Studio su tirature, vendite ed utilizzi dei francobolli DLR

Moderatori: Stefano T, Alex

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Riprendo con
questo che è la prima parte di un messaggio “anaconda” …. nel senso che va letto e, sperando che sia chiaro nel contenuto, riletto e “digerito” impiegandoci un po’ di tempo

perché questa domanda sulla distribuzione dei francobolli negli uffici postali?

In particolare, vorrei capirci di più sulla distribuzione del valore da 2 lire , perché è il valore con meno tirature e quindi teoricamente più semplice “da seguire”

Ci siamo scambiati delle opinioni con Costantino , lui è quasi certo che le attribuzioni delle tirature Londra - Torino siano per convenzione " a data", dopo che le tavole furono spedite a Torino li classificano tutti così non considerando le rimanenze.
Io ho detto che l'attribuzione, a volte, mi pare fatta a "testa o croce" in realtà spero che siano considerate , come minimo, le date, di consegna dei francobolli stampati dall’officina carte valori.

Come minimo perché tra consegna e distribuzione agli uffici postali sono tempi diversi, specialmente se si deve attendere l’esaurimento dei francobolli già in giacenza dell’ufficio (credo che non ne chiedessero di nuovi finché non erano quasi esauriti quelli già in dotazione)

D'altronde la certezza della tiratura di londra si ha solo con data anteriore, dopo c'è solo il giudizio del perito e credo che siano in pochi ad essere competenti nello specifico argomento.


Riprendo una mia vecchia rielaborazione dei francobolli della fornitura De La Rue al governo italiano (1863 e 1864) e delle vendite del triennio 1863-1865 in modo da cercare di verificare quanti francobolli stampati a Londra erano in vendita dal 1° gennaio 1866 (o 31 dicembre 1865), quindi questi, certamente della tiratura di Londra.
I numeri sono leggermente diversi da quelli indicati da Paolo che li ha tratti dal volume di Filanci, quelli della mia tabella sono presi dal trattato Zanaria-Serra e non comprendono i francobolli sovrastampati SAGGIO (in media 50.000 francobolli per ciascun valore)


non è compreso il valore da 15 centesimi in quanto stampato solo a Londra

emissioni vendite 63-65.JPG

e questa, specifica per il valore da 2 lire

2 lire consegne e vendite al 1871.jpg

Per ora mi fermo qui …. con due domande/considerazioni:

1 al 31.12.1865 erano in vendita circa 884.000 francobolli da 2 lire su 1.000.000 circa di consegnati dalla de La Rue, la media delle vendite 1864 – 1865 è di circa 50.000 francobolli per anno
Perché a Torino nel dicembre 1866 stamparono 1.100.000 francobolli da 2 lire?
Che fabbisogno pensavano necessario avendo ancora da vendere quasi tutti quelli di Londra?

2 se la logica era di distribuire i francobolli stampati a Torino dopo l’esaurimento di quelli stampati a Londra , quando iniziarono a distribuire i francobolli da 2 lire stampati da OCV nel dicembre 1866? (visto che al 31.12.1871 ce n’erano ancora il 40% dei precedenti)

Ma queste sono solo ipotesi statistiche …. probabilmente gli uffici delle principali città avevano dotazioni e consumi diversi dagli altri uffici postali e sarebbe interessante sapere quando ricevettero i nuovi francobolli stampati a Torino.

Di seguito riporterò le date degli annulli di valori 2 lire su alcune buste e le tirature attribuite.


Chi ha buste o frammenti con valori da 2 lire con data certa ed attribuzione Londra o Torino, le può pubblicare?

Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:

tanti sforzi e tanti ragionamenti e poi ....

..... vedo la bella collezione che Eric (Vacallo) ha presentato a New York qualche mese fa :clap: :clap:


.. :lente: :lente: :oo: :oo: :mmm: :mmm:


grazie ad Eric che mi consente di postare l'immagine (e che mi ha inviato gli ingrandimenti)


dunque .... dunque....

in data 3 giugno 1868 viene spedita da Firenze per Montevideo una busta affrancata con 4 valori da 2 lire tiratura di Torino

ma due giorni prima , 1 giugno 1868, dallo stesso ufficio (? ma credo proprio di sì) era stata spedita, sempre per Montevideo, una busta affrancata con 1 valore da 2 lire tiratura di Londra


salvo ulteriori verifiche , al momento abbiamo che al giugno 1868 l'ufficio postale di Firenze (capitale d'Italia e quindi presumo con grande traffico postale) aveva in dotazione, per il valore da 2 lire, sia francobolli della tiratura di Londra, sia della tiratura di Torino



098 - 2 lire Firenze 1868.jpg

2 Lire Firenze 1 e 3 giugno 1868 Er.jpg



qualche altra busta con valori da 2 lire annullati 1867 o 1868?

so che non è così facile, ma anche immagini che avete in archivio ....


tipo questa da Napoli a Montevideo del settembre 1868

..... peccato che non è specificata la tiratura dei 2 lire

asta dic 2014 busta 2 lire Montevideo + nota.JPG
io ne sto aspettando una spedita da Livorno (credo altro uffici postale .... trafficato) della fine del 1868


Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
enrico54
Messaggi: 453
Iscritto il: 28 aprile 2008, 12:21
Località: Napoli

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da enrico54 »

Ho questo frammento con una striscia di 4 del 2 Lire tiratura di Londra, sempre da Firenze, 1868.

Ciao:

Enrico Flaminio
_____________
Colleziono usi postali e fiscali dell'emissione De la Rue
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
termosifone92
Messaggi: 103
Iscritto il: 14 ottobre 2013, 21:23
Località: Bergamo

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da termosifone92 »

Ciao a tutti, provo a dare anch'io il mio contributo alla causa con le poche immagini che ho in archivio. Le immagini sono raccolte dal web - vado a memoria però - mi perdonino i proprietari attuali.

Nicola
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:

Ho messo in ordine di data le buste fino ad ora postate tranne alcune con data non leggibile

DLR è per la tiratura di Londra e OCV è per la tiratura di Torino

se scritte in nota DLR e OCV sono ricavate da quanto scritto sulle buste o sui cataloghi di vendita


2 lire buste nov 2016.jpg


ho aggiunto la busta da Chiavari (1871) che era in ultima asta Vaccari

Chiavari 16.05.71 DLR.jpg

Alcune note

c’è la busta con 2 lire annullo Firenze 7.9.1866 che è classificata della tiratura di Torino (both Turin Printing in good condition) ho messo nella nota la descrizione che era sul catalogo 2014 asta Harmers, sarebbe interessante capire come nel settembre 1866 potesse esserci un 2 lire della tiratura di Torino visto che l’OCV consegnò i primi valori del 2 lire nel dicembre 1866

curioso anche che già nell’agosto 1867 l’ufficio di S. Pier d’Arena (Genova) utilizzasse 2 lire della tiratura di Londra e che a Firenze, come già visto, il giorno 1 giugno 1868 usassero i DLR e due giorni dopo gli OCV

In compenso a Chiavari nel maggio 1871 affrancavano ancora con i 2 lire DLR

Certo che se in qualche pubblicazione delle poste fossero riportate le quantità dei francobolli consegnati ad ogni compartimento con le relative date di consegna , probabilmente le tirature si potrebbero attribuire con un po’ più di precisione

Una curiosità,
su alcuni cataloghi è riportata la classificazione del Sassone solo con i numeri , vedasi la busta di Bergamo bassa Sassone 17, 21 , 22 mentre altri cataloghi aggiungono anche, prima del numero, la lettera L o T , secondo l'attribuzione della tiratura, vedasi la busta di Firenze del settembre 1866, Sassone T20, T22.

Nel primo caso , cioè senza lettere davanti al numero di catalogo, significa che l'attribuzione non è certa?? o è solo un problema ... tipografico


Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
Alex
Messaggi: 802
Iscritto il: 13 luglio 2007, 17:58
Località: Lombardia - Lodi

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da Alex »

Ciao a tutti,
nella speranza che possa aiutare aggiungo questa tabella sui francobolli venduti che ho trovato.
Qui la cosa interessante è che permette di riconoscere alcuni francobolli con certezza.
Immagine1.jpg

Di seguito invece posto una seconda tabella, col confronto tra i venduti del 1863 e del 1864. Penso sia ancor più interessante.
Immagine 2.jpg
Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Cordiali saluti.

Alessandro Zeni

STAFF

Ricercatore postale interessato allo studio sui vari utilizzi degli annulli meccanici pubblicitari nel corso del Regno d'Italia.

Se un uomo ha fiducia nei suoi mezzi, la parola impossibile non esiste.

Ogni collezionista con una preparazione in grado di contestare, in modo preciso e circostanziato, un certificato peritale, ha una conoscenza tale per cui non ha bisogno di richiederlo.

L'importanza di una collezione è data dalla combinazione tra rarità, qualità e completezza dei suoi pezzi.
La collezione straordinaria si differenzia da quelle importanti perchè contiene quello che manca nelle altre ed è impossibile ripeterla uguale.

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:

riprendo per chiedere

se qualcuno ha immagini di affrancature con valori da 2 lire nel periodo luglio-dicembre 1866 dalle nuove province annesse del Veneto e del Friuli

da una collezione di Lorenzo Carra riprendo che i primi francobolli italiani (DLR) vennero utilizzati a Rovigo il 18 luglio 1866 mentre le città del quadrilatero (Mantova-Legnago-Peschiera e Verona) e Venezia iniziarono dal 16 e 17 ottobre 1866

mi chiedo

ma i nuovi uffici postali avevano anche in dotazione valori da 2 lire?

ce n'erano ancora "di scorta" di quelli dell'emissione del dicembre 1863 oppure questi erano già stati tutti distribuiti ai 2.800 circa uffici italiani già esistenti a tale data o magari anche ai nuovi dell'anno successivo 1864 ... o anche 1865 ......

visto che l'officina carte valori di Torino consegnò circa 1.000.000 di francobolli da 2 lire nel dicembre 1866 (e non credo che già nello stesso mese potessero essere già in vendita presso gli uffici postali ... vecchi o nuovi!)

e se qualcuno delle nuove province voleva affrancare con i 2 lire .... li trovava.... a Verona, a Venezia, a Mantova ??
o doveva procurarseli dagli uffici italiani che li avevano in dotazione dagli anni precedenti?
o affrancava con altri valori (60 centesimi....)

cosa ne sapete?
cosa ne pensate?

Ciao: Ciao:
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
Fabio76
Messaggi: 383
Iscritto il: 24 gennaio 2009, 18:10
Località: Mira (Ve)

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da Fabio76 »

Caro Maurizio, le tue domande sono molto pertinenti, ora ti dico come la penso io, secondo me tutti gli uffici del Veneto nel periodo che va dal luglio al dicembre 1866 non sono mai stati forniti del francobollo De la Rue da 2 Lire.
Su lettera non è mai stato rinvenuto nessun esemplare, si conoscono solo su 2 frammenti usati nel 1867 con annulli LV di Mantova e Verona e su francobollo sciolto con annullo Gemona, inoltre ne ho visti un paio su Fb sciolti con annulli di tipo c1 semplice di Venezia, Padova e Verona.
Sono sempre alla ricerca di Storia Postale della Riviera del Brenta(VE-PD) (Mira,Dolo,Strà,Mirano)

https://circolofilateliconoale.weebly.com/

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Fabio76 ha scritto:
2 aprile 2017, 0:30
Caro Maurizio, le tue domande sono molto pertinenti, ora ti dico come la penso io, secondo me tutti gli uffici del Veneto nel periodo che va dal luglio al dicembre 1866 non sono mai stati forniti del francobollo De la Rue da 2 Lire.
Su lettera non è mai stato rinvenuto nessun esemplare, si conoscono solo su 2 frammenti usati nel 1867 con annulli LV di Mantova e Verona e su francobollo sciolto con annullo Gemona, inoltre ne ho visti un paio su Fb sciolti con annulli di tipo c1 semplice di Venezia, Padova e Verona.
grazie Fabio per avere espresso il tuo parere

mi ero chiesto perchè l'officina carte valori di Torino nel dicembre 1866 consegnò 1.015.400 francobolli da 2 lire
(in realtà ne stampò 1.100.000 ma risulta che 84.600 vennero scartati ....... poco meno dell'8% !)

poi non ne stamparono più fino al 1874 quando ne consegnarono 7.400 .... miseri 37 fogli ... da 200 valori
(in realtà ne stamparono 12.600 ma risulta che 5.200 vennero scartati ....... e qui siamo al 41% del totale .... fuori da qualsiasi media .... chissà cosa era successo :mmm: :mmm: )

al primo quesito mi rispondo che ... appunto ... dovettero essere forniti (anche...) i nuovi uffici postali del Veneto e Friuli, tutti non credo ma i principali certamente

a proposito ..... qualcuno mi sa dire quanti erano gli uffici postali delle nuove province annesse ??...diciamo .... al 31.12.1866....... c'è anche un elenco? se mi dite dove .... me lo cerco! ;-) ;-)

NB
certo che la stampa del 2 lire che creò di problemi
per i nuovi sovrastampati ESTERO emessi il 1° gennaio 1874 l'officina consegnò nel 1873, 10.000 francobolli da 2 lire (quelli con gli angoli modificati) ma ne stampò 40.000 totali, 30.000 .... scartati (..... record .... 75% di scarti)

l'anno dopo , il 1874, tutto sistemato per i sovrastampati ESTERO da 2 lire consegnati 10.800 su 12.600 stampati ... solo 14% di scarto ma abbiamo visto prima .... scarto 41% per quelli "normali"

Ciao: Ciao:
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2183
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: quanti francobolli vennero distribuiti agli uffici postali?

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:

mi sono ricordato .... dell'archivio dell'Istituto di Studi Storici Postali di Prato .... sono anche associato.....:OOO:

Uffici postali nuove province 1866.JPG


aggiungo dai bollettini del 1867




Ciao:
Uffici postali nuove province 1867.JPG
Uffici postali nuove province 1867 (2).JPG


ci sono anche gli stipendi ....... speriamo non siano soggetti .... alla privacy....


Ciao: Ciao:

Revised by Lucky Boldrini - July 2018
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.

Rispondi

Torna a “I francobolli De la Rue”

SOSTIENI IL FORUM