Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale del Regno delle Due Sicilie - Domini al di là del faro - Sicilia
Rispondi
Marco73
Messaggi: 8
Iscritto il: 10 maggio 2019, 23:40

Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Marco73 »

Buonasera a tutti,
Potrei avere qualche chiarimento sulle tariffe postali in essere nei domini insulari del Regno delle Due Sicilie durante l’uso dei francobolli di Ferdinando II?

Nei vari testi si legge che la tariffa per una lettera semplice di un foglio spedita al di fuori del distretto era di due grana, per una di un foglio e mezzo era di tre grana e per una di due fogli era di quattro grana. Oltre i due fogli la tassa era di 5 in 5 trappesi (ca. 4,35 grammi) sino all’oncia (pari a 30,40 trappesi, ca. 26,45 grammi) cui corrispondeva la tariffa di 8 grana, tollerandosi le frazioni non maggiori di un trappeso (ca. 0,87 grammi).

Devo ammettere che la frase “Oltre i due fogli la tassa era di 5 in 5 trappesi sino all’oncia” non è, almeno per me, di immediata comprensione. Tuttavia, ho provato a svilupparla come descritto qui sotto:
1) Numero di fogli 1 (peso irrilevante) --> tariffa 2 grana
2) Numero di fogli 1 e 1/2 (peso irrilevante) --> tariffa 3 grana
3) Numero di fogli 2 (peso irrilevante) --> tariffa 4 grana
4) (Numero di fogli irrilevante) peso di 15,40 trappesi --> tariffa grana 5
5) (Numero di fogli irrilevante) peso di 20,40 trappesi --> tariffa grana 6
6) (Numero di fogli irrilevante) peso di 25,40 trappesi --> tariffa grana 7
7) (Numero di fogli irrilevante) peso di 30,40 trappesi (= 1 oncia) --> tariffa grana 8

La mia interpretazione è corretta? Ma quindi, per esempio, una lettera che pesava 22,9 trappesi (a metà strada tra la tariffa di 6 e quella di 7 grana) pagava 6 grana e 1/2?

Rimane poi chiaro che le tariffe per le lettere assicurate spedite al di fuori del distretto erano il doppio di quelle per le lettere semplici mentre quelle spedite all’interno del distretto erano la metà delle stesse.

Grazie davvero a coloro che mi risponderanno.
Marco
Avatar utente
Erik
Messaggi: 1651
Iscritto il: 13 luglio 2007, 10:42
Località: Fabriano
Contatta:

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Erik »

Ciao Marco,
la progressione delle tariffe era questa:

1 foglio ---> 2 grana
1 foglio e 1/2 ---> 3 grana
2 fogli ---> 4 grana
da 11 a 15 trappesi ---> 5 grana
da 16 a 20 trappesi ---> 6 grana
da 21 a 25 trappesi ---> 7 grana
da 26 trappesi a 1 oncia ---> 8 grana
da 1 oncia a 1 oncia e 5 trappesi ---> 9 grana
da 1 oncia e 5 trappesi a 1 oncia e 1/4 di oncia ---> 10 grana
.................................................. a 1 oncia e 10 trappesi ---> 11 grana
.................................................. a 1 oncia e mezza ---> 12 grana
.................................................. a 1 oncia e 20 trappesi ---> 13 grana
.................................................. a 1 oncia e 3/4 di oncia ---> 14 grana
.................................................. a 1 oncia e 25 trappesi ---> 15 grana
.................................................. a 2 once ---> 16 grana

Questo risponde anche alla tua domanda sulla tariffa di una lettera di 22,9 trappesi: era 7 grana :-)

Ciao:
S T A F F

Enrico Carsetti
---

Sul (vecchio) Forum dal 6 dicembre 2003

Guarda le mie vendite su ebay
o sulla mia nuova pagina facebook "Collezionando"

"Chi condivide con gli altri le proprie passioni viene trasportato in una vita incantata di felicità interiore che gli egoisti non conosceranno mai." (Richard Bach)
Marco73
Messaggi: 8
Iscritto il: 10 maggio 2019, 23:40

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Marco73 »

Grazie Erik,
Chiarissimo ed utilissimo.
Come si spiega allora un'affrancatura di 15 grana assicurata come quella in vendita tra qualche giorno in Corinphila (https://corinphila.ch/en/_auctions/&act ... lotno=5668)?
Poteva essere magari una lettera da 21 a 25 trappesi che includeva anche una circolare da un foglio per cui si spiegherebbe il grano in più?
Ciao
Marco
Avatar utente
Roscianum
Messaggi: 378
Iscritto il: 27 aprile 2008, 12:17
Località: Rossano (CS)

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Roscianum »

Ciao:
Attenzione nel 1860 il diritto di assicurazione era fisso e di 10 grana.
Ciao: Ciao:
Colleziono bolli ed annullamenti fino al 1900 della provincia di Cosenza

"Collezionare francobolli è il primo passo verso l'alienazione mentale"
Honore de Balzac
Avatar utente
Tregelsi
Messaggi: 24
Iscritto il: 23 agosto 2014, 15:26

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Tregelsi »

Roscianum ha scritto: 14 gennaio 2021, 16:53 da Roscianum » 14 gennaio 2021, 16:53


Attenzione nel 1860 il diritto di assicurazione era fisso e di 10 grana.
Buonasera Roscianum, da dove ha desunto questa affermazione?
Avatar utente
Tregelsi
Messaggi: 24
Iscritto il: 23 agosto 2014, 15:26

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Tregelsi »

stessa asta, anche la tariffa di questa lettera è poco interpretabile :?:



cd39d31deae72c21b13c73987f1f9c28c2e5d0bc.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Marco73
Messaggi: 8
Iscritto il: 10 maggio 2019, 23:40

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Marco73 »

Roscianum ha scritto: 14 gennaio 2021, 16:53 Ciao:
Attenzione nel 1860 il diritto di assicurazione era fisso e di 10 grana.
Ciao: Ciao:
Anch'io non ho contezza di questa direttiva nel periodo di utilizzo dei francobolli di Ferdinando II ...
Marco
Avatar utente
Roscianum
Messaggi: 378
Iscritto il: 27 aprile 2008, 12:17
Località: Rossano (CS)

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Roscianum »

Ciao:
Mi scuso con Marco73 e con Tregelsi per l'affermazione completamente sbagliata di cui sopra (evidentemente non era connesso in quel momento :dub: :leggo: ). Per farmi perdonare accludo un trafiletto che spero vi sia utile: Il regolamento borbonico emanato il 28 settembre 1857 stabiliva per le “assicurate” il pagamento del doppio della tassa normale, tale tariffazione cambiò in periodo luogotenenziale quando con i decreti n°155 e n°156 del 6 Gennaio 1861 (in vigore dal 1 marzo 1861), fermo restando la monetazione in grana e le tariffe borboniche per le lettere, mutò invece il diritto di assicurazione/raccomandazione che diventò fisso adeguandosi ai 40 centesimi, pari a 10 grana, in vigore nel resto delle province. Questa norma restò spesso inapplicata, soprattutto fino al luglio/agosto del 1861, poiché per consuetudine o ignoranza del regolamento molti impiegati postali continuarono ad utilizzare, la più conveniente, tariffazione borbonica.
Ciao:
Nilo
Colleziono bolli ed annullamenti fino al 1900 della provincia di Cosenza

"Collezionare francobolli è il primo passo verso l'alienazione mentale"
Honore de Balzac
Avatar utente
Tregelsi
Messaggi: 24
Iscritto il: 23 agosto 2014, 15:26

Re: Tariffe postali in vigore nel 1859/1860

Messaggio da Tregelsi »

Grazie Roscianum delle utili informazioni, le mie competenze terminano ... il 23 luglio 1860 con la partenza da Messina dell'ultima lettera con i francobolli del Borbone. Ma è interessante il principio di aumentare la tariffa delle "assicurate" dei primi porti e di ridurla per le affrancature più alte!!
:cin:
Rispondi

Torna a “Regno di Sicilia”

SOSTIENI IL FORUM