Oggi è 14 dicembre 2019, 16:07

Corrispondenza per Espresso

Avatar utente
rogerbarrett
Messaggi: 255
Iscritto il: 15 settembre 2014, 15:03
Località: francavilla al mare (ch)
Contatta:

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da rogerbarrett » 2 dicembre 2014, 17:32

maurizio49 ha scritto:
somalafis ha scritto:La ''raccomandazione d'ufficio'' era stata prevista fin dalle istruzioni postali del 1862 (quando le raccomandate si chiamavano ''assicurate''): oltre ad oggetti attinenti alle comunicazioni fra uffici e branche dell'amministrazione postale, riguardava fondamentalmente l'ipotesi che all'interno del plico si trovassero valori ed era quindi prevista la tassazione a destino. Il differente caso previsto dal regolamento che ci e' stato mostrato (quello di lettere gettate in buca ma affrancate come raccomandate) e' un caso veramente inconsueto ed eccezionale perche' e' ovvio che i mittenti vogliano avere una ricevuta ed essere sicuri che le poste seguiranno obbligatoriamente le procedure speciali per gli oggetti raccomandati. Questo caso infatti non era nemmeno contemplato dalle istruzioni del 1862. Comunque grazie di averci mostrato il testo, che e' sicuramente utile.


A me resta sempre il dubbio che trattasi di una busta, "costruita", non viaggiata per posta e fatta timbrare sia in partenza che in arrivo dal proprietario della busta, potendo contare su operatori postali compiacenti.
Ciao: :-))
Maurizio

Aspetta Maurizo49: non vorrei ti fossi confuso.
In coda al post si continuava a discutere non del GNR, ma dell'effettiva necessità regolamentare che le raccomandate non potevano essere inserite nella comune buca delle lettere, ma che dovevano essere presentate in ufficio postale. Il riferimento più precisamente è all'oggetto che avevo postato io (brutto e non filatelico) e non alla lettera tanto preziosa quanto filatelica che aveva postato originariamente Andy66.


Avatar utente
andy66
Messaggi: 1399
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da andy66 » 2 dicembre 2014, 21:13

maurizio49 ha scritto:
somalafis ha scritto:La ''raccomandazione d'ufficio'' era stata prevista fin dalle istruzioni postali del 1862 (quando le raccomandate si chiamavano ''assicurate''): oltre ad oggetti attinenti alle comunicazioni fra uffici e branche dell'amministrazione postale, riguardava fondamentalmente l'ipotesi che all'interno del plico si trovassero valori ed era quindi prevista la tassazione a destino. Il differente caso previsto dal regolamento che ci e' stato mostrato (quello di lettere gettate in buca ma affrancate come raccomandate) e' un caso veramente inconsueto ed eccezionale perche' e' ovvio che i mittenti vogliano avere una ricevuta ed essere sicuri che le poste seguiranno obbligatoriamente le procedure speciali per gli oggetti raccomandati. Questo caso infatti non era nemmeno contemplato dalle istruzioni del 1862. Comunque grazie di averci mostrato il testo, che e' sicuramente utile.


A me resta sempre il dubbio che trattasi di una busta, "costruita", non viaggiata per posta e fatta timbrare sia in partenza che in arrivo dal proprietario della busta, potendo contare su operatori postali compiacenti.
Ciao: :-))
Maurizio


Ciao,
ho appena saputo dal proprietario che c'è un'ulteriore sorpresa riguardo alla busta GNR. Infatti è completa di testo!
Vedrò di farmi mandare lo scan anche di questo...più di così...

Ciao:
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato

Avatar utente
Erik
Messaggi: 1727
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:42
Località: Fabriano
Contatta:

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da Erik » 2 dicembre 2014, 21:19

somalafis ha scritto:Il differente caso previsto dal regolamento che ci e' stato mostrato (quello di lettere gettate in buca ma affrancate come raccomandate) e' un caso veramente inconsueto ed eccezionale perche' e' ovvio che i mittenti vogliano avere una ricevuta ed essere sicuri che le poste seguiranno obbligatoriamente le procedure speciali per gli oggetti raccomandati. Questo caso infatti non era nemmeno contemplato dalle istruzioni del 1862. Comunque grazie di averci mostrato il testo, che e' sicuramente utile.

Ciao,
l'esempio che porto è di tutt'altro periodo rispetto a quello di cui stiamo parlando, spero che non lo consideriate troppo fuori tema.
Nella mia collezione ho un esempio di corrispondenza gettata in buca (manoscritto: "Dalla Buca di Venezia") con l'affrancatura di una raccomandata e trattata come tale dall'ufficio ambulante che l'ha prelevata (peraltro l'unica maniera, oltre a quella delle raccomandate d'ufficio, di avere una raccomandata da un ufficio ambulante, che non svolgeva il servizio al pubblico):

81.jpg


Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
S T A F F

Enrico Carsetti
---

Sul (vecchio) Forum dal 6 dicembre 2003

Guarda le mie vendite su ebay
o sulla mia nuova pagina facebook "Collezionando"

"Chi condivide con gli altri le proprie passioni viene trasportato in una vita incantata di felicità interiore che gli egoisti non conosceranno mai." (Richard Bach)

Avatar utente
maurizio49
Messaggi: 262
Iscritto il: 13 luglio 2007, 12:43
Località: Roma

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da maurizio49 » 3 dicembre 2014, 14:17

rogerbarrett ha scritto:
maurizio49 ha scritto:
somalafis ha scritto:La ''raccomandazione d'ufficio'' era stata prevista fin dalle istruzioni postali del 1862 (quando le raccomandate si chiamavano ''assicurate''): oltre ad oggetti attinenti alle comunicazioni fra uffici e branche dell'amministrazione postale, riguardava fondamentalmente l'ipotesi che all'interno del plico si trovassero valori ed era quindi prevista la tassazione a destino. Il differente caso previsto dal regolamento che ci e' stato mostrato (quello di lettere gettate in buca ma affrancate come raccomandate) e' un caso veramente inconsueto ed eccezionale perche' e' ovvio che i mittenti vogliano avere una ricevuta ed essere sicuri che le poste seguiranno obbligatoriamente le procedure speciali per gli oggetti raccomandati. Questo caso infatti non era nemmeno contemplato dalle istruzioni del 1862. Comunque grazie di averci mostrato il testo, che e' sicuramente utile.


A me resta sempre il dubbio che trattasi di una busta, "costruita", non viaggiata per posta e fatta timbrare sia in partenza che in arrivo dal proprietario della busta, potendo contare su operatori postali compiacenti.
Ciao: :-))
Maurizio

Aspetta Maurizo49: non vorrei ti fossi confuso.
In coda al post si continuava a discutere non del GNR, ma dell'effettiva necessità regolamentare che le raccomandate non potevano essere inserite nella comune buca delle lettere, ma che dovevano essere presentate in ufficio postale. Il riferimento più precisamente è all'oggetto che avevo postato io (brutto e non filatelico) e non alla lettera tanto preziosa quanto filatelica che aveva postato originariamente Andy66.

Infatti, il sospetto mi era venuto subito dopo l'invio del post ma non sapevo come cancellarlo.
Ciao: :-))
Maurizio
Colleziono Repubblica e Regno usati : francobolli, frammenti,buste (annulli originali).
Colleziono e studio GNR nuovi ed usati (annulli originali) e fascetti
Mi interessa la storia postale del periodo 1943-1946 ma con un legame indissolubile al francobollo

Avatar utente
maurizio49
Messaggi: 262
Iscritto il: 13 luglio 2007, 12:43
Località: Roma

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da maurizio49 » 3 dicembre 2014, 14:20

andy66 ha scritto:
maurizio49 ha scritto:
somalafis ha scritto:La ''raccomandazione d'ufficio'' era stata prevista fin dalle istruzioni postali del 1862 (quando le raccomandate si chiamavano ''assicurate''): oltre ad oggetti attinenti alle comunicazioni fra uffici e branche dell'amministrazione postale, riguardava fondamentalmente l'ipotesi che all'interno del plico si trovassero valori ed era quindi prevista la tassazione a destino. Il differente caso previsto dal regolamento che ci e' stato mostrato (quello di lettere gettate in buca ma affrancate come raccomandate) e' un caso veramente inconsueto ed eccezionale perche' e' ovvio che i mittenti vogliano avere una ricevuta ed essere sicuri che le poste seguiranno obbligatoriamente le procedure speciali per gli oggetti raccomandati. Questo caso infatti non era nemmeno contemplato dalle istruzioni del 1862. Comunque grazie di averci mostrato il testo, che e' sicuramente utile.


A me resta sempre il dubbio che trattasi di una busta, "costruita", non viaggiata per posta e fatta timbrare sia in partenza che in arrivo dal proprietario della busta, potendo contare su operatori postali compiacenti.
Ciao: :-))
Maurizio


Ciao,
ho appena saputo dal proprietario che c'è un'ulteriore sorpresa riguardo alla busta GNR. Infatti è completa di testo!
Vedrò di farmi mandare lo scan anche di questo...più di così...

Ciao:

Ciao, comunque anche la presenza del testo non cancella i miei dubbi.
Ciao: :-))
Maurizio
Colleziono Repubblica e Regno usati : francobolli, frammenti,buste (annulli originali).
Colleziono e studio GNR nuovi ed usati (annulli originali) e fascetti
Mi interessa la storia postale del periodo 1943-1946 ma con un legame indissolubile al francobollo


Avatar utente
andy66
Messaggi: 1399
Iscritto il: 3 dicembre 2010, 22:28
Località: chiusaforte ud
Contatta:

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da andy66 » 4 dicembre 2014, 21:52

Per completezza dell'argomento posto anche il testo contenuto all'interno della lettera, dal quale si può desumere l'origine filatelica (non l'avevamo capito :-)) ) e si comprende che il filatelista è il destinatario e non il mittente.
Sul fatto che la lettera abbia viaggiato o meno, ognuno tragga le proprie conclusioni...


Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Andy66

SOCIO SOSTENITORE

Cerco cartoline di tutte le epoche del Comune di Chiusaforte UD (e sue frazioni)

Colleziono Regno, Repubblica, S.Marino e Francia


Proteggiamo quello che conosciamo
Conosciamo solo ciò che riusciamo a comprendere
Comprendiamo unicamente quello che abbiamo imparato

Avatar utente
maurizio49
Messaggi: 262
Iscritto il: 13 luglio 2007, 12:43
Località: Roma

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da maurizio49 » 5 dicembre 2014, 11:44

andy66 ha scritto:Per completezza dell'argomento posto anche il testo contenuto all'interno della lettera, dal quale si può desumere l'origine filatelica (non l'avevamo capito :-)) ) e si comprende che il filatelista è il destinatario e non il mittente.
Sul fatto che la lettera abbia viaggiato o meno, ognuno tragga le proprie conclusioni...


Ciao:


Ciao, finalmente la conferma :-)) .
Il fatto che abbia viaggiato nelle tasche del mittente ( in fondo i due paesi distano appena 2,5 km) oppure che sia stato il destinatario (collezionista di francobolli) una volta giunta a destinazione o magari allertando in anticipo l'amico l'impiegato postale a farsi apporre due annulli precisi nitidi (da manuale), nulla aggiunge o toglie. Diciamo trattasi di lettera "pilotata" ma con una bellissima affrancatura che per un collezionista di francobolli usati, come me, risulta poi essere la cosa più importante.

Ciao: :-))

Maurizio
Colleziono Repubblica e Regno usati : francobolli, frammenti,buste (annulli originali).
Colleziono e studio GNR nuovi ed usati (annulli originali) e fascetti
Mi interessa la storia postale del periodo 1943-1946 ma con un legame indissolubile al francobollo

Avatar utente
rogerbarrett
Messaggi: 255
Iscritto il: 15 settembre 2014, 15:03
Località: francavilla al mare (ch)
Contatta:

Re: Lettera raccomandata GNR

Messaggio da rogerbarrett » 5 dicembre 2014, 15:30

Questo è lo spirito ed il fine di ogni raccolta: la soddisfazione di chi la costruisce! :clap: :-) Ciao:

Revised by Lucky Boldrini - October 2016


Rispondi

Torna a “RSI Storia Postale - Note storiche, diffusione, tirature e tariffe”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: