noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Moderatori: Stefano T, Alex

Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:


scusate se ripropongo



nessuno mi sa tradurre “pinning marks correct” ? anche solo come traduzione letterale


Cherrystone tavola 85 nota.jpg



noterelle….


Il numero (in rettangolo) 85 la identifica come l’ottantacinquesima tavola realizzata

la nota che segue ci dice che è la dodicesima di questo valore (io aggiungo ma non spiego perché è un po’ complesso …che dovrebbe essere ….la dodicesima)

questa è una delle 5 tavole realizzate a Londra dalla De La Rue quale provvista straordinaria ordinata dal governo italiano; la nota ci dice che questa tavola è stata registrata (o realizzata?) il 19 marzo 1867.



20 c. Bigola _ tavole DLR e spedizioni 1867.jpg



noterella 1 la descrizione che accompagna la vendita indica una data del 3 giugno 1867




noterella 2 in alto a sinistra si legge il numero 78 …non so cosa significhi ….riporto solo che la prima delle 5 tavole realizzate a Londra è la numero 78 ….sarà un caso??




noterella 3 carattere generale

le ultime stampe (documentate) dei nuovi francobolli italiani fatte a Londra dalla De La Rue sono quelle del valore da 2 centesimi del periodo gennaio-marzo 1865

poi nel corso del 1865 non mi risultano altre stampe di francobolli fatte a Londra e dal gennaio 1866 iniziò la stampa a cura dell’officina carte valori di Torino (di alcuni valori non di tutti!)

La De La Rue riprese a stampare francobolli italiani del solo valore da 20 centesimi, in via eccezionale e limitata, nel primo trimestre del 1867 con prima spedizione per l’Italia di 2.400.000 francobolli del 4 maggio 1867



Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
sercastaldo
Messaggi: 1
Iscritto il: 3 gennaio 2019, 10:59

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da sercastaldo »

Caro Maurizio,

E' un piacere ritrovarsi anche in questo luogo :-)

Per dovere di cronaca notare che questo foglio gira per la terza volta in questa asta, a distanza di anni.

La prima volta che il foglio fu proposto vide luce ad una base d'asta di soli 850 dollari...acquisto di sicuro interesse!!

Un caro saluto.

Sergio
Avatar utente
Laurent
Messaggi: 1245
Iscritto il: 20 dicembre 2011, 18:09
Località: FRANCIA

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da Laurent »

Ciao Maurizio,

:clap: :clap: :clap: :clap:

Ciao:
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:

ciao Sergio .....new entry :abb:
ciao Laurent Ciao:


azzardo una traduzione di "pinning marks correct"

visto che marks è plurale ....magari non c’entra nulla ma .... azzarderei un qualcosa del tipo


"segni di puntamento corretti"

nel senso che sul foglio oltre alla normale croce di registro posta sopra il quinto francobollo c’è anche quella centrale

che ci si riferisca anche a questo? ….i segni di puntamento (le 6 croci ??) ) sono corretti?


..sarà un caso che la scritta è sopra la croce centrale?



noterella dubitativa 1


la tavola da stampa numero 85 è realizzata o registrata il 19 marzo 1867 (come da nota precedente intervento)

è la penultima tavola realizzata a Londra (l'ultima è la numero 86/13) può darsi che da questa abbiano stampato agli inizi di giugno visto che l'ultima spedizione partì da Londra il 20 agosto 1867


ma perchè annotare sul foglio che il "pinning marks" qualsiasi cosa volesse dire ....era corretto ??


....…è solo una conferma? un'annotazione sul foglio di stampa?

i francobolli sono in nero quindi non è certo una prova d'archivio che invece deve essere nel colore d'emissione




noterella affermativa 1

le croci (di registro) centrali si vedono anche sui fogli delle prove di colore del valore da 15 centesimi degli inizi del 1864

immagino servissero da guida per il taglio verticale dei fogli, che al centro non erano dentellati, in due parti da 200

successivamente a Torino dentellavano i fogli anche nella parte centrale e quindi le due croci in mezzo al foglio non compaiono più .....non servivano più



come vedete in mancanza di documentazione ancor permangono interrogativi.... :leggo: :leggo:
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:


altro lotto di interesse della scorsa asta Cherrystone

Cherrystone cartoncino 9 may 1865.jpg



si tratta della stampa su cartoncino patinato della prova del conio dell’effigie di Vittorio Emanuele II racchiusa in un cerchio con la dicitura “Vittorio Emanuele II re d’Italia” e fregio a foglie

questo tipo di conio (immagine in un cerchio) è riconducibile alla stampa delle marche da bollo di cui ai decreti n. 1588 del 20.12.1863 “marche da bollo per cambiali e per gli effetti di commercio” e n. 1385 del 02.08.1863 “marche da bollo per le tasse di bollo dovute in ragione della dimensione della carta”



img222sesta.jpg



qualche "passaggio prima" la prova sarebbe stata questa ....con "i capelli ancora pieni" (era in un'asta Filsam)


conio FILSAM 43-581-1.jpg


scrive Franco Filanci in "De La Rue a scuola di carte valori"



img222quinques.jpg




Ma la particolarità del cartoncino in asta Cherrystone è la data riportata sullo stesso “May 9, 1865”




Perché nel maggio 1865 venne eseguita la stampa su cartoncino del conio realizzato più di due anni prima per le marche da bollo?




Potrebbe trattarsi di una prova eseguita in previsione della spedizione del materiale per la prima dotazione della costituenda Officina Carte Valori di Torino, a dimostrazione che il conio era ancora in perfetto stato.

Si era a quattro mesi dall’inizio delle spedizioni del materiale dalla De La Rue all'OCV (settembre 1865) ma evidentemente non si prevedeva di farne ancora uso, visto che c’erano i punzoni ricavati da quella incisione.



scrive inoltre Franco Filanci



img222quater.jpg



Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:


....che a volte basta cercare una cosa per trovarne un'altra.

ecco allora che sfogliando il catalogo enciclopedico Bolaffi dei francobolli del regno (1981) c'è la riproduzione del foglio intero della tavola 85, quella del "pinning", con anche il suo "negativo" 12 in cerchio già noto per via della nota delle 5 tavole della provvista straordinaria del 20 c. Bigola fatte a Londra nel 1867


quello visto fino ad ora
20 c. Bigola - 85 foglio nero saggio.jpg


sul catalogo Bolaffi

20 c. Bigola - 85 foglio catalogo Bolaffi.jpg


particolare del "pinning" e dei due numeri di tavola, 85 positivo ( :lente: rettangolo a un filetto) e 12 negativo
20 c. Bigola - 85 foglio particolari.jpg


la nota delle 5 tavole realizzate a Londra nel 1867
20 c. Bigola numeri LONDRA 1867.jpg



prima o poi bisogna che mi decida a mettere un pò d'ordine in tutti gli appunti sui numeri di tavola


Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Ciao: Ciao:


ecco che mi torna utile utilizzare il cartoncino con le annotazioni sulle tavole prodotte dalla De La Rue per la provvista straordinaria del valore da 20 centesimi

sono riportati i numeri delle tavole, le date (penso) della loro registrazione e le date della spedizione da Londra a Torino dei primi due invii del maggio 1867 dei francobolli stampati

20 c. Bigola _ tavole DLR e spedizioni 1867.jpg

mi pare non si possa discutere su:

1. si tratta delle 5 tavole realizzate a Londra dalla De La Rue per la provvista straordinaria di francobolli da 20 centesimi

2. c'è l'indicazione dei numeri delle tavole e al 28 marzo 1867 risulta registrata la tavola numero 86 (con il numero negativo 13 cioè è la tredicesima fatta di questo valore)

3. non mi risulta che la De La Rue abbia preparato altre tavole in tempi successivi al marzo 1867 nè stampato francobolli italiani dopo la provvista straordinaria del 20 centesimi

4. se quanto ai punti precedenti è vero e se la numerazione delle tavole ha un senso



...... resta per me un dubbio su come un foglio con il numero di tavola 119 sia attribuibile alla tiratura di Londra


tav. 119.jpg
tav. 119 descr.jpg


se come penso la colla di questo foglio ha tutte le caratteristiche "londinesi", cioè bianca , quasi trasparente, significa solo che l'officina di Torino sta utilizzando ancora la colla inglese e la applica con modalità simili ma dal poco che intravedo dall'immagine sgranata la dentellatura "sghimbescia" è tipica del pettine torinese.



già ne discussi


....ma la tiratura londinese è stata certificata .....




PS solo per specializzati

al 31.12 .1868 l'ultima tavola in inventario dell'officina carte valori di Torino è la numero 102 , la quarta del valore da 60 centesimi ;-) ....ancora 17 tavole per arrivare alla 119 (la quinta di questo valore)......
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

maupoz ha scritto: 28 settembre 2019, 15:10
...... resta per me un dubbio su come un foglio con il numero di tavola 119 sia attribuibile alla tiratura di Londra


il dubbio è ancor più grande quando lo stesso perito certifica un quarto di foglio del 60 centesimi con il numero di tavola 102 come ......tiratura di Torino


mah! siamo certamente ( e abbbbbbbondantemente) dopo dopo il marzo 1867

....il foglio 102 ...a Torino e il foglio 119 ...a Londra


doppio mah! .....misteri della scienza filatelica


Ciao: Ciao:

60c-torino-foglio 102.jpg
60c-torino-certificato.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Avatar utente
Stefano T
Messaggi: 2019
Iscritto il: 21 luglio 2007, 12:44
Località: Trieste

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da Stefano T »

maupoz ha scritto: 28 settembre 2019, 15:10 ...... resta per me un dubbio su come un foglio con il numero di tavola 119 sia attribuibile alla tiratura di Londra
....

già ne discussi

....ma la tiratura londinese è stata certificata .....
Ma ancora là stai, Maurizio? :-))
Tiratura di Londra con quella dentellatura, colore e stampa? E pure numero di Tavola 119?
Ciao: Ciao: Ciao:

Stefano
-------------

S T A F F


Colleziono nuovi ** del Regno d'Italia, Trieste A e B con varietà, Occupazione Jugoslava di Trieste, Istria e Litorale Sloveno e IV di Sardegna

SOSTENITORE
Avatar utente
maupoz
Messaggi: 2167
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 16:07
Località: MILANO

Re: noterelle ... fogli, numeri e varie ... dal 1863 al 1879

Messaggio da maupoz »

Stefano T ha scritto: 30 settembre 2019, 16:01 Ma ancora là stai, Maurizio? :-))
Tiratura di Londra con quella dentellatura, colore e stampa? E pure numero di Tavola 119?

caro Stefano

il "pezzo" è garantito e certificato (e qui i periti austriaci non c'entrano)

ciò comporta l'avverarsi della famosa "legge del Menga"

;-) chi acquista un pezzo certificato ...fa un affare assicurato... :-)
Maurizio

"Sicché dunque, disse Pinocchio sempre più sbalordito, se io sotterrassi in quel campo i miei cinque zecchini, la mattina dopo quanti zecchini ci troverei?"
"È un conto facilissimo, rispose la Volpe, un conto che puoi farlo sulla punta delle dita. Poni che ogni zecchino ti faccia un grappolo di cinquecento zecchini: moltiplica il cinquecento per cinque e la mattina dopo ti trovi in tasca duemila cinquecento zecchini lampanti e sonanti."
"Oh che bella cosa!" gridò Pinocchio, ballando dall'allegrezza.
Rispondi

Torna a “I francobolli De la Rue”

SOSTIENI IL FORUM