Oggi è 17 febbraio 2020, 20:30

Medaglia d'Oro - Considerazioni economiche e non...

Sezione generale dove confrontarsi, progettare e discutere sulle collezioni da expo
Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1921
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Medaglia d'Oro - Considerazioni economiche e non...

Messaggio da mestrestamps » 30 marzo 2009, 11:08

Ciao:

Una sera, al Circolo, c'è stata un'accesa discussione circa il fatto che io sostenevo che in filatelia chi ha i soldi vince la medaglia....chi non li ha guarda gli altri vincere.
Da quanto scritto da Antonello, mi convinco sempre più di aver ragione.
Sono un lavoratore dipendente, con moglie e due figli a carico. Lavoro io solo, faccio un lavoro a turni e guadagno abbastanza bene da permettermi ogni tanto qualche "capriccio" filatelico per alimentare la mia collezione, riguardante la storia postale di Mestre dalle origini al 1866. Purtroppo, non mi posso permettere i pezzi da 100, 300 o settecento mila euro; e prova ad andare tu ad esporre una collezione di Lombardo Veneto senza queste cifre, magari accanto a quella dell'Ing.Masi con la busta di Verolanova con la serie completa della prima emissione!
D'altra parte, attorno ai soldi ruota tutto. Ed il solo fatto di poter dire " io me lo posso permettere " dice tutto. E' vero che tutte le macchine fanno i 130 all'ora; ma vuoi mettere farli con una Fiat Marea TD (la mia!) e farli con una Maserati Quattroporte??
Partecipare quindi ad una mostra a concorso con una collezione senza pezzi da novanta è come andare a correre un GP di Formula 1 con una Cinquecento. Io ci ho messo una pietra sopra.
Continuerò ad esporre in mostre locali e ad invito, ricevendo i complimenti di amici collezionisti per la qualità dei pezzi, la descrizione e l'impostazione (in fondo, non è che la mia collezione sia così da buttare!); continuerò ad appassionarmi e a studiare il Lombardo Veneto e la storia postale in generale, benedicendo il giorno che mi sono iscritto a questo forum dove ho potuto incontrare, anche se solo virtualmente, collezionisti competenti e preparati che senza puzza sotto il naso mettono a disposizione il loro sapere a beneficio di tutti.
Grazie a tutti per tutto.

Ciao:

Andrea
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps


Avatar utente
paolo
Messaggi: 593
Iscritto il: 6 settembre 2007, 10:25
Località: Siena
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da paolo » 30 marzo 2009, 11:11

Circa le collezioni da esposizione, pur non essendo certamente un esperto della cosa, condivido abbastanza il pensiero di Antonello che riassumo in "le collezioni da premio le fanno i pochi pezzi extra-strong e non la completezza e precisione dei moltissimi pezzi comuni"... che poi ciò sia giusto e permetta a chi osserva (il pubblico) d'imparare qualcosa in più è tutto da dimostrare (anzi!)... nel settore specifico di cui mi occupo si vedono molte collezioni "banali" ma complete e didattiche al massimo, però quasi sempre ci si sofferma a guardare quelle in cui appaiono affrancature spettacolari e cose simili, che alla fine raccolgono medaglie e premi in ogni parte del mondo...
Ciao:
Colleziono e ricerco SEMPRE materiale storico-postale, dalle origini al 1945, di SIENA e provincia (soprattutto di SAN QUIRICO d'Orcia) per i miei studi...
SOSTENITORE DEL FORUM per il 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017-2018-2019...

Avatar utente
Andrea61
Messaggi: 1362
Iscritto il: 14 luglio 2007, 15:42
Località: Torino

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Andrea61 » 30 marzo 2009, 11:21

mestrestamps ha scritto:Partecipare quindi ad una mostra a concorso con una collezione senza pezzi da novanta è come andare a correre un GP di Formula 1 con una Cinquecento.


Ma le esposizioni filateliche a concorso non sono come i gran premi di formula 1.

Piuttosto sono come le maratone cittadine dove ci sono gli atleti da 2 ore e 10 che corrono insieme ai dilettanti che non si sognano neanche lontanamente di vincere ma che trovano soddisfazione dallo stare semplicemente lì e che hanno come unica ambizione quella di finire la gara entro il tempo massimo.
Andrea

=====================
Sono interessato alla Storia Postale e ai Classici di tutto il mondo.

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 8424
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Antonello Cerruti » 30 marzo 2009, 11:36

paolo ha scritto:... nel settore specifico di cui mi occupo si vedono molte collezioni "banali" ma complete e didattiche al massimo, però quasi sempre ci si sofferma a guardare quelle in cui appaiono affrancature spettacolari e cose simili, che alla fine raccolgono medaglie e premi in ogni parte del mondo...
Ciao:


Tutti che fanno salto con l'asta ad un certo livello arrivano a 4,50 metri.
Poi, i migliori si staccano e arrivano a 5,00 metri.
Solo i migliori, però, superano questo livello e lottano per le medaglie.
Chi rimane lontano dal podio, trova giustificazioni nella preparazione sbagliata, nell'influenza dell'ultima settimana, nelle scarpette nuove, ecc.
Lo stesso avviene in filatelia.
Se io colleziono l'annullo di Verolanuova, posso anche avere 100 lettere affrancate con il 5, il 10, il 15, il 30 o il 45 centesimi, anche nelle combinazioni più interessanti.
Ma, sapendo che esiste la lettera - con questo annullo - affrancata con la serie completa, la mia collezione non potrà mai fare molta strada.
Il vincitore sarà quello che ha UNA lettera in più, UN francobollo in più o UN annullo in più.
E siccome tutti cercano quel qualcosa in più, quel pezzo costa e costerà sempre di più.
Ma non bisogna farsene una malattia.
La filatelia, lo studio, la passione non hanno prezzo e solo chi insegue una medaglia attribuisce a questa una data importanza.
Per gli altri, e fortunatamente sono la stragrande maggioranza, ...chi se frega della medaglia.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
Marco Occhipinti
Messaggi: 154
Iscritto il: 26 luglio 2007, 23:32
Località: Roma
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Marco Occhipinti » 30 marzo 2009, 11:42

Comprendo tutti i messaggi, ma allo stesso tempo non li capisco (scusatemi).
Partecipando ad un'esposizione a concorso (e nessuno è obbligato a farlo), si sottende approvato il relativo Regolamento (GREV e SREV, a livello nazionale).
Per tutte le classi espositive, vi è un parametro, che si chiama Rarità, e che "vale" 20 punti.
Va da sè che 20 punti (a parità di tutti gli altri punteggi) possono fare la differenza tra una collezione di (esempio) 96 e 76 punti (parliamo di Oro grande e Vermeil).
Va da sè, quindi, che le rarità presenti sui fogli espositivi, che consentono uno o più salti di medaglia, possono essere esposte solo se si ha il portafoglio a fisarmonica.

Tuttavia, come già fatto rilevare da Andrea61, non sempre le grandi rarità sono indispensabili per avere delle soddisfazioni.
Andrea dice di non aver superato quella soglia, e con tutto questo ha ricevuto più volte l'oro. In Tematica, personalmente, non ho superato nemmeno un decimo della soglia indicata da Andrea, eppure anche io ho ricevuto un oro.
Il problema, quindi, non sono i soldi che si investono.
Il problema cade automaticamente se si guarda il bicchiere mezzo pieno, se si è soddisfatti del proprio risultato, se ci si è divertiti a realizzare la propria collezione ed esporla.

Ciao: Ciao: Ciao:
Marco Occhipinti
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tematiche: Geologia, Evoluzione, Scacchi
Storia Postale: Funicolare vesuviana, Fiume fino al 1945

I miei siti web: Funicolare Vesuviana - CIFT, Centro Italiano Filatelia Tematica


Avatar utente
cirneco giuseppe
Messaggi: 5073
Iscritto il: 13 luglio 2007, 17:35
Località: Orbassano (TO)
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da cirneco giuseppe » 30 marzo 2009, 11:47

Tanto per dire la mia nel mio piccolo sulle collezioni :-))

A Milano la mia "un quadro" era a fianco della "un quadro" del prof. Imperato che tutti conoscete per il grandissimo numero di ori e ori grandi che ha accumulato in tutti questi anni.
Ebbene sia la mia collezione che la sua hanno ottenuto 81 punti.
Per qualche ora mi son sentito alla pari del gran maestro Imperato, poi ho fatto di realtà virtù e son tornato ad essere il collezionista di saggi di sempre con tanti sogni.
Voglio dire che ognuno fa quello che può.
Con la mia collezione di nicchia dei saggi ho confermato il vermeil grande di Roma dello scorso anno. Se avessi a disposizione 500.000 euro punterei senz'altro all'oro grande :fest: :fest:
Ma conosco i miei limiti finanziari ed allora gioco con i miei pezzettini di carta sfidandomi a migliorarla continuamente ed ad accumulare punticino dopo punticino per vedere dove le mie conoscenze e le mie possibilità mi porteranno, ma senza dimenticare che è un gioco e con questi pezzettini di carta ci si deve divertire.
..... pino .....Immagine
su ebay http://shop.ebay.it/merchant/gcirnec?_rdc=1

________________________________________________
NEMICO, DICHIARATO E CONVINTO, DEL GRONCHI LILLA

E' saggio sognare ma da stolti illudersi.

cerco e colleziono saggi e prove dagli ASI ad oggi solo Italia
http://www.antichistati.it

Immagine

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 8424
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Antonello Cerruti » 30 marzo 2009, 12:01

Ciao marco e grazie di tutto.
Io, volutamente, non ho parlato di filatelia tematica perchè non la conosco e quindi non conosco neppure i parametri economici equivalenti.
Ribadisco quello che ho detto sopra: per arrivare all'oro, occorre possedere determinati pezzi che costano e, per averli, occorre spendere.
Ho anche detto che ci possono essere determinate eccezioni che possono essere, ad esempio, un livello precedentemente raggiunto e che, per tanti motivi, non si ritiene di dover abbassare, oppure una collezione di nicchia che esplora un settore poco studiato e quindi poco conosciuto, oppure la ritrosìa di una data giuria a non voler correre il rischio di sottovalutare la collezione di un paese mai valutato prima, ecc.
Mi ricordo che tanti anni fa un giurato che attribuì un oro ad una collezione di occupazione giapponese della Mongolia.
Poveraccio, non aveva mai visto uno di quei francobolli ed, in perfetta buona fede, prese per buoni tutti i falsi esposti.
Ma queste sono fenomeni patologici, non certo la normalità.
La normalità, invece, è che chi partecipa ad una gara lo fa per vincerla.
E la partecipazione ad una Mostra a concorso cosa è se non una gara?
Chi, invece, va a cena con gli amici, lo fa per stare insieme, ma è tutta un'altra cosa.
Cordiali saluti.
Antonello cerruti

Avatar utente
Marco Occhipinti
Messaggi: 154
Iscritto il: 26 luglio 2007, 23:32
Località: Roma
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Marco Occhipinti » 30 marzo 2009, 12:08

Antonello, difatti concordo con quanto scrivi.
Il messaggio in codice, da leggere tra le righe, che riportavo nel mio post è infatti, più esplicitamente: vi volete divertire senza svenarvi, esporre ed avere delle soddisfazioni? Con le tematiche non è necessario spendere centinaia di migliaia di euro, garantito!
:-)) :-)) ;-) Ciao: Ciao: Ciao:
Marco Occhipinti
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tematiche: Geologia, Evoluzione, Scacchi
Storia Postale: Funicolare vesuviana, Fiume fino al 1945

I miei siti web: Funicolare Vesuviana - CIFT, Centro Italiano Filatelia Tematica

Avatar utente
strino
Messaggi: 999
Iscritto il: 16 luglio 2007, 11:49

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da strino » 30 marzo 2009, 12:16

come giustamente scritto nei post sopra, predisporre la propria collezione è lavoro di grande soddisfazione personale e di continua sfida con sè stessi, il proprio bilancio familiare dare/avere ed il tempo a disposizione e se non si vuole esporre già si è fatto molto. :clap:
se poi si vuole anche esporre non deve passare (anche secondo me) il messaggio "non lo fare se non hai tanti soldi!".
io ho preparato in un anno la mia collezione e ho vinto un campionato italiano e preso 3 ori con quello di sabato, spendendo una frazione della somma indicata come limite per la medaglia d'Oro.
NON ci sarei MAI riuscito senza l'aiuto degli amici della mia "squadra" dell'AFI Diena e del Forum, .......ma quelli sono e siamo qui a disposizione di chiunque voglia "buttarsi", perchè ci vogliono facce e collezioni nuove, per mantenere ben sana la nostra amata filatelia.
Per Ori Grandi e Gran Premi il discorso cambia ed il fattore rarità diventa preponderante, ma la medaglia d'Oro è alla portata di molti collezionisti, piuttosto bisogna trovare nuove collezioni, nuove idee e percorrere strade poco o per niente battute prima e presentare novità che facciano dire ai Giurati "Ah, però! hai visto che cosa ha messo insieme....".
Non possiamo non giocare più a calcetto, perchè tanto in Nazionale non ci chiamano.
....quindi ......ESPONETE! ESPONETE! ESPONETE!

Avatar utente
Giovanni Salvaderi
Messaggi: 3291
Iscritto il: 26 agosto 2007, 12:36

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Giovanni Salvaderi » 30 marzo 2009, 13:51

Ringraziando in primis Antonello ho letto con molto interesse tutti i vostri preziosi interventi e sono giunto ad una conclusione, che poi avevo già in cuor mio.

La filatelia è puro divertimento e passione, allegata allo studio diventa cultura e conoscenza e se poi la si discute davanti ad una pizza e con degli amici, tutto è ancora più bello :clap: :clap: :abb:

Per un oro od un Vermeil c'è e ci sarà tempo, ma adesso pensiamoci a divertirci.

p.s. la mia parallela di annulli prosegue e prima o poi avrò bisogno del vostro aiuto ;-) e so per certo che l'avrò prontamente.

Grazie a tutti
Ciao:
giovanni salvaderi
-----------------
Immagine
-----------------
seguo principalmente la IV di Sardegna
I miei annulli http://cid-25e0e09b22a810c1.skydrive.li ... lbums.aspx

in aggiornamento :-))

Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1921
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da mestrestamps » 31 marzo 2009, 0:18

Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea61

L'esempio che ho fatto riguardante la formula 1 voleva dire che se non hai i potenti mezzi non vai da nessuna parte. Con una cinquecento puoi al massimo fare un raduno con gli amici per stare in compagnia e mostrare con orgoglio la marmitta cromata che hai montato.
E' un po' quello che succede a noi che non abbiamo i pezzi milionari in collezione; partecipiamo alle mostre sociali per il gusto di stare insieme e divertirsi in compagnia, confrontando idee ed opinioni e cercando di arrichire il nostro bagaglio di conoscenza. E poi ,come si dice qui in Veneto, per bere "un'ombra" :wine: :wine: :wine: :fiasco: :fiasco: :fiasco: in allegria!
A volte,tutto questo, vale molto di più di una medaglia!

Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 8424
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Antonello Cerruti » 31 marzo 2009, 8:23

Giovanni Salvaderi ha scritto:Per un oro od un Vermeil c'è e ci sarà tempo, ma adesso pensiamoci a divertirci.


mestrestamps ha scritto:E poi ,come si dice qui in Veneto, per bere "un'ombra" in allegria!
A volte,tutto questo, vale molto di più di una medaglia!


Questi mi sembrano i sentimenti giusti per avvicinarsi alla filatelia e portare avanti una collezione specializzata.
"L'altra filatelia" è cosa per pochi; merita ammirazione perchè è un po' il traino per tutti, ma resta un'altra cosa.
Tutti siamo entrati in un negozietto di filatelia o ci siamo avvicinati ad un banchetto in un convegno; altro è alzare la paletta ad un'asta (come quella di Zanaria) che andava ad una velocità di quasi ... 400.000 euro l'ora.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
Paolo Angelini (paoloang)
Messaggi: 894
Iscritto il: 13 luglio 2007, 11:54

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Paolo Angelini (paoloang) » 31 marzo 2009, 11:03

Concordo con Antonello.
Paolo Angelini

Colleziono Annulli a targhetta VISITATE L'ITALIA

Avatar utente
Marco Occhipinti
Messaggi: 154
Iscritto il: 26 luglio 2007, 23:32
Località: Roma
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Marco Occhipinti » 31 marzo 2009, 15:57

Vorrei un attimo distinguere due cose che si sono incrociate negli ultimi messaggi di questo topic.
Una cosa è il dire che esiste una filatelia "monetizzata", alla caccia del pezzo di centinaia di migliaia di Euro, e che vive di vita propria anche a livello espositivo, alla ricerca dell'unico risultato da raggiungere, ovvero il Gran Premio (Competizione o Campioni).
Un'altra cosa è il dire che per raggiungere una medaglia d'oro occorre operare e ragionare come la prima categoria di cui sopra. Questo discorso lo trovo errato e profondamente pericoloso, e pertanto sto intervenendo.
Per quanto mi riguarda, e dalle centinaia di chiacchierate che faccio con tanti collezionisti, espositori o meno, che esista la prima categoria va benissimo. Come dice Antonello, può far da traino al resto.
Tuttavia, non va dimenticato che certe soddisfazioni, come una medaglia d'oro, non necessitano affatto dell'appartenenza a quella categoria. Qui su questo forum scrivono alcuni espositori, che hanno già apportato la loro esperienza; molti altri espositori non sono iscritti a questo forum, ma anche loro potrebbero portare esperienze analoghe, del raggiungimento di un oro senza svenarsi.
E' chiaro che per raggiungere un oro occorre spendere, ma non occorre svenarsi: occorre, quindi, acquistare pezzi di pregio, non necessariamente "grandi rarità", altrimenti quel famoso parametro "Rarità" che "vale" 20 punti in tutte le classi espositive (Tematica compresa) sarà basso, ed è quel parametro che a partità di altri punteggi può far saltare di un livello di medaglia, tipo ad esempio dal Vermeil grande all'Oro.
Tutto qui.
Nessuno scandalo: solo consapevolezza.
Ciao: Ciao: Ciao:
Marco Occhipinti
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tematiche: Geologia, Evoluzione, Scacchi
Storia Postale: Funicolare vesuviana, Fiume fino al 1945

I miei siti web: Funicolare Vesuviana - CIFT, Centro Italiano Filatelia Tematica

Avatar utente
Andrea61
Messaggi: 1362
Iscritto il: 14 luglio 2007, 15:42
Località: Torino

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Andrea61 » 31 marzo 2009, 16:31

Sottoscrivo quanto detto da Marco.

Ogni tanto vengono fuori due messaggi, più o meno subliminali. Il primo è "se non posso vincere non partecipo", il secondo è "se non puoi spendere cifre colossali per i francobolli non ti sognare neanche di poter vincere un oro nazionale".

Il primo punto di vista è forse umanamente comprensibile ma, lasciatemelo dire, non troppo sano in un contesto sportivo amatoriale.

Il secondo è palesemente smentito dai fatti.
Andrea

=====================
Sono interessato alla Storia Postale e ai Classici di tutto il mondo.

Avatar utente
mestrestamps
Messaggi: 1921
Iscritto il: 25 gennaio 2009, 23:18
Località: mestre

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da mestrestamps » 31 marzo 2009, 18:44

Ciao:

Spiacente :dub: ma rimango della mia opinione.
Ci sono delle collezioni che, pur senza le grandi rarità, riescono a raggiungere dei grandi traguardi nelle esposizioni (collezioni di filatelia tematica, ad esempio).
Per quanto riguarda le altre, che vanno dalla prefilatelia agli Antichi Stati, se non hai il pezzo da urlo non ti presentare nemmeno!
Fa male, ma è l'amara realtà....

Ciao:

Andrea
andreafusati@tim.it

prefilateliche della Repubblica di Venezia
storia postale del Regno Lombardo Veneto
annullamenti di Lombardo Veneto su Italia

http://www.museodeitasso.com

SOSTENITORE 2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015

" Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore. " (Oscar Wilde)

visita il mio negozio su delCampe http://www.delcampe.net/negozi/mestrestamps

Avatar utente
Marco Occhipinti
Messaggi: 154
Iscritto il: 26 luglio 2007, 23:32
Località: Roma
Contatta:

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Marco Occhipinti » 31 marzo 2009, 19:13

Andrea di Mestre,

ovviamente liberissimo di avere le tue opinioni, ci mancherebbe.
Ma qui non stiamo parlando di avere un'opinione, parliamo di dati, di fatti, sui quali o ne prendi atto o rimani di un'idea (per me) sbagliata.
Trascuriamo, quindi, Tematica, Aerofilatelia e Maximafilia; parliamo solo di Storia Postale e Tradizionale.
Trascuriamo anche le collezioni ad Un Quadro.

Iscritti a questo forum abbiamo:
- Marco Sangalli: la sua collezione di Storia Postale su Umberto II ha bellissimi pezzi, ma non ha "pezzi da urlo", che costano centinaia di migliaia di euro; eppure ha ricevuto tre volte la medaglia d'oro;
- Roberto Petrone, con la sua collezione di Storia Postale sugli uffici di Parigi, idem come sopra; eppure ha vinto più volte l'oro;
- Andrea Mori, con la sua collezione di Storia Postale sulle corrispondenze tra il Regno e l'estero, idem come sopra; eppure ha vinto più volte l'oro (e mi pare anche con una precedente collezione di Storia Postale, giusto Andrea?).
Ragazzi, smentitemi se sto dicendo fesserie sulle vostre collezioni.

Questi sono solo tre esempi relativamente ad espositori iscritti a questo forum (e forse ce ne sono anche degli altri, e mi scuso se non li cito).
Ci sono decine e decine di espositori non iscritti a questo forum che sono sicuro potrebbero raccontare storie analoghe. Ma lascia perdere questa mia sicurezza, e rifletti anche solo su questi tre esempi.

Quindi, è ancora necessario il "pezzo da urlo" per vincere un oro?

Ciao: Ciao: Ciao:
Marco Occhipinti
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tematiche: Geologia, Evoluzione, Scacchi
Storia Postale: Funicolare vesuviana, Fiume fino al 1945

I miei siti web: Funicolare Vesuviana - CIFT, Centro Italiano Filatelia Tematica

Avatar utente
torinesearoma
Messaggi: 355
Iscritto il: 15 luglio 2007, 23:37
Località: Roma

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da torinesearoma » 31 marzo 2009, 19:47

Non per cercare la verità nel mezzo, ma c'è una parte di ragione in tutti.
Per vincere l'oro nazionale (85 punti) non è indispensabile aver speso 100.000 euro, neanche in SP o Filatelia Tradizionale classica. Ci sono vari esempi di ori per collezioni meno "ricche".

Però per arrivare sull'oro grande internazionale (95 punti) o quasi, servono grandi e grandissime rarità un po' in tutta la collezione. E per averle in settori come gli Antichi Stati o la prima emissione di Regno, tali da riempire 84 o 120 fogli (e passare da un punteggio di rarità, ad esempio, 15 su 20, ad un punteggio 20/20), bisogna spendere :$$: :$$: :$$:

Insomma gli ultimi gradini della scala delle medaglie sono i più alti anche economicamente.

Ma queste grandi collezioni da molti zeri ci fanno sognare, aiutano il mercato, attirano sulla filatelia una attenzione simile a quella di grandi collezioni di antiquariato. Non bisogna esserne frustrati, a mio modesto avviso, anche quando si sa che sono obiettivi inarrivabili ...
Paolo
__________________________________________________________________
Colleziono
Annulli speciali manuali e meccanici del Regno
Tematica ferrovie e storia postale ferroviaria (specialmente dell'Africa)
Posta tramviaria
Perfin

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 8424
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da Antonello Cerruti » 31 marzo 2009, 23:10

Ho già espresso sopra le mie valutazioni che confermo, così come ribadisco che ci possono essere delle eccezioni.
Circa gli esempi portati da Marco, mentre non sono in grado di valutare la collezione di Roberto che non conosco, conosco bene le altre due.
Quella di Marco abbraccia un settore temporale limitato ed abbastanza privo di pezzi di di grande valore. E', insomma, un'intelligente collezione di nicchia, ben fatta ma che, proprio per la pochezza di grandi rarità esistenti in quel settore, non potrà andare molto oltre.
E' solo una constatazione e Marco conosce bene i limiti della sua raccolta.
L'altra è molto curata ma poichè - in quel settore - ci può essere di tutto e di più, secondo il mio metro di giudizio, ha ottenuto un premio esagerato che poi, per "tradizione" e pigrizia, è stato di volta in volta confermato.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
strino
Messaggi: 999
Iscritto il: 16 luglio 2007, 11:49

Re: La situazione del mercato filatelico

Messaggio da strino » 31 marzo 2009, 23:26

Antonello Cerruti ha scritto:Quella di Marco abbraccia un settore temporale limitato ed abbastanza privo di pezzi di di grande valore. E', insomma, un'intelligente collezione di nicchia, ben fatta ma che, proprio per la pochezza di grandi rarità esistenti in quel settore, non potrà andare molto oltre.
E' solo una constatazione e Marco conosce bene i limiti della sua raccolta.


esatto! ma è proprio quello che ho scritto prima, mi spiace perchè sembra che mi autoglorifichi, ma per noi collezionisti/espositori di fascia medio-bassa, cosa si può volere di più :??: (qui considero solo la parte "voglia di esporre e mettersi in gioco") su 4 uscite 1 vermeil grande e 3 ori e un Campionato italiano e....... (ho incrociato anche le dita dei piedi :-)) :-)) :quad: ) una richiesta di esporre alla Internazionale di Roma Italia 2009.
mi sembra che ci sia da divertirsi un bel pò :!:
mi ripeto, TROVATE UNA BUONA IDEA ED ESPONETE :!: non abbiate paura a buttarvi :-)) :-))


Rispondi

Torna a “Area espositiva, progetti e discussioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Sostieni il forum: