Le ''lettere'' impossibili...

Forum di discussione sulle emissioni del Regno Unito e dell'Irlanda
Rispondi
Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4999
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Le ''lettere'' impossibili...

Messaggio da somalafis »

Non tutte le combinazioni di lettere che compaiono su esemplari britannici del periodo classico e in quello successivo erano ''possibili''. Un'associazione sbagliata di lettere permette di riconoscere esemplari falsi. Ce lo ricorda la casa d'aste Argyll Etkin's nella sua asta del 8 marzo mostrando fra i lotti in vendita acuni ''falsi'' caratterizzati da accoppiamenti impossibili di lettere:
impossibile l'accoppiamento F-P
a1 fp.jpg
impossibile l'accoppiamento A-P
a2 ap .jpg
impossibile l'accoppiamento A-Q
a3 aq.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

Avatar utente
andy66
Messaggi: 1376
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: Le ''lettere'' impossibili...

Messaggio da andy66 »

Interessanti questi falsi inglesi, anche perché stranamente riguardano alti valori, quindi di basso consumo, e non i bassi valori di uso comune a vastissimo utilizzo.
La cosa che trovo un pó strana è che i fb non sembrano usati su lettera bensì su moduli prestampati (forse pacchi o vaglia?), cioè documenti che non venivano preaffrancati da privati ma solitamente fatti d'ufficio. Quindi come fu possibile che un ufficio postale fosse in possesso di fb falsi?

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato

Avatar utente
chilandro
Messaggi: 463
Iscritto il: 27 marzo 2008, 1:00

Re: Le ''lettere'' impossibili...

Messaggio da chilandro »

andy66 ha scritto:
1 febbraio 2020, 14:01
Interessanti questi falsi inglesi, anche perché stranamente riguardano alti valori, quindi di basso consumo, e non i bassi valori di uso comune a vastissimo utilizzo.
La cosa che trovo un pó strana è che i fb non sembrano usati su lettera bensì su moduli prestampati (forse pacchi o vaglia?), cioè documenti che non venivano preaffrancati da privati ma solitamente fatti d'ufficio. Quindi come fu possibile che un ufficio postale fosse in possesso di fb falsi?

Ciao:
Ciao: Ciao:
Se non ricordo male (l'annullo dello stock exchange ha risvegliato la memoria :-)) ) la truffa veniva perpetrata da un agente di borsa: i francobolli venivano usati per perfezionare i contratti di compravendita.
Quello da 5 sterline probabilmente invece è stato realizzato per frodare i collezionisti (chissà se Sperati si è cimentato anche con questi...)
sergio

Avatar utente
somalafis
Messaggi: 4999
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

Re: Le ''lettere'' impossibili...

Messaggio da somalafis »

chilandro ha scritto:
1 febbraio 2020, 14:34
...
Quello da 5 sterline probabilmente invece è stato realizzato per frodare i collezionisti (chissà se Sperati si è cimentato anche con questi...)
...
In asta sono presenti dei falsi De Sperati ma arrivano sino al 2 scellini
sperati 2s.jpg
sperati b.jpg
Invece c'e' un falso da una sterlina che e' attribuito (ma solo ''probabilmente'') ad Oneglia
oneglia.jpg
Questo ulteriore falso da 5 sterline invece non ha attribuzione
falso.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE

raffaele1961
Messaggi: 177
Iscritto il: 20 febbraio 2011, 18:47

Re: Le ''lettere'' impossibili...

Messaggio da raffaele1961 »

Nel 5 pound una delle caratteristiche dei falsi è che tutti hanno dei problemi di allineamento.
Per il resto erano dei falsi insidiosi per i non specialisti

Rispondi

Torna a “Regno Unito ed Irlanda”

SOSTIENI IL FORUM