In navigazione sul Danubio – D.D.S.G. e altre compagnie

La D.D.S.G. ottenne dall'impero austro-ungarico il diritto di trasportare posta lungo il Danubio, purché quella imperiale fosse portata gratuitamente.

Le agenzie lungo il Danubio raccoglievano passeggeri, pacchi, bagagli ma anche posta privata che veniva affrancata con dei bolli particolari da 17 corone in rosso, e successivamente da 10 corone in verde ed in rosa.

I servizi della compagnia durarono dal 1829 a fine secolo. Ma fu nel 1866 che apparvero i primi francobolli che cessarono nel 1880 con la chiusura del servizio postale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Valore emesso dalla D.D.S.G. (Donau Dampfschiffahrt Gesellschaft), società danubiana di navigazione operante con battelli a vapore.
Il valore, per la precisione, rappresente una marca per “controllo spedizione bagaglio” fra i porti di Silistria ed Ostrov-Kalaras.

 

I servizi della compagnia si estendevano ben oltre i confini dell’attuale Austria e passavano dalla Romania sino all’attuale Turchia.
Oltre i francobolli per lettera la compagnia emise una serie di altri adesivi che servivano a pagare altri tipi di servizi: dall’assicurazione sino al controllo del bagaglio. Le diverse iscrizioni indicavano anche la zona geografica di utilizzo.
Nella seguente immagine vediamo, da sinsitra:
– un bollo per “biglietto di cabina” in uso in Austria (ce ne erano altri per l’uso in Ungheria);
– un bollo per “trasporto pacchi” in uso dal 1884 in Austria;
– un bollo per “trasporto pacchi” in uso dal 1884 in Ungheria (ce ne erano altri per uso in Turchia);
– un bollo del 1892 per “assicurazione bagaglio”.

Molto belli per la varia colorazione ed il grosso formato sono i bolli per controllo bagaglio. Essi riportano i nomi dei porti di partenza e arrivo nonché quelli di transito ed esistono per entrambe le direzioni. Da sinistra:
– in alto a sinistra: Braila – Galaz
– in alto a destra: Ostrov-Kalaras – Silistria
– in basso a sinistra: Kalaras-Ostrov – Silistria
– in basso a destra: Galaz – Braila

 

Analoghi servizi erano svolti da altre compagnie di navigazione. Qui di seguito un francobollo per il servizio postale valido su un altro percorso del Danubio e dell’Elba superiore. 

 

 

 

 

 

Un accenno, infine, alla Leitmeritz, società emittente di francobolli come il seguente: 

 

 

 

La società esercitava l’attività di “corriere”, trasportava pacchi, corrispondenza e merci sul Danubio.
Il titolare, di nazionalità Boema, non era abilitato ufficialmente come la D.D.S.G. o altri similari. Probabilmente, come si usava un tempo, adoperava i francobolli con diversi colori (del bollo ottagonale esistono oltre 10 versioni differenti) per distinguere i tipi di oggetti trasportati, oppure per segnalare, ad esempio “fragile”, “alto”, ecc.
Ricordiamo che le lingue parlate nell’impero erano innumerevoli, e l’immediato riconoscimento del bollo in virtù del suo colore agevolava senz’altro il personale della Leitmeritz, tra il quale vi erano senza dubbio degli analfabeti.
Con ogni probabilità i valori emessi non sono mai stati usati per affrancare corrispondenza, ma solo quale attestazione di “tassa pagata”.”

Dal Forum di F&F (Ottobre 2004).
Contributi di Daniele e fabiov. Elaborazione testo Luca Boldrini

Giovanni Piccione 135 Articoli
Creatore, nel 1999, del sito Filatelia e Francobolli. Da subito ha accarezzato l'idea di creare una community di collezionisti filatelici on line e dopo varie piattaforme ed aggiustamenti fonda, nel 2002, il Forum di Filatelia e Francobolli, il primo Forum Filatelico italiano. Nel 2006 nasce, dal Forum, FilateliCa oggi l'unico Congresso Filatelico CULTURALE e non commerciale in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento