RENATO MONDOLFO – I RICORDI DI UN COLLEZIONISTA

DI ANTONELLO CERRUTI

Renato Mondolfo (10/02/18 – 02/02/1992) è stato un personaggio importantissimo nel panorama filatelico italiano e non solo. Il suo nome compare, fra gli altri, anche nel  Roll of Distinguished Philatelists dal 1984.

Antonello Cerruti così lo ricorda nel nostro Forum il 07/11/2007

Renato Mondolfo l’ho conosciuto molto meglio di Giulio Bolaffi eppure (o forse proprio per questo) mi è assai più difficile da ricordare in maniera univoca.
Già, quale Renato Mondolfo devo qui ricordare?
Renato Mondolfo è stato uno dei più grandi commercianti ed esperti di tutto il mondo!!!
Renato Mondolfo ha ricevuto nella villa romana i maggiori collezionisti di tutto il mondo.
Lo faceva con grande cordialità….sempre, tranne il martedì ed il mercoledì pomeriggio.
Quei due pomeriggi li dedicava gratuitamente a riguardare (e correggere) tutte le perizie preparate e non ancora firmate dai due maggiori periti romani.
L’ho visto al tavolo da bridge, assieme al famoso “blue team” di cui era membro e sponsor.
L’ho idolatrato quando mi disse: “Sei abbastanza bravo da darci del tu”.
Io avevo venti anni e lui….lui era già da tempo Renato Mondolfo.
Abbiamo riso insieme quando mi diceva: “Vedi questo francobollo delle Colonie francesi? Dei 25 pezzi esistenti…questo è il quarantesimo (sic!) che ho avuto fra le mani, firmato dai maggiori periti francesi”.
Abbiamo discusso a lungo quando, tornando dalle prime aste di Bolaffi, giocavamo a “gin”
a Caselle, la domenica mattina, aspettando un volo sempre in ritardo.
L’ho ascoltato coprire di ingiurie alcuni “grandi esperti” e fare i complimenti ad alcuni giovani collezionisti.
Di tutti – nel mondo filatelico -, conosceva morte e miracoli, grandezze e miserie e, se era di buonumore, di tutti parlava come un fiume in piena.
In compagnia, si comportava più come un romano (la sua seconda patria che adorava) che come un triestino (la sua città natìa).
Generoso come pochi, non l’ho mai visto comportarsi in maniera avida, eppure è stato uno dei più facoltosi commercianti filatelici di tutto il mondo.
Se in un’asta, in Svizzera come negli Stati Uniti, qualcuno faceva degli acquisti di importo imprevisto ed usava il suo nome come referenza, gli aprivano anche le porte dei caveau.
Però, se qualcuno gli si metteva di traverso oppure commetteva una scorrettezza, – anche non nei suoi confronti – erano dolori veri: con lui aveva chiuso per sempre.
Una sua “debolezza”?
Così come sorrideva delle richieste giudicate troppo alte; derideva quelle troppo basse.
Le une e le altre diventavano – in breve – di dominio pubblico, accompagnate dal suo scherno.
Morì all’improvviso, dopo un giorno passato in mezzo ai suoi francobolli ed una serata trascorsa con in mano (ed in testa) le carte da bridge.
Se qualche commerciante o qualche collezionista non gli deve almeno un pò di gratitudine, vuol dire che non l’ha conosciuto.
Cordiali saluti.
Antonello Cerruti

Giovanni Piccione 135 Articoli
Creatore, nel 1999, del sito Filatelia e Francobolli. Da subito ha accarezzato l'idea di creare una community di collezionisti filatelici on line e dopo varie piattaforme ed aggiustamenti fonda, nel 2002, il Forum di Filatelia e Francobolli, il primo Forum Filatelico italiano. Nel 2006 nasce, dal Forum, FilateliCa oggi l'unico Congresso Filatelico CULTURALE e non commerciale in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento