I tedeschi del Volga

Che storie si nascondono dietro quello che può sembrare un semplice francobollo??? E qual'è la vostra conoscenza sui francobolli? Potrete scoprire entrambe le cose in questo forum.....

Moderatore: fabiov

Rispondi
Avatar utente
somalafis
Messaggi: 6272
Iscritto il: 23 luglio 2007, 9:54
Località: Roma

I tedeschi del Volga

Messaggio da somalafis »

Sfogliare aste filateliche e storico postali accresce la cultura. Sapevo che durante l'epoca zarista nelle terre del grande fiume Volga in Russia si erano insediate cospicue colonie di tedeschi ma non ci avevo mai riflettuto sopra. Sfogliando una delle prossime aste della ditta americana ''Raritan'' ho trovato un po' di materiale postale riguardante questi insediamenti. Mi ha colpito la lettera che vi mostro qui sotto:
aa.jpg
E' una classica raccomandata di epoca staliniana, ma a colpirmi e' stata l'etichetta di raccomandazione che vi ingrandisco:
ing1.jpg
E' scritta in caratteri latini e non cirillici e poi perche' reca il nome del collaboratore di Karl Marx? Anche il timbro postale appare ''bilingue'':
a1.jpg
Dopo la rivoluzione bolscevica in effetti venne fondata - nel quadro dell'URSS - la Repubblica Socialista Sovietica Autonoma Tedesca del Volga; il capoluogo era la citta' di Pokrovsk che venne ribattezzata appunto Engels, in onore di uno dei ''padri del socialismo scientifico''. La ''repubblica'' aveva circa 600 mila abitanti e il 66% nel 1926 continuava a parlare il tedesco; nel 1939 i tedescofoni erano scesi al 60%. L'attacco tedesco all'Unione Sovietica pose fine a questa autonomia e i tedeschi del Volga furono deportati.
In asta c'e' anche posta partita dalle ''colonie tedesche'' del Volga durante il periodo zarista come questa partita nel 1900 da Marientau
a2.jpg
o quest'altra partita nel 1911 da Urbach
a3.jpg
Ecco un link all'asta:https://stampauctionnetwork.com//RT/rt92.cfm

Rev LB Nov 2022
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Riccardo Bodo
SOSTENITORE
Rispondi

Torna a “Le storie dietro i francobolli”

SOSTIENI IL FORUM