Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Forum di discussione su argomenti generici che non siano riconducibili ad un antico Stato in particolare
Rispondi
Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 564
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Fabio76 »

Voglio mostrarvi un mio recente acquisto cercando di capire le tassazioni, si tratta di una lettera da Venezia per Noja di Bari , l'attuale Noicattaro, partita il 29/01/1862 e arrivata a destinazione il 08/02/1862, affrancata per 10 soldi cioè per la seconda distanza fino al confine, quindi inviata per la via di Genova per Napoli eppoi per la via di terra fino a Bari, dove penso che il segno 5 sia la tassazione in Grana per il Regno di Napoli.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano,Ponte di Brenta)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Colleziono annulli Austriaci LV su francobolli Italiani periodo 1866-1879

fabioc76@alice.it
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 10346
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da fildoc »

La spedizione dei mille è del 1860....
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 564
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Fabio76 »

Ex regno, ma non capisco il segno 5, poi perchè andare per la via di Genova e non per la via di Mare per Ancona, ci avrebbe impiegato sicuramente meno tempo.
Sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano,Ponte di Brenta)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Colleziono annulli Austriaci LV su francobolli Italiani periodo 1866-1879

fabioc76@alice.it
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 10346
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da fildoc »

la via di Genova costava molto poco (20 cent) rispetto a quella per l'adriatico....
il 4 forse è un doppio porto per il peso sup a 10 grammi
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 6094
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Tergesteo »

Fino all'agosto 1862, pur essendo passate sotto i sabaudi, le province napoletane continuarono ad esprimere le loro tassazioni in grana.

Questa lettera venne tassata per 5 grana in quanto sotto i 10 grammi (indifferente la via di mare o di terra) e proveniente dall'Austria.

Il 2 sono i 20 centesimi sardo-italiani pretesi all'entrata da Desenzano, come giustamente scritto sopra.

Ciao: Ciao:

Benjamin
Lombardo Veneto (filatelia, annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale dell'antica provincia di Arezzo, colori della IVa di Sardegna, ed a livello filatelico tutti gli ASI
Lettonia,Lituania ed Estonia
Classici di Francia, Gran Bretagna e Russia
Israele, annulli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi

"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno
Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2525
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Como

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da francesco luraschi »

Sembra che l'instradamento scelto fosse il più economico per il mittente, anche se poi andava condiviso con il destinatario,almeno così risulta dalla lettura del Sirotti-Colla il quale scrive pure che il materiale residuo è molto poco per dare informazioni più dettagliate.

Oltre alla via di Genova richiesta dal cliente nel 1862 era possibile l'instradamento per Ancona con il LLoyd Austriaco che prevedeva però un supplemento di porto marittimo pari a 10 soldi (10+10), ovviamente il porto estero a carico del destinatario.

C'era pure la possibilità dell'invio tramite le poste svizzere che era però più costoso, sembra fosse di 30 soldi, però permetteva sia il PD sia il PA.

Un riassunto delle disposizioni viennesi è a pag.237 del II volume. Non mi sembra però esaustivo.

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 10346
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da fildoc »

Fino all'agosto 1862, pur essendo passate sotto i sabaudi, le province napoletane continuarono ad esprimere le loro tassazioni in grana.

Questa lettera venne tassata per 5 grana in quanto sotto i 10 grammi (indifferente la via di mare o di terra) e proveniente dall'Austria.

Il 2 sono i 20 centesimi sardo-italiani pretesi all'entrata da Desenzano, come giustamente scritto sopra.
Era evidente all'epoca che per spedire dal LV nel regno d'Italia, mancando la convenzione, era piu' economico far arrivare la posta al piu' presto al di la' del confine. Poi le spese sarebbero state a carico del destinatario e comunque non molto elevate (pari a venti centesimi di lira italiana pari a 8 soldi del Lombardo Veneto essendo il cambio a 2,5). Quanto poi all'ex territorio delle due Sicilie la monetazione rimase attiva per un periodo piu' lungo per consentire ai Savoia di drenare i ducati d'oro napoletani che contenevano una quantita' d'oro superiore al corrispettivo sardo che era con un titolo inferiore a 835 millesimi! Quindi il valore del ducato napoletano fu di quattro volte il valore della lira italiana anche se in titolo fino (quantita' d'oro) era ben superiore.

Ma torniamo alla busta:
quindi 20 centesimi equivalevano a 5 grana (un quarto).
Quindi il 5, secondo me, è la trasformazione dei 20 centesimi in corrispettivo in grana da richiedere al destinatario.

in pratica essendo la differenza reale fra le due monete di circa 1 grammo d'oro
(19 contro 18 grammi)
in quel 5 scritto rapidamente si nascondono 5 milligrammi d'oro passati allo stato sabaudo senza colpo ferire...come se fosse stato un normale ed equo cambio di valuta.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
ari
Amministratore
Messaggi: 1550
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:58
Località: Jerusalem, Israel

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da ari »

Complimenti a Fabio per la bella lettera.
In collezione, che ora non ho piu', penso di aver avuto una via di Ancona.
Mi pare affrancata per 20centesimi e poi tassata per 15.
L'avevo presa ad un'asta della filsam mi pare pero' mooolti anni fa, ed il mio interesse era rivolto al timbro 15 con una forma che non avevo mai visto.
Pero' sono passati molti anni e non conservo foto della lettera.

Pregunta: la via di Ancona quali porti usava ? Venezia ?
Avatar utente
Tergesteo
Messaggi: 6094
Iscritto il: 14 settembre 2009, 14:50
Località: Trieste

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Tergesteo »

Pregunta: la via di Ancona quali porti usava ? Venezia ?
La via di Ancona che poi proseguiva per Brindisi, Corfù, Zante, il Pireo, Salonicco finendo a Smirne partiva da Trieste.

Ne abbiamo lungamente discusso qui: viewtopic.php?f=29&t=39576&hilit=una+lu ... a&start=20

Da Venezia, nessuna nave con carichi postali salpava per la via adriatica, tranne il vapore per Trieste.

Ciao: Ciao:

Benjamin
Lombardo Veneto (filatelia, annulli e storia postale), Toscana filatelia e storia postale dell'antica provincia di Arezzo, colori della IVa di Sardegna, ed a livello filatelico tutti gli ASI
Lettonia,Lituania ed Estonia
Classici di Francia, Gran Bretagna e Russia
Israele, annulli turchi, Levante, mandato britannico, interim e dal 1948 a oggi

"Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Giordano Bruno
Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 564
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Fabio76 »

Neanche a farlo apposta oggi mi è arrivata questa lettera e visto che colleziono Ponte di Brenta la ritengo molto interessante: parte il 24/09/1852 affrancata per soli 15 centesimi ed è diretta a Napoli, per pochi giorni rientra ancora nella vecchia convenzione del 1818 fra il Regno Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli/Sicilia, quindi essendo un primo porto (o secondo ??) austriaco-un foglio borbonico, per via di terra doveva costare 30 centesimi al mittente fino al confine e 10 grana al destinatario per il percorso Stato Pontificio-Regno di Napoli, ma non capisco i 60 segnati sotto Frontiere.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano,Ponte di Brenta)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Colleziono annulli Austriaci LV su francobolli Italiani periodo 1866-1879

fabioc76@alice.it
Avatar utente
fildoc
Messaggi: 10346
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da fildoc »

da ponte di brenta al confine di pontelagoscuro sono 65 km quindi sono corretti 15 centesimi come primo porto (17 grammi) per il mittente

60 non li capisco

Rev LB Oct 2021
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc
Avatar utente
Berni17
Messaggi: 74
Iscritto il: 15 dicembre 2020, 21:28

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da Berni17 »

In order to better understand the postal charges to the Kingdom of both Sicilies, I found a post from the year 2020 of the Vindobona-Club Wien by Mr. Feichtinger.

The article is in German but I think it is helpful.

I have now found another letter sent from Naples to Trento.
Austria - Naples.png
Best regards
Bernhard
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
gipos
Messaggi: 1110
Iscritto il: 12 luglio 2010, 13:37

Re: Tariffe, affrancature e tassazioni nella posta tra il Lombardo Veneto ed il Regno di Napoli

Messaggio da gipos »

Ciao: a tutti, piccolo mio contributo per la discussione, spero vi sia utile!
Giuseppe
Ciao:
IMG-20230104-WA0011.jpg
IMG-20230104-WA0011.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Rispondi

Torna a “Antichi Stati Italiani”

SOSTIENI IL FORUM