Oggi è 23 settembre 2019, 17:18

Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Siccardi

Forum di discussione generale sugli annulli usati negli uffici postali italiani e non...
Rispondi
Avatar utente
Lucky Boldrini
Messaggi: 2609
Iscritto il: 2 agosto 2007, 14:27
Località: Livorno

Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Siccardi

Messaggio da Lucky Boldrini » 27 luglio 2010, 10:00

Ciao a tutti,

come anticipato in precedenza in altro Topic nel quale ricordiamo il nostro amico Franco Siccardi, scomparso improvvisamente in questo stesso giorno di tre anni fa, ho piacere di ripubblicare un suo intervento apparso sul nostro vecchio Forum il 6 novembre 2006, con il quale Franco ci chiarì la sua opinione in materia di "annulli di favore", opinione che fece scuola e fu fatta propria da molti di noi di F&F già presenti sul Forum all'epoca.

Buona lettura!

Il 6 novembre 2006 Franco Siccardi ha scritto:

GLI ANNULLI DI FAVORE NON ESISTONO

Il titolo e' volutamente provocatorio, ed il perche' sara' spiegato alla fine di questo lungo post.

Tutta questa discussione sugli ombelichi degli angeli era gia' stata proposta sul forum tempo fa, e probabilmente lo sarà ancora in futuro.

E' tipica del collezionismo italiano moderno, fanaticamente legato al nuovo-centratissimo-mai-linguellato-gomma-extravergine-come-quando-e'-uscito-dal-poligrafico, od alla storia postale, dove chi colleziona usati viene guardato dall'alto in basso, come un poveraccio. Ed e' basata su di un equivoco, alimentato dai venditori truffaldini di materiale pseudo usato, che denominano "di favore" annulli spudoratamente falsi.

Non e' assolutamente cosi' nel resto del mondo, e non era assolutamente cosi' in Italia sino a pochissimi anni fa.

Iniziamo dalle definizioni, fondamentali.

Per chi colleziona nuovo, i francobolli "non taroccati" si presentano in questi stati:

- Nuovo illinguellato
- Nuovo linguellato
- Nuovo senza gomma

Gli altri (i rigommati) sono dei FALSI. Dopo lavati, diventano dei senza gomma, ed hanno quindi il valore dei senza gomma.

Per chi colleziona francobolli usati, i francobolli possono presentarsi:

- Con annullo originale, in periodo (ed in alcuni casi, anche localita') di validita'
- Con annullo postumo

Gli altri (quelli con annullo falso) sono dei FALSI e basta. E non valgono neppure una cicca americana masticata, in quanto il timbro falso non si puo' lavar via come la gomma.

Vediamo ora le due categorie degli usati.

Tra i francobolli con annullo originale in periodo di validita' vanno classificati anche queli con il cosiddetto "annullo di favore", fatto apporre dai collezionisti per avere un annullo CERTAMENTE BUONO E CHIARAMENTE LEGGIBILE. Questa pratica era in uso in periodo di Regno, quando nessuno o quasi collezionava nuovi o storia postale, ed i valori piu' alti delle serie erano difficili da reperire staccandoli dalle lettere.
Lo stesso accadeva (ed ancora accade) in tutta l'area del collezionismo anglosassone, dove per i classici venivano utilizzati timbri a barre derurpanti, ed i collezionisti che volevano avere nell'album francobolli e non macchie di inchiostro facevano e fanno annullare apposta (CTO, Cancelled To Order) i francobolli con il meno invasivo annullo a data (CDS, Circular Date Stamp).
Questi francobolli, sicuramente non viaggiati, valgono, a seconda del francobollo, sino a 10 volte di piu' del francobollo "viaggiato" ma con annullo a barre. Ed ancor oggi, chi colleziona usati - e sono molti - cerca annulli CDS, infischiandosene se il francobollo ha viaggiato o no. Chi lo puo' stabilire???? Il valore del francobollo usato, per quell'area, dipende solo dalla chiarezza dell'annullo, e dal fatto che non deturpi il francobollo.

Vediamo ora gli annulli postumi. Per il 90% dei francobolli, detti annulli sono esattamente come quelli falsi: delle macchie di inchiostro apposte sui franconbolli per frodare i collezionisti. Ma esistono delle eccezioni: ad esempio, molti francobolli degli anni 60, acquistati in grande quantita' dai cosiddetti "fogliaroli", si sono ritrovati negli anni 70 ad essere svenduti al sottosottosottofacciale.... E, specie gli alti valori, sono stati utilizzati in frode postale, per cui in questo caso non si tratta di un timbro per frodare i collezionisti. Non sono in grado di dire se tale utilizzo sia o meno piu' raro di quello in periodo di validita'; ma detti francobolli hanno il diritto di rimanere in collezione anche con annullo postumo. Lo stesso dicasi per i valori di Regno usati nel 45/46, dopo la loro messa fuori corso.

Se leggete bene, nessuno dei cataloghi più diffusi in Italia nomina MAI gli annulli di favore. Semplicemente perche'..... non esistono, in quanto non differenziabili in alcun modo da un annullo apposto su di un francobollo che era su di una busta viaggiata!!!

Quindi, se volete collezionare storia postale, collezionate buste, o frontespizi, o frammenti. Se volete collezionare francobolli usati, collezionate francobolli con annullo leggibile in data di validita', e non deturpante. Chi puo' dire se un francobollo con un tale annullo abbia viaggiato o no? Nessuno.

Conclusione: gli annulli di favore NON ESISTONO, in quanto nessuno e' in grado di distinguerli dagli annulli dei francobolli realmente viaggiati.


Franco Siccardi
Dal vecchio Forum di F&F
6 novembre 2006



Ciao:

Luca


P.S.
Ciao Franco :-)

A nome di tutto lo staff di F&F
Luca
27 luglio 2010
S T A F F

Luca Boldrini (ex Luckystr1ke) - Livorno

Immagine
Immagine Collezione base della Repubblica Italiana, nuova, servizi inclusi, varietà escluse


Avatar utente
prefil
Messaggi: 1953
Iscritto il: 13 luglio 2007, 14:39
Località: Peveragno (CN)

Re: Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Sicca

Messaggio da prefil » 27 luglio 2010, 12:48

Grazie Luca del contributo: condivido la tesi che si era fatto Franco.

Ciao: Franco

Ciao: Ciao:
Luca
Luca L.

Emilio Diena: «prima i libri poi i francobolli e dopo le lettere».

Presidente dell'Associazione Italiana di Storia Postale www.aisp1966.it, Consigliere FSFI con delega a manifestazioni e giurie.

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2145
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Sicca

Messaggio da maupoz » 28 luglio 2010, 23:08

Tra i francobolli con annullo originale in periodo di validita' vanno classificati anche queli con il cosiddetto "annullo di favore", fatto apporre dai collezionisti per avere un annullo CERTAMENTE BUONO E CHIARAMENTE LEGGIBILE

salve a tutti,
PRIMO INTERVENTO SUL FORUM (spero di riuscire a spedirlo)
:-)) dopo mesi e mesi di dubbi, scoramenti e patemi finalmente un pò di conforto...... un annullo certamente buono e chiaramente leggibile ..... è quello che ho sempre cercato, ma mi sentivo in colpa per via .... dell'annullo di favore.
In effetti tra una macchia indistinta di inchiostro ed un buon timbro leggibile, preferisco quest'ultimo.
... grazie a chi l'ha postato (e naturalmente a chi l'ha scritto ...........6 novembre 2006!!!!!!).
Aspettando la reazione (costruttiva).... dei puristi!!!!!!!!!
Vi ringrazio tutti, da quando seguo il forum..... mi sono reso conto di quante fregature ho preso !!!!!!!!!
Lo "scotto" del principiante.
Sui De La Rue ho cercato di raccogliere gli interventi del forum (nuovo, a quanto ho capito) ..... sono arrivato a più di 200 pagine.
Cordialmente.
Maurizio - Milano
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
Paolo Angelini (paoloang)
Messaggi: 895
Iscritto il: 13 luglio 2007, 11:54

Re: Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Sicca

Messaggio da Paolo Angelini (paoloang) » 29 luglio 2010, 12:54

Parole Sante !!!
Personalmente ho sempre condiviso la tesi del nostro compianto Franco ed ecco il motivo per il quale la mia collezione di regno usato è, per quanto mi è possibile (dati i prezzi), su busta viaggiata.
Se però volessi collezionare l'usato mi atterrei a quanto aveva scritto!

Grazie per aver ricordato questo intervento!
:clap: :clap:
Paolo Angelini

Colleziono Annulli a targhetta VISITATE L'ITALIA

Avatar utente
giampi
Messaggi: 1010
Iscritto il: 23 agosto 2009, 10:15
Località: Capranica (Vt)

Re: Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Sicca

Messaggio da giampi » 29 luglio 2010, 13:11

Voglio pero' porvi un quesito. Vi sono fb con annulli di favore (consentitemelo di dirlo almeno per una ultima volta) cioe' originali ma apposti a fb con gomma, in quanto collezionisti dell'epoca li hanno fatti annullare ai corrispondenti uffici postali (per aumentarne il valore? Come segno di autenticita?) Ora quale deve essere il nostro atteggiamento verso questi fb. Sono annullati autentici e con gomma. Dobbiamo furbescamente lavare via la gomma, se esiste un atteggiamento di prevenzione verso di essi o possono essere quotati come usati a tutti gli effetti? :mmm: :mmm:
Ciao: Ciao:
Giampiero

Colleziono ASI, Regno, Colonie, Occupazioni, prevalentemente usati, la mia passione e' comprenderne l'autenticità'. Mi interessa poter classificare i colori dei francobolli (es. Pontificio, Sardegna) con metodi più' oggettivi.


Avatar utente
arrgianf
Messaggi: 555
Iscritto il: 26 agosto 2008, 18:27
Località: ragusa

Re: Annulli di favore? Non esistono! Ricordo di Franco Sicca

Messaggio da arrgianf » 30 luglio 2010, 16:14

giampi ha scritto:Voglio pero' porvi un quesito. Vi sono fb con annulli di favore (consentitemelo di dirlo almeno per una ultima volta) cioe' originali ma apposti a fb con gomma, in quanto collezionisti dell'epoca li hanno fatti annullare ai corrispondenti uffici postali (per aumentarne il valore? Come segno di autenticita?) Ora quale deve essere il nostro atteggiamento verso questi fb. Sono annullati autentici e con gomma. Dobbiamo furbescamente lavare via la gomma, se esiste un atteggiamento di prevenzione verso di essi o possono essere quotati come usati a tutti gli effetti? :mmm: :mmm:
Ciao: Ciao:


Interessantissimo l'intervento di Franco che ha quotato Lucky; ma appunto quello che dice Giampi va considerato anche! Mi trovo tantissimi francobolli timbrati di favore come annullo primo giorno d'emissione anche apposti su busta.
Come considerarli? Chiedendo parere a diversi utenti, ne deriva che ognuno ha la sua "teoria"....
chi li considera "di meno valore dell'originale usato" e chi direttamente "senza gomma".
Non va dimenticato inoltre che in passato si andava a farseli timbrare alla posta come questi:
http://collezionihobby.blogspot.com/200 ... desca.html
a me gli annulli di favore piacciono come gli usati.

Revised by Lucky Boldrini - July 2011
mio blog filatelico: http://culturafilatelica.blogspot.it/

nei link mio libro: Alla ricerca del sapere perduto e mio libro: Alieni. La Seconda Venuta

SOSTENITORE

colleziono francobolli con difetti occasionali, varietà filateliche e francobolli di area italiana.


Rispondi

Torna a “Annullamenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: somalafis e 0 ospiti


Sostieni il forum: