Le "Buste Parlanti"

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno d'Italia e del periodo di luogotenenza.

Moderatori: Alex, Stefano T

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 6443
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da Antonello Cerruti »

Questo sarebbe un pezzo rarissimo.

Il catalogo conosce l'esistenza di una sola Busta Parlante.
Ovviamente, nulla vieterebbe che ne saltasse fuori un secondo esemplare ma...

Occorre però accertarne la (dubbia) autenticità e per farlo è indispensabile un accurato controllo della carta su cui è stampato.
I dubbi sono accentuati dall'esistenza di un 20 centesimi usato e rotto al posto del raro 20 centesimi nuovo che dovrebbe esserci, non essendo il pezzo mai stato spedito.

Quindi... moooooolta prudenza. :lente: :lente: :lente:

Cordiali saluti.
Antonello Cerruti
Avatar utente
ari
Amministratore
Messaggi: 1542
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da ari »

Come e' andata per la busta che ha orginato il topic ? :-))
louiuli
Messaggi: 5
Iscritto il: 25 ottobre 2021, 18:26

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da louiuli »

Salve, non ero a conoscenza del fatto che ci fosse una sola busta parlante, piuttosto che si trattasse di una edizione limitata e molto rara. Ma come anticipato non sono un'esperta del settore.
Ho preso contatti con una importante casa d'asta prima di iscrivermi al forum, e neppure loro mi hanno fatto menzione rispetto alla sospetta autenticità della busta.
Piuttosto mi hanno notificato che visto il cattivo stato di conservazione del francobollo, sarebbe stato addirittura meglio toglierlo, prima di procedere ad una eventuale asta.
Di qui il motivo per cui ho deciso di iscrivermi a questo forum e di rivolgermi direttamente ad appassionati ed esperti del settore, che credo abbiano un approccio diverso rispetto all'articolo nella sua globalità e meno propensione ad 'alterarlo' per migliorarne le possibilità di commercio.
Mi farebbe piacere anche che tipo di percorso mi consigliate , se ci sono periti esperti che potrebbero aiutarmi ad identificarne il valore etc..
Vi allego altre foto nel frattempo e vi ringrazio per il tempo e la disponibilità
Immagine[/img]
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 6443
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da Antonello Cerruti »

Se mi dici la tua città di residenza, sarò lieto di indicarti il nome di un perito a te vicino.
Se mi dici il nome della casa d'asta cui ti sei rivolta - anche tramite un messaggio privato - potrò indicarti se hanno nello staff un esperto che possa rassicurarti circa l'originalità di quel pezzo.

Cordiali saluti.
Antonello Cerruti
louiuli
Messaggi: 5
Iscritto il: 25 ottobre 2021, 18:26

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da louiuli »

Salve,

Grazie per la risposta.

io attualmente vivo a Parigi, ma l'articolo si trova nei pressi di Napoli.Torno spesso in Italia, e dunque non sarebbe un problema spostarmi eventualmente per incontrare la persona più adatta per questo tipo di analisi.
Per quanto riguarda la casa d'asta mi sono rivolta ad un esercizio che ha già effettuato una vendita di una busta parlante dello stesso genere.
Ma personalmente sono propensa piuttosto ad un tipo di vendita privata,ovviamente previa adeguata perizia. Per cui la ringrazio anticipaticipatamente per le dritte che può darmi in merito ad esperti del settore .
Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 6443
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da Antonello Cerruti »

Se ha già avuto un precedente contatto positivo con una casa d'aste, continui con gli stessi professionisti.
Provvederanno loro stessi a garantire l'originalità del pezzo o lo invieranno ad un loro perito di fiducia.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti
louiuli
Messaggi: 5
Iscritto il: 25 ottobre 2021, 18:26

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da louiuli »

Ci sarebbe inoltre un'altra questione che mi interessa.
Al di là dell'autenticità, della quale io sono certa, ma che andrà sicuramente comprovata e certificata per mano di esperti, mi piacerebbe sapere che tipo di valore attribuireste a questo tipo di articolo. O se l'esperto in questione al quale mi rivolgerò per la perizia è tenuto a fare anche questo tipo di valutazione.
Quello che intendo dire è che al di là della vendita in sé, che può essere effettuata in varie forme, non vorrei essere impreparata o truffata e se c'è qual è il modo di avere il maggior numero di coordinate possibili affinché questo non accada.
Spero di non abusare del vostro tempo e della vostra disponibilità.

Cordiali Saluti,
L.I
louiuli
Messaggi: 5
Iscritto il: 25 ottobre 2021, 18:26

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da louiuli »

Concludo il mio intervento con un' ultima precisazione.
Purtoppo non posso ricevere/inviare messaggi privati dal momento che non sono riuscita a fare una donazione tramite la mia carta ( forse c'è un problema con i conti esteri o la mia carta non risulta abilitata a questo tipo di transazione). Sarei grata se qualcuno potesse consigliarmi un esperto che possa analizzare la busta nella zona di Napoli o dintorni e resto disponibile nel caso in cui un appassionato voglia visionarla.
Grazie ancora per la cortesia, la pazienza e l'attenzione dedicatami e grazie per sostenere ed alimentare questo forum, grazie al quale sto cominciando ad orientarmi in questo universo a me nuovo che è la filatelia.
Saluti
Avatar utente
enrico54
Messaggi: 481
Iscritto il: 28 aprile 2008, 12:21
Località: Napoli

Re: Le "Buste Parlanti"

Messaggio da enrico54 »

Aggiungo qualcosa a questa interessante discussione, iniziata ormai parecchi anni fa, e che non avevo letto. Di seguito allego un pezzo tratto dalla collezione di Pietro Alberto (non lo conosco quindi non so quale sia il nome e quale il cognome) esposta a Milano 2013 e visibile sul sito dell'ISSP di Prato. E' una Busta Parlante affrancata, come quella inizialmente postata da Massimiliano con un 2 cmi; purtroppo non riesco a leggere la data e lo scrivente non la indica, mentre nella descrizione del pezzo cita come a lui note 3 affrancature con il 2 cmi e 1 con il 20 cmi, non specificando però se con il 20 cmi Bigola (ma ne sono note più di una) o quello arancio del 1877.

Allego altri pezzi di cui ho la foto ma non la quotazione, comprese 2 Buste Parlanti dirette all'estero, con affrancatura di 30 cmi.

Uno di questi pezzi anticipa al 18 Aprile 1877 la prima data conosciuta per questa tipologia di oggetto postale.

Ciao:

Enrico Flaminio
-------------------
Colleziono usi postali e fiscali dell'emissione De La Rue
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
La cattiva notizia è che il tempo corre in fretta, quella buona è che il pilota sono io.
Rispondi

Torna a “Regno d'Italia e Luogotenenza”

SOSTIENI IL FORUM