giocare o lo fermavano per strada, oppure una in cui si mostrava concentrato sopra la scacchiera,con la testa sorretta da una mano, nella classica posa di una macchina pensante, come l'avevano soprannominato?''...
Capablanca i suoi francobolli (quelli cui penso si riferisse il testo) non li avrebbe mai visti: mori' a New York nel 1942 mentre la prima serie dedicatagli dalle poste cubane usci' nel 1951, nel trentesimo anniversario della conquista del titolo mondiale. Si tratta di 3 francobolli ordinari, 3 aerei e un espresso, ma nessuno reca la sua effigie nelle pose esatte che immagina nel libro. Ecco qui infatti la serie:
serie 51.JPG
Le poste cubane gli hanno dedicato una serie anche nel 2013 e qui gia' ci avviciniamo di piu' alle ipotesi riportate nel libro...
capablanca succ fr.JPG
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
fabiov
Messaggi: 3387
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:04
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da fabiov » 4 luglio 2015, 9:54

molto interessante.
anche lla tematica sugli scacchi e' interessante e seguita da molti collezionisti.
bye fabiov Ciao: Ciao:
SOSTENITORE DA SEMPRE!
Leggete articoli filatelici miei e di altri amici giornalisti nel mio NUOVO sito www.storiefilateliche.it. Oltre a più di 130 articoli ci sono novità, illustrazioni e una sezione ASFE. Vi ricordo anche che sul mio vecchio sito www.fabiovstamps.com è sempre attivo, su tutte le pagine, un motore di ricerca per ritrovare più di 500 MB di info filateliche, caricate negli ultimi 14 anni anni da me sul Forum e sul mio sito!

Avatar utente
totino
Messaggi: 56
Iscritto il: 10 novembre 2007, 0:57

L'1 cent Magenta e ... Paperino!

Messaggio da totino » 17 aprile 2016, 13:02

Nel 1952 Carl Barks compose una storia in cui Paperino con i nipotini vanno in Guiana alla ricerca del famoso francobollo del valore di ben ... 50.000 a dollari e finiscono per vedersela, oltre che con un ricco e distratto collezionista, addirittura con l'El Dorado. La storia del maestro disneyano, che ben descrive il collezionismo filatelico dell'epoca, è stata ripubblicata su "Paperopoli", Panini editore, attualmente in edicola.
Buona domenica.

Avatar utente
debene
Messaggi: 5183
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: L'1 cent Magenta e ... Paperino!

Messaggio da debene » 17 aprile 2016, 16:01

Grazie per la simpatica notizia ! :fest:

Ciao:

sergio
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.

n.freschi3
Messaggi: 168
Iscritto il: 13 febbraio 2016, 16:35

Re: L'1 cent Magenta e ... Paperino!

Messaggio da n.freschi3 » 17 aprile 2016, 18:48

Erano ancora i bei tempi in cui Topolino, con storie come questa, o mostrando attimi di Zio Paperone filatelista, e anche con la rubrica "Francobolli che Passione" (c'era proprio Paperone di fianco al titolo), faceva promozione alla filatelia.

Ammetto che più e più volte da bambino "ho iniziato a collezionare francobolli", affascinato da quella rubrica...
Raccoglievo qualche francobollo da buste e cartoline in casa, incollavo tutto su un quaderno (con la colla :desp: )... e il giorno dopo ero già in altre faccende affacendato :-))

Oggi Topolino ha preso un taglio decisamente più fantasy/social/blog/mediatico, con tutte le conseguenze qualitative del caso...
Per fortuna la mia passione un giorno si è risvegliata e ha cominciato a esprimersi in maniera più "seria", tanto che a 15 anni di distanza è ancora viva e fortemente attiva.

Fine momento nostalgico.


N.

Avatar utente
stiraeammira
Messaggi: 719
Iscritto il: 5 giugno 2013, 20:39

Re: L'1 cent Magenta e ... Paperino!

Messaggio da stiraeammira » 17 aprile 2016, 19:08

Per un approfondimento:

Questo il link al motore di ricerca mondiale dei fumetti Disney:

https://coa.inducks.org/?redirected=1

e questo il link specifico alla storia in questione, è possibile visualizzare le prime pagine di ogni edizione nazionale in cui la storia è stata pubblicata.

https://coa.inducks.org/story.php?c=W+O ... directed=1

https://coa.inducks.org/story.php?c=W+O ... pg=1#scans

Per chi volesse rileggerlo... :-))
Paperino contro l'uomo d'oro.pdf
Andrea

Revised by Lucky Boldrini - November 2017
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis » 17 novembre 2016, 8:43

E' piu' di un anno che non cito qualche libro in cui si faccia cenno alla filatelia. Rimedio subito:
IMG_20161117_0001.jpg
Il volume e' stato pubblicato quest'anno da ''Iperborea'', casa editrice specializzata nella letteratura scandinava, ma risale al 2009. La narrazione ha come filo conduttore la ricostruzione della vita e della figura di Gustaf Eisen, zoologo insigne, grande esperto di lombrichi in Svezia ma anche pioniere della coltivazione della vite e dell'uva sultanina in California... Agli inizi della sua carriera di naturalista viene inviato a Londra,

''dove per un po' lavoro' sotto la direzione di John Edward Gray, il leggendario responsabile delle collezioni zoologiche del British Museum, passato anche alla storia come uno dei primi filatelisti. Dei primissimi, in realta': quando il primo francobollo del mondo, il Penny Black, usci' nel 1840, ne compro' il giorno stesso un certo numero di esemplari per collezionarli''.

Troverete inevitabilmente questo curioso aneddoto nelle biografie on-line di Gray, il quale - tra l'altro - rivendicava di avere avuto per primo l'idea della tariffa uniforme (e di basso importo) per la posta. A Rowland Hill riconosce il merito dell'impegno costante con cui la porto' avanti e riusci' a realizzarla. Gray fu un vero filatelico e nel 1862 pubblico' un catalogo mondiale.

L'autore del libro che ho citato, Fredrik Sjoberg, e' anch'egli naturalista ed e' un grande esperto di mosche.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
debene
Messaggi: 5183
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da debene » 18 novembre 2016, 19:50

Ciao: Riccardo il tuo spunto mi ha fatto ricordare di un testo trovato per caso in rete tempo fa che mi aveva insospettito per la presenza in copertina

di un "pahntom" francobollo come potete vedere in figura. Ricorda tra l'altro un pò i Puffin dei francobolli di Lundy.

Ho rintracciato quindi la trama e si tratta di un rapporto epistolare tra un disegnatore londinese di cartoline, un certo Griffin Moss, e una disegnatrice di francobolli,
tal Sabine Strohem, che vive nelle isole Sicmon nel Sud Pacifico.

Il testo, oltre a riportare la loro corrispondenza, è illustrato con i francobolli fittizzi creati dalla Strohem.

Non è dato sapere se l'autore Nick Bantock abbia avuto l'hobby della filatelia.

Ciao:

sergio
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis » 19 novembre 2016, 9:17

Grazie, Sergio.
A mia volta mostro questo volta non un libro ma un programma di sala. E' il fascicolo con il programma del concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia cui ho assistito ieri sera all'Auditorium di Roma (..non si vive di soli francobolli...)
a cop.jpg
All'interno , con mia sorpresa, ha trovato due immagini di francobolli. La prima e' la ''pubblicita''' del francobollo emesso per celebrare appunto l'Accademia
a fr.jpg
Il secondo, invece, e' il francobollo cecoslovacco emesso per celebrare il compositore Smetana, autore del ciclo di poemi sinfonici suonati magistralmente ieri sera
a s.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
remo
Messaggi: 3588
Iscritto il: 21 giugno 2011, 19:00
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da remo » 19 novembre 2016, 10:45

In questo periodo è possibile ascoltare uno dei movimenti più celebri della sinfonia "Ma vlast " (la mia patria) di Smetana nello spot pubblicitario di Valsoia.
remo Ciao:
remo Sostenitore del Forum dal 2011

“...E verrà il giorno in cui saremo in grado di ricordare una tal quantità di cose che potremo costruire la più grande scavatrice meccanica della storia e scavare così la più grande fossa di tutti i tempi nella quale sotterrare la guerra...” Fahrenheit 451 di Ray Bradbury

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis » 19 novembre 2016, 11:20

In effetti molti brani di Smetana sono assai orecchiabili
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
debene
Messaggi: 5183
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da debene » 19 novembre 2016, 14:30

Sarà l'età ma a me l'ascolto di Má vlast di Smetana mi commuove come pochi altri pezzi di musica classica.

Ciao:

sergio
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4370
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da somalafis » 19 novembre 2016, 16:06

E l'esecuzione di ieri sera era eccellente....
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Daniele
Messaggi: 830
Iscritto il: 29 luglio 2007, 10:28
Località: Rep. Ceca

Re: I francobolli nei libri (non specializzati) e nei fumetti

Messaggio da Daniele » 8 gennaio 2017, 19:22

Non proprio in un libro,ma nella musica. Nel 1863 Arthur O´Leary componeva al piano lo Stamp Galop, qui sotto la songsheet dell´epoca.
the-stamp-galop.jpg
Interessante sapere che negli anni ´20 alcuni dei francobolli rappresentati sul foglio e appositamente ritagliati finirono per essere riportati su importanti cataloghi e classificati come SAGGI. Anche in Italia il ´Corriere Filatelico´ riportó l´errore.

Ciao:

Daniele
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Colleziono ASFE, poste locali, bogus e phantom stamps.
Raccoglione di Lombardo Veneto


I miei doppioni di posta locale ( in costante sviluppo):
https://www.delcampe.net/en_GB/collecta ... e/asfe1899


Rispondi

Torna a “Le storie dietro i francobolli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Sostieni il forum: