La posta egiziana parlava italiano

di Andrea Bizio Gradenigo

[ Lettera dal Cairo del 29 marzo 1980 con annullo Poste Egiziane * Cairo * ]
Fu un livornese, Carlo Meratti, a svolgere ad Alessandria d’Egitto le funzioni di collettore di corrispondenza con l’Europa, già attorno al 1820. Nel 1840 le lettere raccolte dal Meratti venivano inoltrate con un timbro con la scritta “Posta Europea”.
Gli successero due nipoti, Cleto e Tino Chini nel 1843, cui si aggiunse un bolognese, Giacomo Muzzi.
Questo diede un notevole sviluppo all’iniziativa, che si estese anche all’interno dell’Egitto, con propri uffici postali.

[ Poste Khedevie Egiziane – 1872 (Yvert nn 10A e 11A e 14/20) ] 
Il servizio era così efficiente che se ne servivano le stesse poste statali fino al 1862, quando Said Pascià abolì il servizio postale di Stato e affidò il monopolio postale alla Posta Europea del Muzzi.
La cosa era evidentemente molto anomala, ed alla morte di Said Pascià il suo successore, Ismail Pascià, acquistò tutta la struttura della posta privata del Muzzi per la bella somma (siamo nel 1865) di 950mila franchi oro.
Dal 1° gennaio 1866 la posta privata del Muzzi divenne la nuova Posta Egiziana. Il Muzzi fu insignito del titolo di Bey e ne divenne direttore generale, carica che mantenne fino al 1877, anno in cui pare rientrò in Italia.
Il fatto che gli annulli, e poi anche i francobolli egiziani, avessero scritte in italiano trae origine sì da questi antefatti, ma anche dal motivo che una volta nel Levante la lingua italiana fosse molto usata fino alle seconda metà dell’Ottocento.

Andrea Bizio Gradenigo

con i contributi di Mario (pescatorediperle) e Giuseppe Ghetti

Giovanni Piccione 135 Articoli
Creatore, nel 1999, del sito Filatelia e Francobolli. Da subito ha accarezzato l'idea di creare una community di collezionisti filatelici on line e dopo varie piattaforme ed aggiustamenti fonda, nel 2002, il Forum di Filatelia e Francobolli, il primo Forum Filatelico italiano. Nel 2006 nasce, dal Forum, FilateliCa oggi l'unico Congresso Filatelico CULTURALE e non commerciale in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento