I quesiti di F&F - I trittici del Volo di Ritorno

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno d'Italia e del periodo di luogotenenza.

Moderatori: Stefano T, Alex

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

I quesiti di F&F - I trittici del Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

Domanda molto intrigante che richiede una risposta precisa e difficile che solo i più esperti sapranno dare.
Come (quasi) tutti sanno, l'intero quantitativo dei 500 trittici con la soprastampa VOLO DI RITORNO (cfr. http://www.italianstamps.it/jsite/pdf/R ... _AEREA.pdf)
sono passati sotto la lente del dott. Giulio Bolaffi che li firmò tutti, munendoli anche del suo certificato fotografico.
E' uno dei francobolli più rari della collezione del Regno d'Italia e, come tale, viene sempre ricercato dalla Bolaffi.
La ditta torinese, però, acquista solo quei trittici che sono ancora corredati del certificato originario del dott. Bolaffi, anche se - ripeto - tutti quelli con firma originale sono sicuramente autentici.
Perchè?
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
dogri
Messaggi: 936
Iscritto il: 29 maggio 2011, 9:18
Località: Sanremo
Contatta:

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da dogri »

Non sono certo un esperto, anzi, ma ci voglio provare lo stesso.

Forse perchè, essendo stati tutti muniti di certificato, lo stesso viene considerato come una sorta di "appendice" al trittico stesso.
Colleziono collezioni incomplete: per ogni francobollo che aggiungo ne escono altri 4.
Negozio Delcampe

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

:not: :not:
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

phil
Messaggi: 21
Iscritto il: 22 aprile 2012, 16:34

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da phil »

Paura di "panini"?

Avatar utente
Giuseppe Ghetti
Messaggi: 423
Iscritto il: 13 luglio 2007, 7:40
Località: Modena

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Giuseppe Ghetti »

Perchè non ne vuole acquistare troppi? Solo il minimo quantitavio necessario a sostenere il prezzo di quelli che vende?
Non amo questo "francobollo".
Ciao: Ciao:
Giuseppe Ghetti - Via Sgarzeria 30 - 41121 Modena - Francobolli di Cecoslovacchia ed area.
Cerco sempre francobolli di Austria e Ungheria usati in Cecoslovacchia prima del 1918, nei quali la località d'uso sia chiaramente individuabile.
Immagine

andrea.marini
Messaggi: 1174
Iscritto il: 16 febbraio 2010, 19:12
Località: Osimo (AN)

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da andrea.marini »

Per via della filigrana lettere (dei quali ne esistono solo 3 pezzi)?

Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea
Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea

*******************

FILATELIA POLARE (BAT, AAT, TAAF, ROSS, FALKLAND ISLAND DEPENDENCIES, SOUTH GEORGIA & SOUTH SANDWICH ISLANDS - BASI ANTARTICHE E SPEDIZIONI POLARI
Svezia, Norvegia, Germania (Bund post WWII, DDR, Berlino)

Vuoi essere grande? Comincia con l'essere piccolo
(S. Agostino)



SOSTENITORE

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

phil ha scritto:Paura di "panini"?


:not: :not: :not:
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

ilsergente ha scritto:Perchè non ne vuole acquistare troppi? Solo il minimo quantitavio necessario a sostenere il prezzo di quelli che vende?
Non amo questo "francobollo".
Ciao: Ciao:


:not: :not: :not:
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

andrea.marini ha scritto:Per via della filigrana lettere (dei quali ne esistono solo 3 pezzi)?

Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea



:not: :not: :not:
Avevo premesso che la risposta è davvero difficile; o uno è ben informato oppure è impossibile arrivarci per tentativi ed ipotesi.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
johnnyVI
Messaggi: 1018
Iscritto il: 10 agosto 2008, 10:29
Località: Bassano del Grappa (VI)

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da johnnyVI »

Ne esistono 500 tutti certificati Bolaffi, ma ho sentito che ne circolano un migliaio più o meno, non sono mica tutti buoni. :not:
John. Ciao:

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

:not: :not: :not: :not:
Quelli con firma originale Giulio Bolaffi sono sicuramente tutti OK.
L'avevo già scritto sopra.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
Demon
Messaggi: 218
Iscritto il: 30 settembre 2007, 18:26
Località: Como

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Demon »

Forse perché alcuni trittici sono stati certificati da "Dante Bolaffi"?

Ciao:
Roberto

Avatar utente
giampi
Messaggi: 1045
Iscritto il: 23 agosto 2009, 10:15
Località: Capranica (Vt)

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da giampi »

Antonello Cerruti ha scritto:
andrea.marini ha scritto:Per via della filigrana lettere (dei quali ne esistono solo 3 pezzi)?

Ciao: Ciao: Ciao:

Andrea



:not: :not: :not:
Avevo premesso che la risposta è davvero difficile; o uno è ben informato oppure è impossibile arrivarci per tentativi ed ipotesi.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti


Questa affermazione intimorisce un po'. Tuttavia una soluzione semplice tipo: quelli della Bolaffi non sono sicuri di riconoscere l'autenticita' della firma del loro antenato :-)) :-)). Oppure il certificato prestigioso vale quasi piu' del francobollo che dovrebbe essere ricertificato da persona meno prestigiosa :dub:
Giampiero

Colleziono ASI, Regno, Colonie, Occupazioni, prevalentemente usati, la mia passione e' comprenderne l'autenticità'. Mi interessa poter classificare i colori dei francobolli (es. Pontificio, Sardegna) con metodi più' oggettivi.

Avatar utente
Antonello Cerruti
Messaggi: 7897
Iscritto il: 16 luglio 2007, 12:45

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da Antonello Cerruti »

:not: :not: :not: :not:
Strano, pensavo che qualcuno conoscesse la soluzione e che non fosse così "segreta".
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Avatar utente
acqua48
Messaggi: 346
Iscritto il: 13 luglio 2007, 9:36
Località: Siracusa

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da acqua48 »

Perchè la ditta Bolaffi qualche anno fa ha avuto dei furti, fra i quali i voli di ritorno che forse non erano ancora muniti di apposito certificato. Pertanto, fermo restando che la mancanza di certificato non è indice di provenienza furtiva, per scelta aziendale non comprano francobolli privi del certificato.
Penso che la risposta più o meno sia questa.
Ciao:
Leonardo
Antichi Stati Italiani
Regno-Repubblica
Specializzazioni Repubblica
Storia postale

Avatar utente
valerio66vt
Messaggi: 5814
Iscritto il: 3 ottobre 2007, 19:36
Località: TARQUINIA VT

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da valerio66vt »

acqua48 ha scritto:Perchè la ditta Bolaffi qualche anno fa ha avuto dei furti, fra i quali i voli di ritorno che forse non erano ancora muniti di apposito certificato. Pertanto, fermo restando che la mancanza di certificato non è indice di provenienza furtiva, per scelta aziendale non comprano francobolli privi del certificato.
Penso che la risposta più o meno sia questa.
Ciao:
Leonardo


Non so se hai indovinato ma è una soluzione intrigante!
:clap: :clap: :clap:

valerio

Avatar utente
scodello
Messaggi: 80
Iscritto il: 16 luglio 2007, 18:25
Contatta:

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da scodello »

Ciao a tutti,

i Voli di Ritorno con cert. Giulio Bolaffi, dovrebbero essere i più belli, perchè appunto selezionati direttamente da Giulio Bolaffi e venduti direttamente da lui.

Alcuni al momento dell'acquisto dell'intero lotto, sono stati ceduti a dei colleghi.

Ce ne sono pochissimi che non recano la firma di Giulio Bolaffi e ce ne sono alcuni che ne hanno due, apposte in epoche diverse, una nella posizione classisa in basso a sinistra e una di traverso, sull'altro lato, più antica.

Ci sono dei certificati Giulio Bolaffi anche del 1935.

Non conosco altre motivazioni.

Alberto

Avatar utente
francesco luraschi
Messaggi: 2265
Iscritto il: 14 luglio 2007, 18:08
Località: Casnate (CO)

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da francesco luraschi »

E'stata fatta una tiratura supplementare oltre quella necessaria per coprire le spese del volo di ritorno ... :mmm:

Ciao: Francesco
I nostri articoli:

https://www.academia.edu/10877153/_News ... _1850-1866_

Cliccare su authors per leggerli tutti facendo scorrere la pagina verso il basso oppure iscriversi al sito http://www.academia.edu per scaricare il PDF.

Ciao: Francesco

Avatar utente
mikonap
Messaggi: 1183
Iscritto il: 6 ottobre 2007, 16:13
Località: Napoli

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da mikonap »

forse perchè appartengono tutti allo stesso foglio (4 quarti ?) e sono quindi molto simili per tonalità di colori e per posizione della dentellatura :??:

Ciao: michele
dedicato con affetto al grande mondo di variabilità costituito dagli ordinari - Michele

Avatar utente
bob
Messaggi: 110
Iscritto il: 13 luglio 2007, 9:29
Località: Prato

Re: I quesiti di F&F: il Volo di Ritorno

Messaggio da bob »

Antonello Cerruti ha scritto:La ditta torinese, però, acquista solo quei trittici che sono ancora corredati del certificato originario del dott. Bolaffi, anche se - ripeto - tutti quelli con firma originale sono sicuramente autentici.
Perchè?


Ciao Antonello, non so rispondere alla domanda, faccio solo qualche osservazione che forse potrebbe essere utile ad altri per trovare la soluzione.
Se tutti i trittici VDR in origine avevano firma e certificato ma Bolaffi riacquista solo quelli accompagnati dal certificato, il problema potrebbe essere nella condizione del trittico di essere "solo firmato".
A questo proposito mi vengono in mente due considerazioni:
1- forse i certificati originali contenevano qualche informazione (palese o sotto forma cifrata) che permetteva di individuare singolarmente il francobollo, e oggi Bolaffi vuole commerciare solo pezzi con pedigree esatto.
2- ho visto che alcuni trittici con bordo di foglio recano due distinte firme di Giulio Bolaffi, a volte sul francobollo la firma è per esteso e sulla bandella è abbreviata "GBolaffi"; forse il motivo per cui Giulio Bolaffi faceva dua firme distinte sullo stesso pezzo può dare un indizio sul perchè oggi la Bolaffi compri solo pezzi accompagnati anche dal certificato.
Spero di non aver scritto troppe sciocchezze...
Ciao:
roberto
Sostenitore del Forum

Rispondi

Torna a “Regno d'Italia e Luogotenenza”

SOSTIENI IL FORUM