Oggi è 23 giugno 2018, 18:05

PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Forum di discussione sulle emissioni e la storia postale di Austria ed Ungheria
Rispondi
fil.antropo
Messaggi: 72
Iscritto il: 8 gennaio 2018, 17:30

PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fil.antropo » 17 gennaio 2018, 16:43

Parecchio tempo fa ho sottoposto a perizia una lettera affrancata con un esemplare del 3 Kreuzer, carta a macchina, primo tipo, tavola B, annullo a cerchio semplice di Brunico (lettera da Brunico a Sillian nella Val Pusteria), di cui allego l'immagine del particolare. Il perito ha confermato la tavola e il tipo (sottotipo più comune il 2-2), ma non l'ha firmata perché presenta un piccolo strappo (come potete vedere) avvenuto al momento di separare in francobollo dal resto del foglio; ma non era questo il quesito. Il quesito riguardava infatti le tacche presenti nel francobollo. Ed in effetti il perito (uno dei più stimati periti italiani ancora operante) mi ha risposto "percé mal riuscito". Ho inserito nell'immagine delle indicazioni per evidenziare i particolari...perché purtroppo i miei mezzi di scansione sono insufficienti). Fino a quel momento io conoscevo il percè di Tokay in Ungheria, però sono convinto che anche altri abbiano tentato privatamente, forse qualche mastro di posta, di realizzare un percé a taccheggio, in modo da favorire la separazione dei francobolli dal foglio. Non mi ricordo di aver visto in aste qualche esempio, ma non sempre leggo attentamente le descrizioni. Avete per caso notizia di un percé realizzato a Brunico, o in un'altra qualsiasi zona dell'Impero Austriaco, sulla prima emissione? Grazie. :-) :-) :-)
Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Avatar utente
Laurent
Messaggi: 1222
Iscritto il: 20 dicembre 2011, 18:09
Località: FRANCIA

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da Laurent » 17 gennaio 2018, 17:12

Ciao fil.

hai ragione, eccetto a Homonna e Tokay dove furono utilizzati i perce' di F. Bazony, non si conosce altri tentativi in Austria-Ungheria... Ecco un interessante pezzo!
poi si nota che la separazione sarebbe stata prevista soltanto per il lato verticale... curioso ?

:ricerca: :holmes: Ciao:

fil.antropo
Messaggi: 72
Iscritto il: 8 gennaio 2018, 17:30

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fil.antropo » 17 gennaio 2018, 20:33

Si, scusa mi ero dimenticato di Homonna... :mmm: Quello che ho presentato può considerarsi anche un tentativo isolato e maldestro, in quanto poi l'autore, visto l'insuccesso, ha optato alla fine di utilizzare le forbici...non so se lo abbia fatto anche per gli altri esemplari del foglio...
Per quanto ho visto in questi anni (non ho mai abbandonato la filatelia iniziata la passione giovanissimo - a 7 anni- ma ci sono rimasto lontano, dopo la giovinezza per decenni), erano attuate anche separazioni a strappo (per i francobolli di spessore sottile), oppure seguendo una precedente delineatura a secco, come nella immagine allegata (è di carta spessa, ho indicato le linee con frecce), ma, alla fine, si optava spesso per la forbice più pratica. Nel francobollo di cui alla figura iniziale proprio la forbice, infatti, può aver eliminato la perforazione a trattini superiore ed inferiore, che rimane, invece, negli spazi laterali. Per questo chiedo se altri abbiano notato simili tentativi di perforazione a trattini (percé en ligne) nei francobolli della prima emissione. La lettera ... :pray: :cry: l'ho acquistata dal commerciante di Bolzano dr. Josef Überbacher, in un convegno a Venezia....immaginatevi voi quanti anni fa...che voleva anche acquistare da me anche un francobollo da 3 kr. della prima emissione, con un discreto difetto di cliché, ma io giovane collezionista di Austria ho resistito, e non gliel'ho voluto vendere...e ce l'ho ancora :-) :-)) :-)

Ciao: Ciao:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8813
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fildoc » 18 gennaio 2018, 8:21

casuale
a volte i francobolli erano pretagliati a striscie
la divisione poi a uno , a due (per 30 cent) o a 3 (per 45 cent)
veniva operata a strappo lungo dei taglietti di invito
qui avvenne qualcosa di simile:
venne separato con un righello/coltello che aveva il bordo seghettato
(fai una prova con un coltello da pizza su una striscia di carta....)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8813
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fildoc » 18 gennaio 2018, 8:24

Anche l'altro mi ispira poco...
potrebbe essere postumo o fatto senza un fine preciso
non puo' essere comunque un artefatto tipografico
lo terrei come mera curiosita'...
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc


fil.antropo
Messaggi: 72
Iscritto il: 8 gennaio 2018, 17:30

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fil.antropo » 18 gennaio 2018, 9:49

Grazie fildoc,

nel primo caso i taglietti di invito...sono appunto un perçage, per quanto artigianale possa essere.

Nel secondo caso si vede bene che il lavoretto è precedente all'annullo perché la parte incisa lascia spazio in alcuni punti meno inchiostrati all'annullo.

Si certo, sono curiosità, ma nel primo caso vorrei sentire anche qualche altra opinione, ovvero se esistono altri casi di perçage artigianale...se qualcuno ne conosce. :-) :-) :-)

Ciao: Ciao:

raffaele1961
Messaggi: 225
Iscritto il: 20 febbraio 2011, 18:47

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da raffaele1961 » 18 gennaio 2018, 10:26

Non ho mai visto fb simili, eccetto i casi citati, eppure seguo da moltissimi anni la storia postale inerente soprattutto la prima serie. Il mio interesse è concentrato su Triest Dalmazia e Südtirol. L'unica cosa che mi può venire in mente è che nel primo caso sia stata usata una forbice sagomata tipo da sarto che tagliava la carta a zig zag simmetrico oppure come giustamente detto da fildoc i fb sono stati separati con un coltello seghettato . Concordo che sono delle curiosità. Nel primo caso però contatterei Ferchenbauer l'unico che nel campo Austriaco potrebbe dare un suggerimento o un ulteriore ipotesi.

fil.antropo
Messaggi: 72
Iscritto il: 8 gennaio 2018, 17:30

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fil.antropo » 18 gennaio 2018, 14:02

Grazie Raffaele1961,

infatti avrei un po' di materiale da mandare a Ferchenbauer....ma dovrei andare direttamente a Vienna, perché delle poste non mi fido tanto...ho già avuto esperienze negative in passato come ho segnalato nell'apposito spazio "furti".

In questo caso "v. prima foto", se fosse stata usata la forbice seghettata sarebbe davvero stata usata e si vedrebbe anche nell'altro margine e nei margini inferiore e superiore :-)) mentre il tratteggio è precedente, perché poi è stata utilizzata una forbice normale.

D'altro canto il francobollo è bene applicato nella lettera, lo strappetto che si vede in corrispondenza della cimetta di alloro a sinistra, è precedente all'applicazione ed è dovuta all'insuccesso dello strappo utilizzando il taccheggio. Alla mala parata, l'addetto ha preferito non insistere ed ha utilizzato le forbici non ritentando la stessa operazione a destra dove ancora si notano i taglietti.

So che è un affare cavilloso, tra l'altro se n'è accorto un perito che l'ha esaminata utilizzando mezzi di indagine più potenti dei miei e concludendo per il perçage, sia pure mal riuscito.

Se tu cerchi proprio quel periodo e quell'area geografica in particolare, mi interessa molto.

Bisognerebbe cercare se altri francobolli della tavola su carta a macchina "B", primo tipo, utilizzati a Brunico o nella zona, hanno questa particolarità, potrebbero esserci dei francobolli nei quali il perçage sia riuscito bene e abbia dato buon esito. Nuovo perçage di Bruneck? E' un'ipotesi di studio credo affascinante. Tra l'altro per quanti studi siano stati fatti, questa emissione rivela sempre delle novità. Il riutilizzo del primo tipo su carta a macchina per l'1 kreuzer e il 3 kr., è noto, ma è già questo una particolarità che gli altri valori della serie non hanno, almeno questo sembra...

Che si tratti di un solo foglio? Che sia stato fatto per più fogli? Non lo so. Ho avuto per le mani centinaia di francobolli della prima emissione, altre migliaia ne vedo nei vari siti, ma finora, tranne quelli di Tokaj e Homonna...di perçage non ne ho visti. :-) :-) :quad: :quad: :quad:

Ciao: Ciao:

Avatar utente
fildoc
Messaggi: 8813
Iscritto il: 16 luglio 2007, 22:12
Località: Verona

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fildoc » 18 gennaio 2018, 15:02

no
quasta era una striscietta gia' tagliata con forbici normali e
il primo della striscia lo hanno tolto con un righello/coltello seghettato.

Nessun percè a Brunico

Andare a trovare Ferchenbauer potrebbe essere un'amara sorpresa...
Fa finta di parlare solo tedesco anche se sa l'italiano abbastanza bene,
è un po scontroso (va a giornate...) e arrogante,
non ama gli italiani (e forse a ragione...),
non conosce tutto sui francobolli antichi dell'Austria, ma segue solo dei settori
per esempio, malgrado il catalogo a suo nome sfoggi un numero impareggiabile di difetti di clichè,
questo tipo di difetti non è un suo interesse!
Ama invece le truffe postali dell'epoca.....
Le sue perizie, se capiti nella giornata sbagliata, potrebbero costarti molto....
+-x:
Sommiamo le idee, riduciamo gli ostacoli, moltiplichiamo le relazioni e condividiamo le conoscenze!


ciao
Ciao: Ciao: Ciao:
Fildoc

Avatar utente
debene
Messaggi: 5522
Iscritto il: 13 novembre 2011, 16:19
Località: Bari - Italy
Contatta:

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da debene » 18 gennaio 2018, 15:39

Scusa Massimiliano se scherzo ma ...

... mi sembra che tu abbia descritto il filatelista tipo! :-)) :-)) :-))

Ciao:

sergio
Sergio De Benedictis
Sostenitore
Socio C.I.F.T. - A.I.C.A.M - A.N.C.A.I. - U.S.F.I. - A.I.M. - I.S.S.P.

Quando la Filatelia è culturaLink al mio sito : Esculapio Filatelico

Visita la mia rubrica sul Postalista :Il bastone di Asclepio

Guarda le mie vendite su Delcampe: nickname "debene".

I miei interessi :
Tematica medica; Antichi Stati; Storia Postale di Bari; Precancel U.S.A., Affrancature Meccaniche; Letteratura Filatelica; Erinnofili;Collezione A.S.F.E.

fil.antropo
Messaggi: 72
Iscritto il: 8 gennaio 2018, 17:30

Re: PRIMA EMISSIONE AUSTRIACA PERCE' A BRUNICO?

Messaggio da fil.antropo » 18 gennaio 2018, 17:17

fildoc ha scritto:
18 gennaio 2018, 15:02
no
quasta era una striscietta gia' tagliata con forbici normali e
il primo della striscia lo hanno tolto con un righello/coltello seghettato.

Nessun percè a Brunico

Andare a trovare Ferchenbauer potrebbe essere un'amara sorpresa...
Fa finta di parlare solo tedesco anche se sa l'italiano abbastanza bene,
è un po scontroso (va a giornate...) e arrogante,
non ama gli italiani (e forse a ragione...),
non conosce tutto sui francobolli antichi dell'Austria, ma segue solo dei settori
per esempio, malgrado il catalogo a suo nome sfoggi un numero impareggiabile di difetti di clichè,
questo tipo di difetti non è un suo interesse!
Ama invece le truffe postali dell'epoca.....
Le sue perizie, se capiti nella giornata sbagliata, potrebbero costarti molto....
Caro fildoc,
...ti ringrazio per la gentile risposta ma tagliare un francobollo in una striscia già tagliata con un coltellino seghettato perché? Quando gli altri lati sono tagliati con la forbice? Non mi sembra proprio un'azione normale...ci vuole tutta ad utilizzare due strumenti diversi...è evidente che la taccheggiatura era precedente al taglio e visto il risultato fu superata dalla constatazione della migliore praticità dell'uso della forbice, anche perché la taccheggiatura era forse troppo poco profonda in relazione allo spessore della carta non ha funzionato a dovere.

Si vede bene che ci sono le tacche (fatte artigianalmente quanto si vuole e non a macchina) e c'è lo strappo lungo la taccheggiatura in parte coperta dall'annullo.

La lettera non è mai stata manomessa, in quanto è fresca e perfetta, semplicemente chi me l'ha venduta (il dott. Überbacher di Bolzano, che come ho visto era genero di Ladurner di Merano, un altro importante personaggio del mondo filatelico austriaco), semplicemente non ci ha fatto caso anche perché a prima vista il francobollo era difettoso e così è passata in secondo piano e poi a me che cercavo in quel tempo annulli comuni di quella zona(era solo una passione e potevo spendere ben poco in francobolli) e poi, invece, ho ritenuto di approfondire la ricerca su questo francobollo.

Comunque se altri hanno suggerimenti li accolgo volentieri. E' caso isolato, ce ne sono altri? Senza pretese di creare delle immaginarie rarità ma solo per studio e approfondimento, vorrei sapere infatti se di questa tavola "B", del tipico colore "rosso pomodoro", con annullo Bruneck, si conoscono altri esemplari e confrontarli, non si sa mai... :pray: ;-) ;-) Grazie a tutti!!!

In quanto a Ferchenbauer, nel passato una volta sola gli ho spedito dei miei francobolli, scrivendogli in inglese e ho ricevuto una risposta gentile...in italiano...che credo in effetti conosca abbastanza bene. :-)

Ciao: Ciao:


Rispondi

Torna a “Austria ed Ungheria”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Sostieni il forum: